Il Bilancio di Sostenibilità

Il bilancio di sostenibilità, anche noto come bilancio sociale o bilancio ambientale, è uno strumento di rendicontazione che valuta le prestazioni di un’organizzazione non solo dal punto di vista finanziario, ma anche sotto il profilo sociale, ambientale ed etico. Esso fornisce una panoramica completa delle attività e degli impatti di un’azienda o un’organizzazione nei confronti della sostenibilità.

Il bilancio di sostenibilità solitamente comprende tre dimensioni principali:

Ambientale: Valuta gli impatti dell’organizzazione sull’ambiente, inclusi consumi di risorse naturali, emissioni di gas serra, produzione di rifiuti e altre attività che influenzano l’ecosistema.

Sociale: Esamina l’impatto dell’organizzazione sulle persone, considerando aspetti come la responsabilità sociale d’impresa, la gestione delle risorse umane, la diversità e l’inclusione, la salute e sicurezza dei lavoratori, e le relazioni con la comunità.

Economica: Riguarda l’analisi delle performance finanziarie dell’organizzazione, includendo dati relativi ai profitti, agli investimenti, alla creazione di valore economico e alla gestione dei rischi finanziari.

Il bilancio di sostenibilità è un importante strumento per dimostrare l’impegno di un’organizzazione nei confronti della responsabilità sociale e ambientale. In molti casi, le aziende adottano standard internazionali come il Global Reporting Initiative (GRI) per strutturare e comunicare le informazioni nel bilancio di sostenibilità.

La sua elaborazione richiede la raccolta di dati accurati e affidabili su tutte e tre le dimensioni, il coinvolgimento di diverse funzioni aziendali e la trasparenza nella comunicazione delle informazioni. Un bilancio di sostenibilità ben redatto può influenzare positivamente la reputazione di un’organizzazione, attirare investimenti responsabili e favorire la fiducia degli stakeholder.

Secondo quanto emanato dalla Direttiva UE 2022/2464 pubblicata il 16 dicembre 2022, che va a rivedere e modificare la precedente Direttiva UE 2013/34, relativa all’obbligo di “comunicazioni di informazioni di carattere non finanziario” da parte di aziende di grandi dimensioni, si fa presente che dal 2024 la rendicontazione societaria di sostenibilità (Corporate Sustainability Reporting Directive – CSRD) diventerà obbligatoria per tutte le aziende con più di 250 dipendenti, un fatturato superiore ai 50 milioni di euro e un bilancio annuo di almeno 43 milioni.

Nel bilancio di sostenibilità, dovranno essere contenute informazioni su:

  • modello di business e strategie aziendali in materia di sostenibilità;
  • ruolo assunto dagli organi di amministrazione relativamente alla governance dei temi ESG;
  • rapporti con gli stakeholders ed impatto di questi in ambito di sostenibilità;
  • criteri e approcci utilizzati nella gestione dei rischi;
  • descrizione della due diligence in tema ESG;
  • utilizzo di standard di rendicontazione europei uguali per tutte le aziende in funzione della grandezza e del fatturato.

In generale, l’adozione del bilancio di sostenibilità è un passo significativo verso un approccio olistico e responsabile alle attività aziendali e lo strumento per sviluppare e consolidare la Green Reputationaziendale.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

13/12/2023

Immobilizzazioni Immateriali

I beni immateriali devono essere contabilizzati nella voce “Immobilizzazioni Immateriali” in sede di bilancio. Includono asset come avviamento, brevetti, marchi, licenze, diritti d’autore e software. Questi beni hanno un valore economico, ma non hanno una forma fisica tangibile. Pertanto, vanno distinti dai beni materiali (come terreni, edifici, macchinari), che sono classificati in altre categorie di immobilizzazioni.

