Il Crowdfunding fa bene a tutti

Il crowdfunding rappresenta una forma innovativa di finanziamento che permette di raccogliere somme di denaro da un buon numero di persone fisiche e giuridiche, tipicamente tramite piattaforme online. In Italia, così come nel resto del mondo, il crowdfunding è cresciuto in popolarità come strumento per finanziare una vasta gamma di progetti, dalle startup innovative ai progetti culturali e sociali. L’accesso al crowdfunding in Italia offre diverse opportunità.

Accesso a capitali: Per le startup e le PMI, il crowdfunding può rappresentare una fonte di finanziamento alternativa alle vie tradizionali, come prestiti bancari o investimenti di capitale di rischio, spesso difficili da ottenere per le nuove imprese o quelle senza una solida storia di credito.

Validazione del mercato: Lanciare una campagna di crowdfunding permette di testare l’interesse del mercato verso un prodotto o servizio prima di investire significativi capitali nella sua produzione e commercializzazione. Un buon riscontro in termini di finanziamenti ricevuti può essere un indicatore della domanda di mercato.

Marketing e visibilità: Una campagna di crowdfunding di successo può aumentare la visibilità di un progetto o un’impresa, attirando l’attenzione non solo di potenziali finanziatori ma anche dei media. Questo può essere particolarmente utile per le startup alla ricerca di una maggiore esposizione.

Engagement della comunità: Il crowdfunding consente agli imprenditori di costruire e coinvolgere una comunità di sostenitori che non solo finanziano il progetto ma possono anche diventare clienti fedeli e promotori del marchio o del prodotto.

Diversificazione delle fonti di finanziamento: Utilizzando il crowdfunding, le imprese possono diversificare le loro fonti di finanziamento, riducendo la dipendenza da singoli investitori o istituti di credito.

Flessibilità e controllo: Rispetto ad altre forme di finanziamento, il crowdfunding spesso permette agli imprenditori di mantenere un maggior controllo sulla loro impresa, evitando di cedere quote significative del capitale a investitori esterni.

Nonostante queste opportunità, è importante considerare anche le sfide associate al crowdfunding, come la necessità di una campagna di marketing efficace per attrarre finanziatori, il rischio di non raggiungere l’obiettivo di finanziamento stabilito, e le eventuali implicazioni legali e fiscali legate alla raccolta di fondi. In Italia, l’attività di crowdfunding è regolamentata dalla CONSOB (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa), che stabilisce le norme per la protezione degli investitori e la trasparenza delle operazioni.

Ricorrere all’equità (equity financing) anziché al debito (debt financing) ha implicazioni significative sui bilanci aziendali, influenzando diversi aspetti finanziari e operativi dell’impresa. Vediamo un’analisi degli effetti bilancistici e delle considerazioni strategiche legate a queste due forme di finanziamento.

Effetti dell’Equity Financing

Incremento del capitale proprio: L’emissione di nuove azioni aumenta il capitale sociale e le riserve di capitale proprio. Questo comporta un aumento delle risorse disponibili per l’impresa senza l’obbligo di restituire il capitale o pagare interessi.

Diluizione della proprietà: L’emissione di nuove azioni comporta la diluizione della proprietà per gli azionisti esistenti. Sebbene ciò non incida direttamente sul bilancio, ha implicazioni importanti per il controllo aziendale e la distribuzione dei dividendi futuri.

Nessun obbligo di rimborso: A differenza del debito, il capitale ottenuto tramite equity non deve essere rimborsato. Questo elimina gli oneri finanziari fissi e riduce il rischio di insolvenza, ma allo stesso tempo, comporta la cessione di una quota di proprietà dell’azienda.

Impatto sulla struttura del capitale: L’uso dell’equity modifica la struttura del capitale dell’azienda, potenzialmente migliorando il suo rating di credito grazie alla riduzione del leverage (rapporto tra debito e capitale proprio). Questo può rendere più agevole l’accesso al debito in futuro, a condizioni più favorevoli.

Nessun costo fisso: L’equity financing non comporta costi fissi come gli interessi sul debito, che devono essere pagati indipendentemente dalla performance finanziaria dell’azienda. Questo può essere particolarmente vantaggioso per le startup o le aziende in fase di crescita che non generano ancora flussi di cassa stabili.

