Tag Archivio per: #liquidità

Il Crowdfunding fa bene a tutti

Il crowdfunding rappresenta una forma innovativa di finanziamento che permette di raccogliere somme di denaro da un buon numero di persone fisiche e giuridiche, tipicamente tramite piattaforme online. In Italia, così come nel resto del mondo, il crowdfunding è cresciuto in popolarità come strumento per finanziare una vasta gamma di progetti, dalle startup innovative ai progetti culturali e sociali. L’accesso al crowdfunding in Italia offre diverse opportunità.

Accesso a capitali: Per le startup e le PMI, il crowdfunding può rappresentare una fonte di finanziamento alternativa alle vie tradizionali, come prestiti bancari o investimenti di capitale di rischio, spesso difficili da ottenere per le nuove imprese o quelle senza una solida storia di credito.

Validazione del mercato: Lanciare una campagna di crowdfunding permette di testare l’interesse del mercato verso un prodotto o servizio prima di investire significativi capitali nella sua produzione e commercializzazione. Un buon riscontro in termini di finanziamenti ricevuti può essere un indicatore della domanda di mercato.

Marketing e visibilità: Una campagna di crowdfunding di successo può aumentare la visibilità di un progetto o un’impresa, attirando l’attenzione non solo di potenziali finanziatori ma anche dei media. Questo può essere particolarmente utile per le startup alla ricerca di una maggiore esposizione.

Engagement della comunità: Il crowdfunding consente agli imprenditori di costruire e coinvolgere una comunità di sostenitori che non solo finanziano il progetto ma possono anche diventare clienti fedeli e promotori del marchio o del prodotto.

Diversificazione delle fonti di finanziamento: Utilizzando il crowdfunding, le imprese possono diversificare le loro fonti di finanziamento, riducendo la dipendenza da singoli investitori o istituti di credito.

Flessibilità e controllo: Rispetto ad altre forme di finanziamento, il crowdfunding spesso permette agli imprenditori di mantenere un maggior controllo sulla loro impresa, evitando di cedere quote significative del capitale a investitori esterni.

Nonostante queste opportunità, è importante considerare anche le sfide associate al crowdfunding, come la necessità di una campagna di marketing efficace per attrarre finanziatori, il rischio di non raggiungere l’obiettivo di finanziamento stabilito, e le eventuali implicazioni legali e fiscali legate alla raccolta di fondi. In Italia, l’attività di crowdfunding è regolamentata dalla CONSOB (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa), che stabilisce le norme per la protezione degli investitori e la trasparenza delle operazioni.

Ricorrere all’equità (equity financing) anziché al debito (debt financing) ha implicazioni significative sui bilanci aziendali, influenzando diversi aspetti finanziari e operativi dell’impresa. Vediamo un’analisi degli effetti bilancistici e delle considerazioni strategiche legate a queste due forme di finanziamento.

Effetti dell’Equity Financing

Incremento del capitale proprio: L’emissione di nuove azioni aumenta il capitale sociale e le riserve di capitale proprio. Questo comporta un aumento delle risorse disponibili per l’impresa senza l’obbligo di restituire il capitale o pagare interessi.

Diluizione della proprietà: L’emissione di nuove azioni comporta la diluizione della proprietà per gli azionisti esistenti. Sebbene ciò non incida direttamente sul bilancio, ha implicazioni importanti per il controllo aziendale e la distribuzione dei dividendi futuri.

Nessun obbligo di rimborso: A differenza del debito, il capitale ottenuto tramite equity non deve essere rimborsato. Questo elimina gli oneri finanziari fissi e riduce il rischio di insolvenza, ma allo stesso tempo, comporta la cessione di una quota di proprietà dell’azienda.

Impatto sulla struttura del capitale: L’uso dell’equity modifica la struttura del capitale dell’azienda, potenzialmente migliorando il suo rating di credito grazie alla riduzione del leverage (rapporto tra debito e capitale proprio). Questo può rendere più agevole l’accesso al debito in futuro, a condizioni più favorevoli.

Nessun costo fisso: L’equity financing non comporta costi fissi come gli interessi sul debito, che devono essere pagati indipendentemente dalla performance finanziaria dell’azienda. Questo può essere particolarmente vantaggioso per le startup o le aziende in fase di crescita che non generano ancora flussi di cassa stabili.

Effetti del Debt Financing

Incremento del passivo: L’assunzione di debito aumenta i passivi nel bilancio aziendale. Ciò comporta l’obbligazione a rimborsare il capitale secondo un calendario prestabilito e a pagare interessi, che rappresentano un costo fisso per l’azienda.