L’inserimento di beni immateriali nelle immobilizzazioni immateriali consente all’azienda di registrare e monitorare in modo adeguato il valore di tali asset nel corso del tempo. La contabilizzazione di questi beni in modo accurato è importante per riflettere correttamente la situazione finanziaria dell’azienda nel bilancio.

Le immobilizzazioni immateriali vanno ammortizzate nel corso del tempo, poiché perdono valore economico con il passare degli anni. L’ammortamento è la ripartizione sistematica del costo delle immobilizzazioni immateriali su una base temporale, riflettendo il consumo di valore durante il periodo utile dell’asset. Il metodo di ammortamento dipende dalla natura specifica dell’immobilizzazione immateriale e dalle normative contabili adottate dall’azienda.

Ecco alcuni dei metodi più comuni di ammortamento per le immobilizzazioni immateriali:

Ammortamento lineare: Si tratta del metodo più semplice. L’importo dell’ammortamento è costante per ogni periodo contabile. La formula per il calcolo dell’ammortamento lineare è:

Ammortamento lineare =                                                                                                                                    (Costo dell’immobilizzazione immateriale−Valore residuo)/(Periodo utile dell’immobilizzazione immateriale)

Ammortamento per quote fisse: In questo metodo, una percentuale fissa del costo originale viene ammortizzata ogni anno. La formula è simile a quella dell’ammortamento lineare, ma si applica a una percentuale fissa del costo.

Ammortamento per quote fisse =                                                                                                                       (Costo dell’immobilizzazione immateriale)×(Percentuale di ammortamento)/100

Ammortamento accelerato: Questo metodo prevede un ammortamento più rapido nelle prime fasi della vita utile dell’immobilizzazione immateriale. Ciò riflette il fatto che la maggior parte del valore economico viene consumato nei primi anni.

Ammortamento accelerato =                                                                                                                                Saldo iniziale×(Tasso di ammortamento accelerato)/100

La scelta del metodo di ammortamento dipende dalle politiche contabili adottate dall’azienda e dalle normative fiscali vigenti. È importante che l’azienda documenti chiaramente la politica di ammortamento utilizzata nel bilancio e che segua coerentemente tale politica nel tempo.

La contabilizzazione delle immobilizzazioni immateriali ha diversi effetti sul bilancio di un’azienda. Ecco come vengono riflesse nel bilancio:

Attivo immobilizzato: Le immobilizzazioni immateriali sono registrate come attivo immobilizzato nel bilancio. Rappresentano risorse a lungo termine che sono utilizzate nell’attività aziendale per generare reddito nel corso del tempo. L’importo registrato corrisponde al costo originale dell’immobilizzazione immateriale.

Ammortamento Accumulato: Nel corso del tempo, l’ammortamento accumulato aumenterà, riflettendo la parte del valore dell’immobilizzazione immateriale che è stata consumata nel corso degli anni. L’ammortamento riduce il valore contabile netto dell’immobilizzazione immateriale nel bilancio.

Valore Netto Contabile: Il valore netto contabile di un’immobilizzazione immateriale è dato dal suo costo originale meno l’ammortamento accumulato. Questo valore rappresenta il valore contabile residuo dell’immobilizzazione immateriale nel bilancio.

Impatto sui Profitti: L’ammortamento delle immobilizzazioni immateriali influisce direttamente sul calcolo del reddito netto. Poiché l’ammortamento è una spesa, riduce il reddito netto dell’azienda. Tuttavia, l’ammortamento è una spesa non monetaria, poiché rappresenta solo la riduzione del valore contabile dell’immobilizzazione immateriale nel bilancio.

Cash Flow e Liquidità: La contabilizzazione delle immobilizzazioni immateriali non influenza direttamente il flusso di cassa. Tuttavia, l’ammortamento può avere un impatto sui flussi di cassa imponibili, poiché l’ammortamento può essere dedotto fiscalmente.