Effetti del Debt Financing

Incremento del passivo: L’assunzione di debito aumenta i passivi nel bilancio aziendale. Ciò comporta l’obbligazione a rimborsare il capitale secondo un calendario prestabilito e a pagare interessi, che rappresentano un costo fisso per l’azienda.

Effetto leva (Leverage): L’utilizzo del debito può amplificare i rendimenti per gli azionisti grazie all’effetto leva finanziaria, purché il rendimento degli investimenti finanziati con debito superi il costo degli interessi. Tuttavia, aumenta anche il rischio di insostenibilità finanziaria in periodi di crisi.

Detrazione fiscale sugli interessi: Gli interessi sul debito sono generalmente deducibili dalle imposte sul reddito d’impresa, riducendo così l’onere fiscale complessivo. Questo rappresenta un vantaggio economico significativo del debt financing rispetto all’equity financing.

Nessuna diluizione della proprietà: A differenza dell’equity, il debito non comporta la cessione di una quota di proprietà dell’azienda, consentendo agli azionisti esistenti di mantenere il loro controllo.

La scelta tra equity e debito dipende da molti fattori, tra cui la fase di sviluppo dell’azienda, la sua struttura di capitale attuale, la disponibilità di flussi di cassa per servire il debito, e la volontà degli azionisti di diluire la loro quota di proprietà. La decisione ha implicazioni a lungo termine sulla struttura finanziaria dell’azienda, sulla sua flessibilità operativa e sulla sua capacità di generare valore per gli azionisti.

In Italia, sottoscrivere una campagna di crowdfunding per investire in una PMI Innovativa può comportare significativi vantaggi fiscali, grazie a specifici incentivi introdotti per stimolare gli investimenti nel settore dell’innovazione e delle start-up. Questi vantaggi fiscali sono parte delle misure volte a promuovere la crescita economica e l’innovazione tecnologica, rendendo l’investimento in PMI Innovative e start-up più attraente per gli investitori individuali e istituzionali.

Detrazioni Fiscali per Persone Fisiche

Le persone fisiche che investono in PMI Innovative tramite crowdfunding possono beneficiare di una detrazione fiscale sul loro imponibile IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche):

Detrazione del 30% dell’importo investito nelle PMI Innovative, fino a un massimo di investimento agevolabile che può variare a seconda della legislazione vigente. Questo significa che se un individuo investe, ad esempio, 10.000 euro in una PMI Innovativa, può beneficiare di una detrazione fiscale di 3.000 euro.

Deduzioni Fiscali per Persone Giuridiche

Le società e gli altri soggetti IRES (Imposta sul Reddito delle Società) che investono in PMI Innovative possono beneficiare di una deduzione fiscale:

Deduzione del 30% dell’importo investito dal loro reddito imponibile, con limiti sull’investimento massimo agevolabile che possono variare. Questo favorisce le società che intendono investire in imprese innovative, permettendo loro di ridurre l’imponibile fiscale.

Condizioni e Limitazioni

Permanenza dell’investimento: Gli investitori devono mantenere l’investimento per un periodo minimo, che solitamente è di 3 anni, per poter godere effettivamente dei vantaggi fiscali.

Limiti di investimento: Esistono limiti annuali agli investimenti che possono beneficiare di questi incentivi fiscali, sia per le persone fisiche che per le giuridiche.

Certificazione come PMI Innovativa: Per qualificarsi, l’impresa deve essere riconosciuta come PMI Innovativa secondo i criteri stabiliti dalla normativa italiana, che includono requisiti relativi a spese in R&D, personale qualificato, brevetti, e altri indicatori di innovazione.

Implicazioni

Questi incentivi fiscali rendono l’investimento in PMI Innovative particolarmente attraente, non solo dal punto di vista finanziario ma anche per il contributo all’ecosistema dell’innovazione. Incoraggiando gli investimenti in settori ad alto potenziale di crescita, il governo italiano mira a stimolare l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo, fattori chiave per la competitività economica a lungo termine.

Tuttavia, come per ogni investimento, è importante considerare anche i rischi associati, inclusa la possibilità di perdita del capitale investito. Gli incentivi fiscali offrono un meccanismo di mitigazione parziale del rischio, ma gli investitori dovrebbero comunque valutare attentamente la solidità e le prospettive dell’impresa in cui intendono investire.