Effetto leva (Leverage): L’utilizzo del debito può amplificare i rendimenti per gli azionisti grazie all’effetto leva finanziaria, purché il rendimento degli investimenti finanziati con debito superi il costo degli interessi. Tuttavia, aumenta anche il rischio di insostenibilità finanziaria in periodi di crisi.

Detrazione fiscale sugli interessi: Gli interessi sul debito sono generalmente deducibili dalle imposte sul reddito d’impresa, riducendo così l’onere fiscale complessivo. Questo rappresenta un vantaggio economico significativo del debt financing rispetto all’equity financing.

Nessuna diluizione della proprietà: A differenza dell’equity, il debito non comporta la cessione di una quota di proprietà dell’azienda, consentendo agli azionisti esistenti di mantenere il loro controllo.

La scelta tra equity e debito dipende da molti fattori, tra cui la fase di sviluppo dell’azienda, la sua struttura di capitale attuale, la disponibilità di flussi di cassa per servire il debito, e la volontà degli azionisti di diluire la loro quota di proprietà. La decisione ha implicazioni a lungo termine sulla struttura finanziaria dell’azienda, sulla sua flessibilità operativa e sulla sua capacità di generare valore per gli azionisti.

In Italia, sottoscrivere una campagna di crowdfunding per investire in una PMI Innovativa può comportare significativi vantaggi fiscali, grazie a specifici incentivi introdotti per stimolare gli investimenti nel settore dell’innovazione e delle start-up. Questi vantaggi fiscali sono parte delle misure volte a promuovere la crescita economica e l’innovazione tecnologica, rendendo l’investimento in PMI Innovative e start-up più attraente per gli investitori individuali e istituzionali.

Detrazioni Fiscali per Persone Fisiche

Le persone fisiche che investono in PMI Innovative tramite crowdfunding possono beneficiare di una detrazione fiscale sul loro imponibile IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche):

Detrazione del 30% dell’importo investito nelle PMI Innovative, fino a un massimo di investimento agevolabile che può variare a seconda della legislazione vigente. Questo significa che se un individuo investe, ad esempio, 10.000 euro in una PMI Innovativa, può beneficiare di una detrazione fiscale di 3.000 euro.

Deduzioni Fiscali per Persone Giuridiche

Le società e gli altri soggetti IRES (Imposta sul Reddito delle Società) che investono in PMI Innovative possono beneficiare di una deduzione fiscale:

Deduzione del 30% dell’importo investito dal loro reddito imponibile, con limiti sull’investimento massimo agevolabile che possono variare. Questo favorisce le società che intendono investire in imprese innovative, permettendo loro di ridurre l’imponibile fiscale.

Condizioni e Limitazioni

Permanenza dell’investimento: Gli investitori devono mantenere l’investimento per un periodo minimo, che solitamente è di 3 anni, per poter godere effettivamente dei vantaggi fiscali.

Limiti di investimento: Esistono limiti annuali agli investimenti che possono beneficiare di questi incentivi fiscali, sia per le persone fisiche che per le giuridiche.

Certificazione come PMI Innovativa: Per qualificarsi, l’impresa deve essere riconosciuta come PMI Innovativa secondo i criteri stabiliti dalla normativa italiana, che includono requisiti relativi a spese in R&D, personale qualificato, brevetti, e altri indicatori di innovazione.

Implicazioni

Questi incentivi fiscali rendono l’investimento in PMI Innovative particolarmente attraente, non solo dal punto di vista finanziario ma anche per il contributo all’ecosistema dell’innovazione. Incoraggiando gli investimenti in settori ad alto potenziale di crescita, il governo italiano mira a stimolare l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo, fattori chiave per la competitività economica a lungo termine.

Tuttavia, come per ogni investimento, è importante considerare anche i rischi associati, inclusa la possibilità di perdita del capitale investito. Gli incentivi fiscali offrono un meccanismo di mitigazione parziale del rischio, ma gli investitori dovrebbero comunque valutare attentamente la solidità e le prospettive dell’impresa in cui intendono investire.

Per approfittare di questi incentivi, gli investitori devono assicurarsi di rispettare tutte le condizioni previste dalla normativa e di documentare adeguatamente i loro investimenti per la dichiarazione dei redditi. È consigliabile consultare un professionista per una guida specifica e per assicurarsi di aderire correttamente a tutti i requisiti fiscali.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

02/04/2024

Come abbassare sensibilmente la pressione fiscale

La cessione dei crediti fiscali è un’operazione che può comportare una serie di rischi e incertezze per il cessionario in Italia. Tuttavia, ci sono alcune garanzie e procedure che possono contribuire a mitigare tali rischi.