Rispetto ai criteri di valutazione: Le immobilizzazioni immateriali devono essere valutate secondo i principi contabili in vigore nell’ambito delle norme contabili nazionali o internazionali (ad esempio, IFRS). La valutazione iniziale e la revisione periodica delle immobilizzazioni immateriali sono essenziali per riflettere accuratamente il loro valore nel bilancio.

La contabilizzazione delle immobilizzazioni immateriali impatta sull’attivo dell’azienda, sull’ammontare dei profitti dichiarati e sulla liquidità aziendale nel lungo termine. È importante gestire accuratamente questi elementi per garantire una rappresentazione precisa della situazione finanziaria dell’azienda nel bilancio.

Gli ammortamenti, sebbene rappresentino un modo appropriato per distribuire il costo degli asset lungo il tempo, possono avere alcuni effetti negativi o considerazioni da tenere in considerazione nei bilanci delle aziende.

Riduzione del Reddito Netto: Gli ammortamenti sono considerati spese non monetarie che riducono il reddito netto dell’azienda. Questo può influenzare negativamente la percezione degli investitori e degli analisti finanziari sulla redditività dell’azienda, specialmente se non vengono considerate le componenti non monetarie delle spese.

Impatto sui Ratio Finanziari: La riduzione del reddito netto a causa degli ammortamenti può influenzare diverse misure chiave delle prestazioni finanziarie, come il rapporto di copertura degli interessi e il margine di profitto netto. Questi parametri sono importanti per valutare la salute finanziaria di un’azienda, e una riduzione del reddito netto può influire negativamente su tali indicatori.

Possibile Sottostima del Valore degli Asset: Poiché gli ammortamenti riducono il valore contabile degli asset nel bilancio, potrebbero sottostimare il valore effettivo degli asset dell’azienda nel caso in cui il loro valore di mercato sia superiore al valore contabile. Questo potrebbe non riflettere accuratamente la loro contribuzione alla creazione di valore per l’azienda.

Impatto sulla Distribuzione dei Dividendi: La riduzione del reddito netto a causa degli ammortamenti può influenzare la decisione della società di distribuire dividendi. Una riduzione dei profitti può portare a dividendi più bassi o a una decisione di non distribuirli affatto.

Debito Netto e Copertura degli Interessi: Una riduzione del reddito netto può influire sulla capacità di un’azienda di coprire i suoi interessi sul debito. Ciò può avere implicazioni sulla percezione della solvibilità e della stabilità finanziaria da parte degli investitori e dei creditori.

Effetti Fiscali: Mentre gli ammortamenti riducono il reddito contabile, possono anche influenzare positivamente la situazione fiscale dell’azienda. Tuttavia, è importante considerare che gli ammortamenti fiscali possono differire dagli ammortamenti contabili, e le differenze possono avere implicazioni sul pagamento delle tasse in futuro.

Pur essendo un aspetto contabile necessario, gli ammortamenti possono avere impatti negativi su vari aspetti del bilancio e delle valutazioni finanziarie dell’azienda. La chiave è bilanciare accuratamente la rappresentazione contabile degli ammortamenti con la comprensione del valore reale degli asset e degli impatti sulle prestazioni finanziarie.

Noi ci siamo, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

28/011/2023

L’Importanza delle Note Integrative al Bilancio

Le note integrative al bilancio sono una componente fondamentale di qualsiasi documento finanziario aziendale. Benché spesso trascurate dai meno esperti, queste annotazioni forniscono una panoramica dettagliata delle attività finanziarie di un’azienda, offrendo chiarezza e trasparenza. Svolgono un ruolo cruciale nel contesto della comunicazione finanziaria.

Spiegazione dei Principi Contabili: Le note integrative offrono un contesto essenziale per comprendere gli accordi contabili adottati dall’azienda. Queste spiegazioni dettagliate aiutano gli stakeholder a capire le scelte contabili effettuate e forniscono una base per valutare l’attendibilità dei dati presentati nel bilancio.

