Editoriale di Settembre

Buongiorno e ben ritrovati,
l’ultimo quadrimestre spesso vale un semestre avendo a disposizione realmente un trimestre.
Come l’ultimo periodo scolastico è il momento per correggere il tiro e prepararsi agli esami di fine anno sperando di essere promossi: è l’ultima occasione per verificare lo stato dell’arte e darsi da fare affinchè si possa chiudere il bilancio in modo virtuoso o perlomeno limitando i danni.
Il mondo finanziario già conosce meglio di noi il nostro andamentale tramite i flussi finanziari, chi non ne fosse conscio nella migliore delle ipotesi si accorgerebbe solo in primavera a presentazione del bilancio da depositare di essere appetibile o a rischio.
Allora è troppo tardi per mettere una pezza a situazioni critiche, anche ammesso di riuscire a farlo le bugie hanno le gambe corte, anzi cortissime.
Vi sono strumenti per verificare la situazione economico finanziaria e più in generale il rischio di default, cioè la probabilità che l’azienda non riesca a far fronte ai propri impegni, richiedono poco tempo e un modesto sforzo economico.
Certo, si è liberi di giocare a mosca cieca con il rinnovo degli affidamenti o con una richiesta di ulteriori finanziamenti, ma spesso è un gioco letale e crudele.
Chiedere informazioni è il primo passo verso la sicurezza e non costa nulla.

Questo mese nella sezione artistica non vi presenteremo un solo artista, ma ben 100: si svolgerà a Milano una prima mostra fotografica sociale con oggetto la città stessa, in un esperimento artistico innovativo a cura di Francesco Tadini nel suo omonimo spazio.

Mi auguro spendiate qualche minuto di pausa per curiosare e magari lasciarci un feedback, come ringraziamento potete scaricare un utile e pratico ebook qui.

Grazie, Marco Simontacchi

Opportunità del mese:
Per il mese di settembre proponiamo l’Analisi del Rischio di Default (ARD) congiuntamente all’Analisi della Centrale Rischi ad un forfait sensibilmente inferiore all’investimento normalmente necessario.
L’analisi congiunta è un report di circa 40 pagine opportunamente commentate e valutate insieme a un Consulente, a cui eventualmente seguiranno proposte e soluzioni concrete per portare l’Azienda a livelli di sicurezza tali da garantire la fascia più alta di rating dato da una probabilità di default decisamente bassa.

Servizio del mese:
Analisi Congiunta Rischio Default e Centrale Rischi

L’Analisi di Rischio di Default dell’Impresa (ARD) 
Rappresenta un’estensione della gestione del rischio finanziario, che determina il Credit Scoring, a fattori Caratteriali e Relazionali, ossia quelle variabili interne ed esterne proprie della struttura aziendale e di tutte le relazioni che possono in modo sostanziale influire sul rischio di default.
Consiste in un approccio metodologico che prende in esame, in un’ottica di conoscenza e valutazione dei rischi, tutti gli aspetti della gestione aziendale: strategie, mercato, processi, risorse finanziarie, risorse umane, tecnologie.
È uno strumento importante per l’identificazione, la classificazione dei rischi e l’ottimizzazione del portafoglio rischi in base al ritorno economico-finanziario conseguito. L’analisi del rischio di default, così come è strutturata permette all’Imprenditore e al Management di valutare efficacemente le incertezze e i conseguenti rischi e opportunità, accrescendo le capacità dell’azienda di generare valore e di valutare le aree a rischio prevenendo le criticità prima del manifestarsi delle indesiderate conseguenze.
I principali vantaggi legati all’ARD sono:
– Maggiore probabilità di raggiungere gli obiettivi aziendali;
– Riduzione del costo del capitale di terzi (miglioramento del rating);
– Maggiore comprensione dei principali rischi e delle loro più ampie implicazioni;
– Determinazione delle priorità di intervento;
– Individuazione e condivisione dei rischi trasversali dell’impresa;
– Minor numero di eventi imprevisti e di relative perdite;
– Maggiore spinta al cambiamento e velocità di risposta alle variate condizioni di business;
– Maggiore propensione al rischio controllato in vista di un rendimento superiore del capitale proprio.
L’ARD rappresenta un approccio globale alla gestione del rischio di impresa, finalizzato ad aumentare e proteggere il valore dell’organizzazione nel breve e nel lungo termine per tutti i suoi attori.

Analisi della Centrale Rischi
La rielaborazione dei dati forniti dalla CR si focalizza sull’indebitamento e la struttura finanziaria di ogni singolo soggetto al fine di individuarne lo stato e la qualità e di consentirne il miglioramento attraverso una costante attività di monitoraggio. Il Report che ne deriva consente, inoltre, di conoscere e gestire le risorse finanziarie del soggetto, in modo tale da migliorare il proprio rating e, quindi, da facilitare l’ottenimento di crediti da soggetti operanti del sistema bancario e finanziario. Esso costituisce, quindi, un valido strumento che permette di tradurre e utilizzare in forma dinamica e costruttiva i dati “statici” contenuti nella Centrale dei Rischi e, quindi di condurre a una migliore composizione degli affidamenti, a un loro migliore utilizzo, a un minor costo e all’individuazione e successiva correzione di eventuali disequilibri dell’indebitamento.

Il Report offre una panoramica completa sugli affidamenti concessi dagli intermediari finanziari e sul loro utilizzo. Le analisi contenute in questo report sono:
UTILIZZO DEGLI AFFIDAMENTI: analisi e rilevazione di eventuali sovrautilizzi o sottoutilizzi degli affidamenti;
ANALISI SCONFINAMENTI: sezione dedicata all’analisi degli sconfini e all’individuazione di eventuali disponibilità che avrebbero potuto compensare, in tutto o in parte, gli utilizzi oltre fido;
STRUTTURA INDEBITAMENTO: studio della composizione dei debiti del soggetto verso il sistema finanziario, suddiviso tra le diverse tipologie di rischio che formano l’indebitamento complessivo;
CREDITI SCADUTI: sezione dedicata ai crediti scaduti autoliquidanti, con la distinzione tra i crediti scaduti pagati e impagati;
SALDO MEDIO: analisi e rilevazione dell’utilizzo medio delle aperture di credito in conto corrente;
INDEBITAMENTO A BREVE: studio dell’incidenza dell’indebitamento a breve rispetto al totale degli affidamenti concessi da ciascun istituto di credito;
POSIZIONI A RISCHIO: situazioni di allerta e pericolo che dovrebbero essere tempestivamente sanate o comunque monitorate;
DIVERSIFICAZIONE: studio della diversificazione dell’indebitamento del soggetto tra i vari intermediari;
OPERAZIONI EFFETTUATE PER CONTO TERZI: individuazione dei finanziamenti erogati dall’intermediario segnalante per conto di un organo deliberante esterno all’intermediario stesso;
OPERAZIONI IN POOL: rilevazione dei finanziamenti concessi da un pool di intermediari, con la distinzione tra la quota di finanziamento dell’istituto di credito capofila e le quote di finanziamento degli altri istituti partecipanti;
CREDITI PASSATI A PERDITA: individuazione di eventuali crediti che gli intermediari considerano non recuperabili o per i quali non ritengono conveniente intraprendere atti di recupero;
RAPPORTI CONTESTATI: focus sui rapporti segnalati che sono oggetto di contestazione, ovverosia per i quali si è ricorso ad un’Autorità terza rispetto alle parti.

Non c’è potenza senza controllo.

L’artista del mese

 

Scarica gratuitamente l'ebook: le 5 trappole da evitare e i 5 pilastri per avere una azienda solida

Please follow and like us:
0

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close