La normativa italiana disciplina la cessione dei crediti fiscali attraverso disposizioni specifiche. È importante che il cessionario sia a conoscenza di tali normative e agisca conformemente ad esse per garantire la validità e la legalità dell’operazione.

Prima di procedere con l’acquisto dei crediti fiscali, il cessionario dovrebbe condurre un’attenta verifica sulla validità e la solidità dei crediti stessi. Questo può includere l’esame della documentazione relativa ai crediti, la valutazione della situazione finanziaria del creditore originario, e altre misure per assicurarsi che i crediti siano autentici e non soggetti a contestazioni o controversie.

La stipula di contratti e accordi chiari e dettagliati tra il cedente e il cessionario è essenziale per definire i termini e le condizioni della cessione, nonché per specificare le responsabilità e gli obblighi di ciascuna parte. Questi documenti dovrebbero includere disposizioni relative alle garanzie, agli eventuali ricorsi in caso di controversie e altri dettagli pertinenti.

Prima di procedere con l’acquisto dei crediti fiscali, il cessionario dovrebbe condurre una diligente analisi finanziaria per valutare l’impatto dell’operazione sul proprio bilancio e sulla propria situazione finanziaria complessiva. Questo può includere la valutazione degli effetti fiscali dell’operazione, nonché la valutazione del rischio di credito associato ai crediti ceduti.

In alcuni casi, il cessionario può richiedere al cedente di fornire garanzie o assicurazioni per proteggere contro il rischio di eventi imprevisti o controversie legate ai crediti ceduti. Queste garanzie possono assumere diverse forme, come garanzie finanziarie o polizze assicurative apposite.

È consigliabile che il cessionario si avvalga dell’assistenza di professionisti legali e consulenti specializzati nella cessione dei crediti fiscali. Questi professionisti possono fornire consulenza esperta e assistenza nella negoziazione dei contratti, nella valutazione dei rischi e nell’implementazione delle misure di mitigazione del rischio.

Nella cessione dei crediti fiscali, il rischio di frode del cedente verso lo Stato generalmente rimane in capo al cedente stesso. Questo significa che se il cedente ha commesso frodi o irregolarità legate ai crediti fiscali prima della cessione, la responsabilità per tali azioni e le eventuali conseguenze legali, di conseguenza, rimangono con il cedente.

Per legge, lo Stato non si rivale sul cessionario per eventuali frodi o irregolarità commesse dal cedente. La posizione del cessionario è considerata acquisita dopo la cessione, e lo Stato non può cercare di recuperare i crediti fiscali dal cessionario a meno che non vi siano prove di complicità o coinvolgimento del cessionario nelle attività fraudolente.

Tuttavia, lo Stato ha il diritto di agire contro il cedente per recuperare eventuali somme dovute o per perseguire le frodi fiscali commesse. Questo può includere azioni legali, sanzioni o altre misure punitive nei confronti del cedente.

È importante che il cessionario esegua una diligente due diligence prima di procedere con la cessione dei crediti fiscali per garantire che il cedente sia affidabile e che i crediti ceduti siano validi e non soggetti a frodi o irregolarità. Inoltre, è consigliabile includere disposizioni contrattuali che proteggano il cessionario da eventuali conseguenze legali derivanti da azioni fraudolente del cedente. Queste disposizioni possono includere garanzie, clausole di indennizzo o altre misure di protezione.

Effettuare una due diligence del cessionario può certamente essere considerato come una prova della non complicità del cessionario in eventuali frodi del cedente nei confronti dello Stato italiano. Una due diligence accurata può dimostrare che il cessionario ha esaminato attentamente la situazione finanziaria, legale e fiscale del cedente, assicurandosi che non ci siano segni di comportamenti fraudolenti o irregolari.

Durante la due diligence, il cessionario potrebbe condurre una serie di verifiche.

Questo può includere la revisione dei bilanci, delle dichiarazioni dei redditi, delle fatture e di altri documenti finanziari per identificare eventuali discrepanze o irregolarità.

Il cessionario potrebbe esaminare la situazione fiscale del cedente per garantire che tutte le tasse siano state correttamente dichiarate e pagate, e che non ci siano segni di evasione fiscale o altre pratiche illegali.

La due diligence potrebbe includere una valutazione dei processi aziendali del cedente per identificare potenziali vulnerabilità o aree di rischio che potrebbero indicare la presenza di frode o comportamenti non etici.

Il cessionario potrebbe esaminare la reputazione e la storia aziendale del cedente, inclusi eventuali precedenti di frodi o controversie legali, per valutare il rischio associato alla transazione, quindi se sussistano pregiudizievoli.