Dettagli sulle Politiche Contabili: Le note integrative forniscono informazioni approfondite sulle politiche contabili adottate dall’azienda. Ciò è cruciale per capire come vengono rilevati e valutati gli elementi nel bilancio, come ad esempio gli immobili, gli investimenti e gli ammortamenti. Senza queste informazioni, la comprensione accurata della situazione finanziaria dell’azienda sarebbe difficile.

Eventi Successivi alla Data di Bilancio: Le note integrative aggiornano gli stakeholder su eventi significativi che possono essere verificatisi dopo la data di chiusura del bilancio ma prima della sua pubblicazione. Queste informazioni forniscono una prospettiva aggiornata sulla situazione finanziaria dell’azienda e aiutano gli investitori a prendere decisioni informate.

Rivelazione dei Rischi e delle Incertezze: Le note integrative sono uno strumento essenziale per la rivelazione di rischi e incertezze che possono influenzare le operazioni future dell’azienda. Gli stakeholder possono valutare meglio la sostenibilità a lungo termine dell’azienda e prendere decisioni informate in merito agli investimenti.

Informazioni sul Capitale di Lavoro: Le note integrative forniscono dettagli sulla gestione del capitale di lavoro, inclusi dettagli sulle politiche di credito, le scadenze dei debiti e altre informazioni rilevanti. Queste informazioni sono cruciali per valutare la liquidità e la solidità finanziaria dell’azienda.

Dettagli sulle Parti Collegate: Le note integrative spesso rivelano transazioni con parti collegate, come le società affiliate o i dirigenti chiave. Queste informazioni sono importanti per identificare eventuali conflitti di interesse e garantire che le transazioni siano condotte in modo etico.

Le note integrative al bilancio sono un elemento essenziale per comprendere appieno la situazione finanziaria di un’azienda. Ignorarle significa perdere un’opportunità cruciale per ottenere una visione completa e dettagliata delle attività finanziarie e delle politiche contabili adottate. Gli investitori, analisti e altri stakeholder dovrebbero considerare attentamente queste annotazioni per prendere decisioni informate e sostenibili nel mondo finanziario sempre più complesso.

 

L’attenzione del mondo finanziario alle note integrative al bilancio sta crescendo, poiché gli investitori, gli analisti e gli altri attori del mercato riconoscono sempre più il valore di queste annotazioni dettagliate nel processo decisionale. Le note integrative offrono una visione approfondita della situazione finanziaria di un’azienda, andando oltre i dati numerici presentati nel bilancio. Evidenziamo l’importanza dell’attenzione dedicata a queste note:

Trasparenza e Chiarezza: Le note integrative contribuiscono a garantire la trasparenza e la chiarezza delle informazioni finanziarie. Investitori e analisti apprezzano aziende che forniscono dettagli chiari sulle loro politiche contabili, consentendo loro di valutare meglio la qualità e la sostenibilità dei risultati finanziari presentati.

Gestione dei Rischi: Nell’attuale ambiente finanziario, la gestione dei rischi è cruciale. Le note integrative rivelano informazioni dettagliate sui rischi e sulle incertezze che potrebbero influenzare l’andamento futuro dell’azienda. Gli investitori sono sempre più consapevoli della necessità di comprendere non solo i risultati passati, ma anche i potenziali ostacoli che potrebbero emergere.

Conformità Normativa e Standard Contabili Internazionali: Le note integrative sono spesso un punto chiave per dimostrare la conformità alle normative e agli standard contabili internazionali. Le aziende che forniscono informazioni complete e accurate attraverso le note integrative possono guadagnare fiducia da parte degli investitori internazionali e dimostrare un impegno verso le migliori pratiche contabili.

Decisioni di Investimento Informate: Gli investitori professionali stanno prestando sempre più attenzione alle note integrative per ottenere una comprensione più approfondita delle opportunità e dei rischi legati a un’azienda. Queste informazioni dettagliate sono fondamentali per prendere decisioni di investimento informate e per gestire in modo efficace il proprio portafoglio.