Per approfittare di questi incentivi, gli investitori devono assicurarsi di rispettare tutte le condizioni previste dalla normativa e di documentare adeguatamente i loro investimenti per la dichiarazione dei redditi. È consigliabile consultare un professionista per una guida specifica e per assicurarsi di aderire correttamente a tutti i requisiti fiscali.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

02/04/2024

Quotarsi su Euronext conviene a chi punta in alto

Quotarsi su Euronext è un’opzione interessante per molte piccole e medie imprese (PMI) italiane che cercano di accedere ai mercati finanziari per raccogliere capitale e crescere. Euronext è una delle principali borse europee ed è presente in diverse città europee, tra cui Parigi, Amsterdam, Dublino, Bruxelles, e Milano. La quotazione su Euronext può offrire diversi vantaggi alle PMI, tra cui l’accesso al capitale, la visibilità, l’opportunità di crescere e diversificare le fonti di finanziamento.

Di seguito alcuni passi che le PMI dovrebbero considerare se desiderano quotarsi su Euronext.

Valutazione: La prima cosa da fare è valutare se la quotazione su Euronext è la scelta giusta per la vostra azienda. È importante considerare i costi e i benefici associati a questa mossa.

Preparazione: Le PMI devono preparare accuratamente le loro informazioni finanziarie, inclusi i bilanci, i piani di business, e altre documentazioni richieste.

Scelta del mercato: Euronext offre diverse piazze di negoziazione; quindi, dovreste decidere in quale mercato quotarvi. Questo può dipendere dalla vostra posizione geografica e dalle esigenze specifiche della vostra azienda.

Scelta dell’intermediario finanziario: Le PMI di solito necessitano di un intermediario finanziario per aiutarle nel processo di quotazione su Euronext. Questi intermediari possono essere banche o società di servizi finanziari.

Adempimento normativo: Le PMI devono rispettare le regole e i regolamenti del mercato e soddisfare i requisiti di quotazione stabiliti da Euronext.

Documentazione: Le PMI dovranno preparare una documentazione dettagliata, tra cui un documento informativo, che fornisce informazioni sui loro affari e sulle prospettive future.

Roadshow e collocamento: potrebbe essere necessario promuovere la vostra azienda tra gli investitori attraverso un roadshow. Potrebbe essere necessario collocare azioni presso gli investitori.

Monitoraggio del mercato: Una volta quotate, le PMI dovrebbero monitorare costantemente le condizioni di mercato e comunicare in modo trasparente con gli investitori.

Governance aziendale: Le PMI dovrebbero avere a disposizione una solida struttura di governance aziendale per garantire la fiducia degli investitori.

Crescita e sviluppo: Dopo la quotazione, le PMI dovrebbero utilizzare i capitali raccolti per finanziare la crescita e lo sviluppo del loro business.

È importante consultare esperti finanziari e legali esperti di mercati finanziari per guidarvi attraverso il processo di quotazione su Euronext, poiché può essere complesso e regolamentato. Inoltre, dovreste considerare attentamente se la quotazione su Euronext è la scelta giusta per il vostro business, in base ai vostri obiettivi di crescita e finanziamento.

Un advisor (consulente) svolge un ruolo chiave nella preparazione e nell’assistenza di un’azienda alla quotazione su una borsa valori, compresa Euronext. Vanno verificati i principali requisiti e considerazioni di un advisor che si prepara per una quotazione.

Un advisor deve avere una profonda conoscenza del mercato in cui l’azienda intende quotarsi, compreso il funzionamento specifico di Euronext. Questo include la comprensione delle regole di quotazione, dei regolamenti di mercato e dei requisiti normativi.

L’advisor dovrebbe essere in grado di analizzare le informazioni finanziarie dell’azienda, preparare bilanci e piani finanziari solidi e valutare il potenziale di crescita.

L’esperienza nell’assistere le aziende nelle operazioni di mercato, come IPO (Initial Public Offering), fusioni e acquisizioni, e altre transazioni di capitale, è essenziale. Questa esperienza aiuta a pianificare e condurre con successo la quotazione.

Gli aspetti legali della quotazione sono complessi, quindi è importante che l’advisor abbia accesso a consulenti legali esperti in diritto societario, regolamentazione finanziaria e altri aspetti legali.