Impatto sull’Immagine Aziendale: La qualità delle note integrative può influenzare l’immagine complessiva di un’azienda. Un’attenzione accurata a queste annotazioni indica un impegno per la trasparenza e una volontà di condividere informazioni rilevanti con gli stakeholder. Al contrario, una scarsa qualità delle note integrative potrebbe sollevare dubbi sulla gestione aziendale e sulla sua volontà di comunicare apertamente.

Auditing e Verifica: Le note integrative sono spesso il punto focale durante l’auditing dei bilanci. Gli auditor esaminano attentamente queste annotazioni per confermare la correttezza delle rappresentazioni contabili e identificare eventuali aree di potenziale rischio.

L’attenzione crescente del mondo finanziario alle note integrative al bilancio riflette la consapevolezza della loro importanza nell’analisi finanziaria. Le aziende che riconoscono questo fatto e investono nella qualità delle loro annotazioni stanno contribuendo a creare un ambiente finanziario più trasparente, affidabile e orientato alla gestione responsabile delle risorse.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

22/11/2023

Bilanci mensili SP e CE per la governance aziendale

La governance aziendale è un aspetto fondamentale per il successo e la sostenibilità di qualsiasi impresa. Una corretta governance assicura che le attività dell’azienda siano gestite in modo responsabile, etico ed efficiente, garantendo al contempo la trasparenza e l’accountability nei confronti degli stakeholder. In questo contesto, i bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati rivestono un ruolo cruciale.

Monitoraggio Finanziario Tempestivo. I bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati forniscono una panoramica accurata e tempestiva delle finanze aziendali. Consentono ai decisori aziendali di monitorare l’andamento finanziario in tempo reale, individuando rapidamente eventuali deviazioni o problemi. Questo è particolarmente importante per prendere decisioni correttive immediate e mitigare potenziali rischi.

Pianificazione e Budgeting. I bilanci mensili e i documenti finanziari dettagliati sono essenziali per la pianificazione finanziaria e la creazione di budget realistici. Gli obiettivi finanziari a breve e lungo termine possono essere stabiliti in base ai dati presenti in questi documenti. Le performance aziendali possono essere confrontate con le previsioni, consentendo ai responsabili di apportare modifiche alla strategia, se necessario.

Tracciabilità delle Performance. I bilanci mensili consentono di seguire da vicino le performance aziendali nel corso del tempo. Questo tracciamento aiuta a identificare tendenze, riconoscere stagionalità e comprendere come le decisioni passate abbiano influenzato l’andamento finanziario. Una maggiore consapevolezza delle dinamiche finanziarie può guidare l’azienda verso scelte più informate.

Comunicazione con gli Stakeholder. La trasparenza finanziaria è cruciale per mantenere la fiducia degli stakeholder, inclusi investitori, creditori, dipendenti e clienti. I bilanci mensili e i documenti finanziari dettagliati forniscono informazioni chiare e affidabili sulla salute finanziaria dell’azienda. Ciò rafforza la comunicazione con gli stakeholder e dimostra un impegno verso la responsabilità aziendale.

Identificazione delle Opportunità di Miglioramento. I dettagli contenuti nei bilanci mensili e nei documenti finanziari possono rivelare aree in cui l’azienda potrebbe migliorare l’efficienza operativa o ridurre i costi. L’analisi dettagliata dei costi e delle entrate può portare a decisioni informate sulla riduzione degli sprechi e sull’ottimizzazione delle risorse.

Conformità Regolamentare. La recente Legge 155 richiede alle imprese di redigere rapporti finanziari regolari per prevenire l’insorgere di eventuali crisi di insolvenza. La preparazione accurata di bilanci mensili, stato patrimoniale e conto economico dettagliati garantisce che l’azienda sia in linea con le richieste regolamentari e riduce il rischio di sanzioni o azioni legali, quali la responsabilità solidale degli organi amministrativi.

In sintesi, i bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati sono strumenti essenziali per la governance aziendale efficace. Forniscono informazioni critiche per il monitoraggio finanziario, la pianificazione strategica, la comunicazione con gli stakeholder e l’identificazione di opportunità di miglioramento. La creazione e l’analisi accurata di questi documenti contribuiscono a guidare l’azienda verso un successo a lungo termine. Va anche acquisita e sviluppata la capacità di leggere e interpretare i dati sapendo come declinarli e le eventuali ricadute, in bene o in male, su tutti gli interessati.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

30/08/2023

Controllo finanziario per cantiere

Riassumiamo in sintesi ciò che occorre per avere coscienza dell’andamento dei conti aziendali e tenere sotto controllo margini e tesoreria in aziende che operano per commesse e/o cantieri.

Innanzitutto, vale la premessa che il controllo deve essere sia in previsionale che in tempo reale e non solo a consuntivo, inutile preoccuparsi di chiudere la stalla dopo che sono scappati i buoi.

Una azienda complessa con diversi cantieri deve tenere una contabilità per commessa (o cantiere come dir si voglia) occorre quindi:

La distinta base di ogni commessa utilizzata per comporre l’offerta con dettaglio di materie prime, semilavorati, lavorazioni in cantiere e trasferte.

Tenere contabilità per commessa giornalmente di tutto ciò che viene caricato su ogni singola commessa, laddove possibile dettagliatamente, dove impossibile (trasferte su più cantieri, parti di materie prime o lavorazioni multiple etc.) imputare in percentuale a forfait al limite per eccesso.

Settimanalmente verificare se a SAL quanto caricato per distinta base su ciascuna commessa è in linea con l’offerta accettata da cliente. Eventuali differenze o sono da imputare a errori di progettazione/produzione, aumenti inaspettati di mercato o a successive richieste di cliente oppure a varianti in corso d’opera. Le ultime due voci andrebbero notificate a Cliente e fatturate a parte, come variante accettata o come nuovo ordine.

L’insieme di tutte le risultanze ci fornisce indicazione sui margini industriali che si vanno formando, tali margini per il fatturato atteso dagli ordini in essere e previsti ci fornisce il margine operativo e quindi la certezza o meno di coprire i costi fissi di struttura e l’eventuale utile di esercizio.

 

Contemporaneamente l’amministrazione deve tenere la contabilità aggiornata e chiudere un bilancino mensile SP e CE almeno entro il 20 di ogni mese successivo tenendo presente che generalmente le fatture a SAL andranno in SP ma non in CE.

Una volta al mese tale documento dovrà essere analizzato e comparato alla contabilità per commessa di cui sopra per verificare la correttezza e affidabilità dei conti.

L’amministrazione dovrà altresì tenere il previsionale del business plan a 12 mesi aggiornato per capire prospetticamente come l’azienda stia andando a chiudere l’esercizio, così come dovrà tenere aggiornato uno scadenzario della cassa per conto in modo di avere coscienza dei flussi e dei bisogni di tesoreria futuri.

 

Per far ciò servono competenze e adeguati programmi, che per funzionare a loro volta necessitano nei tempi e nei modi pattuiti di tutti i flussi informativi da parte di tutte le figure coinvolte (Progettazione, commerciale, acquisti, magazzino, contabilità). Basta che una figura coinvolta non collabori al corretto funzionamento dei flussi informativi per mettere in crisi tutto il sistema, occorrono quindi diligenza, precisione, collaborazione e senso di responsabilità.

Senza tutto ciò il controllo dell’andamento economico patrimoniale dell’azienda non è possibile. L’Amministratore se in linea con quanto sopra può provare la diligenza del buon padre di famiglia e di essere conforme a quanto richiesto per legge, viceversa risponde in solido con l’azienda, anche patrimonialmente, in caso di problemi.