L’advisor dovrebbe avere capacità di pianificazione strategica per aiutare l’azienda a determinare il momento migliore per la quotazione, a sviluppare una strategia di marketing e a identificare gli obiettivi a lungo termine.

L’advisor dovrebbe avere accesso a banche d’investimento e altri intermediari finanziari che possono assistere nell’emissione di azioni o di altre forme di titoli.

La comunicazione con gli investitori è un elemento fondamentale della quotazione. L’advisor dovrebbe aiutare l’azienda a sviluppare piani di comunicazione efficaci e trasparenti.

L’advisor dovrebbe essere in grado di gestire l’intero processo di quotazione, dalla preparazione iniziale all’offerta pubblica e alla successiva negoziazione sul mercato.

L’advisor dovrebbe essere in grado di determinare il valore dell’azienda e stabilire il prezzo delle azioni da offrire al pubblico.

L’advisor deve garantire che l’azienda sia in piena conformità con le leggi e i regolamenti di mercato, inclusi quelli specifici di Euronext.

È fondamentale che l’advisor abbia una buona comprensione delle esigenze e degli obiettivi dell’azienda e che possa lavorare in stretta collaborazione con il management per raggiungere una quotazione di successo. È buona norma cercare un advisor con una comprovata esperienza nella quotazione di aziende simili e con una rete di contatti nel settore finanziario per facilitare il processo di quotazione.

 

Il crowdfunding e la quotazione su Euronext sono due opzioni di finanziamento molto diverse, ognuna con le proprie caratteristiche, vantaggi e svantaggi. Ecco un confronto tra le due opzioni:

Tipo di finanziamento:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding è un metodo di raccolta di fondi in cui un’azienda o un individuo cerca di raccogliere fondi da una vasta rete di persone, spesso attraverso piattaforme online. Si tratta di una forma di finanziamento basata su donazioni, ricompense, equity o prestiti.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext è una forma di finanziamento in cui un’azienda offre le proprie azioni al pubblico su una borsa valori europea. Gli investitori acquistano azioni dell’azienda in cambio di capitale.

Capitale raccolto:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding è spesso utilizzato per raccogliere somme relativamente piccole da un gran numero di investitori, sebbene esistano piattaforme di equity crowdfunding che consentono alle imprese di raccogliere capitale più significativo.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext può consentire di raccogliere capitali significativi attraverso la vendita di azioni a investitori istituzionali e al pubblico in generale.

Regolamentazione:

    • Crowdfunding: Le campagne di crowdfunding sono soggette a normative che variano da paese a paese, ma spesso implicano meno regolamentazione rispetto alla quotazione su una borsa valori.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext è un processo altamente regolamentato che richiede il rispetto di norme e regolamenti finanziari rigorosi.

Controllo azionario:

    • Crowdfunding: Nelle campagne di crowdfunding di equity, l’azienda può cedere una parte della proprietà agli investitori, ma di solito mantiene un certo grado di controllo.
    • Quotazione su Euronext: Una volta quotata, l’azienda concede una parte significativa del controllo agli azionisti, poiché il consiglio di amministrazione e la gestione aziendale devono rispondere agli azionisti.

Visibilità e reputazione:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding può aumentare la visibilità dell’azienda e rafforzare il rapporto con i sostenitori, ma potrebbe non portare alla stessa visibilità di una quotazione su una borsa valori.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su una borsa valori come Euronext offre un alto grado di visibilità e può migliorare la reputazione dell’azienda, ma comporta anche una maggiore esposizione e pressione dai mercati finanziari.

Costi e complessità:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding può essere meno costoso e richiedere meno tempo rispetto alla quotazione su una borsa valori. Tuttavia, ci sono comunque costi associati alle piattaforme di crowdfunding e al rispetto delle normative.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext può essere un processo costoso e complesso, con oneri legali, amministrativi e regolatori significativi.

La scelta tra crowdfunding e quotazione su Euronext dipenderà dalle esigenze finanziarie e dagli obiettivi dell’azienda. Il crowdfunding è una scelta più accessibile per le piccole imprese o startup che cercano capitale iniziale, mentre la quotazione su Euronext è più adatta a imprese più consolidate che cercano un finanziamento su larga scala e vogliono beneficiare della visibilità e della liquidità offerte dai mercati azionari.