Noi siamo pronti, Voi

Articolo di Marco Simontacchi

 

17/01/2023

 

 

Budget vendite croce e delizia

Siamo nel periodo di redazione dei budget di vendita dei commerciali per l’esercizio prossimo.

Nella nostra pluridecennale esperienza ci siamo resi conto essere uno dei compiti più sottostimati e mal gestiti dell’area commerciale e marketing.

Redigere un budget è un’arte scientifica, arte perché va appresa e affinata nel tempo, scientifica in quanto deve basarsi su dati statistici e previsionali concreti e credibili.

Oltre a ciò, vi sono diverse variabili essenziali di cui tener conto.

Un aumento del fatturato non depurato del fattore inflattivo o dell’aumento dei listini può non tradursi in un aumento delle vendite, ma in determinate condizioni mascherare persino una perdita di quote di mercato.

Basarsi solo sul fatturato in valore assoluto, soprattutto se vi sono in gioco bonus e premialità, può essere pericoloso e disincentivante.

Altra insidia è assegnare un obbiettivo troppo ambizioso o, al contrario, poco stimolante: anziché incentivare demotivano la forza commerciale.

Ammesso di assegnare un corretto budget per ciascun addetto alle vendite ci troviamo nemmeno in mezzo al guado.

Dobbiamo ancora, se vogliamo ottenere il massimo dell’efficacia, poter dimostrare al proprio collaboratore perché sia un dato esatto e raggiungibile da lui personalmente e cosa deve fare dal giorno successivo per i prossimi giorni lavorativi dell’anno a venire e stabilire eventuali premialità.

Finito?

Nemmeno per idea, arriva ora la parte più delicata e assieme più incentivante.

I budget sommati formano il cuore del business plan: i ricavi vendite.

Non centrare l’obbiettivo in entrambi i sensi è fatto grave.

Se fatturiamo sensibilmente di più significa aver gravemente sottostimato mercato, proprie potenzialità e quelle dei venditori, che se meglio incentivati avrebbero magari fatto ancor di più.

Portare inoltre maggior fatturato, se la produzione e l’area finanza non sono adeguate, risulta essere fattore di rischio da non sottovalutare.

Se fatturiamo sensibilmente di meno mettiamo a repentaglio l’esistenza stessa dell’azienda ed è segnale di problemi generalmente abbastanza gravi.

Cosa fare adesso?

Occorre uno strumento di controllo dello sforzo quantitativo e qualitativo di tutta la rete vendita, che sia una persona o centinaia poco importa.

Tramite i dati statistici su numero visite, numero offerte, ordini, fatturato medio per dato e fascia di clientela, margini, siamo in grado tutte le settimane, di monitorare l’andamento delle vendite sia in quantità che qualità e apportare tutti quei correttivi che garantiscano, mese per mese, l’ottimale andamento degli affari che ci porteranno a centrare gli obbiettivi industriali e finanziari.

Noi siamo pronti, voi?

 

Articolo di Marco Simontacchi

28/11/2022

Business plan croce e delizia

Come spesso diciamo poco è di per sé positivo o negativo, dipende dall’approccio e dalla nostra reazione al fatto. Il problem solving dipende dal problem setting.

È ormai obbligo redigere un business plan, vuoi per il mondo finanziario, vuoi per essere in linea con la Legge 155 – a furia di citarla qualcuno incomincerà a prenderla sul serio.

Possiamo decidere di replicare il bilancio dell’anno prima mettendo delle variazioni “a caso” o “di pancia” rivedendolo semmai sei mesi dopo se ci viene richiesto.

Oppure possiamo decidere di affrontare l’argomento con la serietà che richiede e il rispetto che la nostra impresa merita.

Il primo punto è che vale la pena di utilizzare il piano dei conti come base di partenza. Quindi quale migliore occasione per ripulirlo, aggiornarlo e renderlo più aderente alle esigenze contabili ed economico finanziarie?

Fatto questo primo passo partiamo dal settore più semplice: i costi fissi. Questi sì possiamo prenderli dall’esercizio precedente. Nell’analizzarli tanto vale verificare se non sia il caso di fare una spending review e quali siano comprimibili.

Passiamo quindi ai ricavi: presi quelli dell’anno precedente è l’occasione giusta per riunire Direzione Commerciale e Vendite e visti i costi fissi di struttura determinare un budget per centro di costo o per Cliente – come viene meglio – e stimare realmente la potenzialità dell’azienda.

In base ai presunti ricavi si inseriscono quindi i costi variabili.

Se fatto su base mensile con proiezione a 12 mesi, avremo i ricavi mensili per competenza da cui possiamo desumere l’eventuale fabbisogno finanziario periodicizzato dal saldo (ricavi – costi fissi – variabili) e quindi in base alla rotazione debiti crediti capire se la finanza disponibile è adeguata oppure siamo a rischio crisi di liquidità.

Avremo inoltre, inseriti gli ammortamenti, gli accantonamenti e gli oneri finanziari anche una idea della chiusura di fine anno.

Ci rimane da aggiornare con i dati a consuntivo mensili e verificare il trend, da confrontare con un bilancino con stato patrimoniale trimestrale, misurando la qualità del nostro operato in tempo utile, se il caso, per apportare correttivi.

Perché l’obbiettivo non è generare più fatturato possibile, ma generare il maggior utile potenziale con una ottica di buona gestione sul medio lungo periodo.

Noi ci siamo, voi?

 

Articolo di Marco Simontacchi

26/10/2022

 

La trasparenza delle Note Integrative

Dai siamo onesti, quanti di noi si danno la briga di scrivere qualcosa di significativo che accompagni il bilancio nelle Note Integrative con magari una piccola relazione dell’Amministratore?

È tanto comodo lasciare che faccia tutto il programma del commercialista.

Il bilancio tutto sommato è solo una mera formalità in cui far risultare un utile quanto basta per non pagare troppe tasse o coprire con vari artifizi, laddove possibile, perdite.

Ci siamo riconosciuti? Bravi!

Questo bilancio ci accompagnerà per dodici mesi con le relative note integrative, sempre più lette da chi deve decidere se concedere o rinnovare crediti o in caso di finanza straordinaria.

Nelle note abbiamo la unica opportunità di rendere più intelligibili le scritture e chiarire aspetti a nostro favore.

Laddove non lo facessimo viene interpretato come poca trasparenza per celare altro o, peggio, come noncuranza nell’amministrazione dell’azienda, segnale di pericolo e di poca affidabilità.

Possiamo anche dare una indicazione sui fatti salienti, che possono anche confermare un trend, o se il caso ribaltare una situazione delicata, riguardanti l’esercizio in corso, quindi successivo al bilancio.

Il tutto in modo sintetico con dati aggregati, rimandando alla visura semmai di documentazione a supporto.

Va da sé che ne guadagna in credibilità l’azienda e in immagine l’Amministrazione, andando a incidere positivamente sul rapporto di fiducia con gli interlocutori finanziari.

Creiamo così un filo logico temporale tra passato, presente e futuro invogliando un eventuale finanziatore cliente o fornitore a riporre la fiducia nelle capacità e trasparenza della nostra azienda.

Sempre che il bilancio sia ben redatto, non solo in termini fiscali e bilancistici, anche con riguardo all’equilibrio di tutti i parametri che compongono il rating e che il tutto sia coerente con le Note Integrative, i documenti a supporto e il business plan con i bilancini dell’esercizio successivo.

Facile, no?

Per noi pane quotidiano, vedere per credere.

 

Articolo di Marco Simontacchi

21/06/2022