Se la due diligence rivela che il cessionario ha esaminato diligentemente la situazione del cedente e non ha trovato prove di frodi o comportamenti irregolari, questo può essere considerato come un’indicazione della non complicità del cessionario nella frode del cedente. Tuttavia, è importante notare che la due diligence non può fornire una garanzia assoluta e dovrebbero essere adottate altre precauzioni legali e contrattuali per proteggere il cessionario da eventuali rischi associati alla frode del cedente.

È vero che il cessionario, attraverso l’acquisto dei crediti fiscali e l’utilizzo degli importi da versare con gli F24, può beneficiare di risparmi significativi sui contributi fiscali. Tuttavia, è importante comprendere i meccanismi coinvolti e le implicazioni di questa pratica. Il processo inoltre risulta vantaggioso per importi di una certa rilevanza o i costi finiscono per limitare i vantaggi.

Quando un soggetto cede i suoi crediti fiscali, il cessionario acquisisce il diritto di utilizzare tali crediti per compensare i propri debiti fiscali. Questo può includere, ad esempio, il pagamento di imposte dirette (come l’IRPEF) o di imposte indirette (come l’IVA).

Di conseguenza, il cessionario può ridurre il proprio onere fiscale utilizzando i crediti fiscali acquisiti, il che può portare a un risparmio significativo sui contributi fiscali effettivi che il cessionario deve versare allo Stato. Questa pratica è legittima e viene spesso utilizzata dalle imprese e da altri soggetti per ottimizzare la propria posizione fiscale.

Tuttavia, è importante notare che l’utilizzo dei crediti fiscali deve essere conforme alla normativa fiscale vigente e alle disposizioni specifiche relative alla cessione dei crediti. Il cessionario deve assicurarsi di agire in conformità con tali normative e di evitare pratiche abusive o illegali che potrebbero portare a conseguenze legali e fiscali.

Noi siamo pronti e attrezzati per supportarvi lungo tutto l’iter, volete approfittarne?

Articolo di Marco Simontacchi

20/03/2024

Perché emettere dei minibond fa bene alle PMI

L’emissione di minibond rappresenta un’interessante opportunità di finanziamento per le Piccole e Medie Imprese (PMI) in Italia, offrendo diversi vantaggi rispetto ai tradizionali canali di finanziamento bancario. I minibond sono strumenti di debito emessi dalle PMI per raccogliere capitali da investitori istituzionali e privati.

L’accesso ai minibond permette alle PMI di diversificare le proprie fonti di finanziamento, riducendo la dipendenza dai prestiti bancari. Questo può essere particolarmente vantaggioso in periodi di restrizione creditizia.

I minibond offrono la possibilità di ottenere finanziamenti a medio-lungo termine, contribuendo a migliorare la struttura del capitale dell’impresa e a gestire più efficacemente il fabbisogno di liquidità.

A seconda delle condizioni di mercato e del profilo di rischio dell’impresa, i tassi di interesse applicati sui minibond possono risultare più vantaggiosi rispetto a quelli dei prestiti bancari.

L’emissione di minibond apre l’accesso a un ampio pool di investitori istituzionali e privati, nazionali e internazionali, incrementando le opportunità di finanziamento disponibili.

L’emissione di un minibond può contribuire a migliorare la visibilità e la reputazione dell’impresa sul mercato, attirando l’attenzione di investitori e stakeholder e potenzialmente facilitando l’accesso a ulteriori forme di finanziamento in futuro.

I termini e le condizioni dei minibond possono essere strutturati con una certa flessibilità, adattandosi alle specifiche esigenze finanziarie dell’impresa emittente, inclusi scadenza, tasso di interesse e modalità di rimborso.

In Italia, sono stati introdotti specifici incentivi fiscali per promuovere l’emissione di minibond da parte delle PMI, come la deducibilità degli interessi passivi e vantaggi fiscali per gli investitori.

Tuttavia, è importante sottolineare che l’emissione di minibond comporta anche delle sfide e dei costi,come quelli legati alla preparazione dell’emissione, alla compliance normativa e alla gestione delle relazioni con gli investitori. Le PMI interessate a questa forma di finanziamento dovrebbero quindi valutare attentamente i vantaggi e gli oneri associati, possibilmente con l’assistenza di consulenti finanziari specializzati.

L’attribuzione di un codice ISIN (International Securities Identification Number) ai minibond è un passo fondamentale per facilitarne l’identificazione e la negoziazione sui mercati finanziari, ma non corrisponde direttamente a una facilitazione per la quotazione delle azioni dell’azienda emittente su un mercato come Euronext. Tuttavia, esistono collegamenti indiretti e vantaggi derivanti dall’emissione di minibond che possono influenzare positivamente il percorso di un’azienda verso la quotazione in borsa.

Il codice ISIN è uno standard internazionale utilizzato per identificare in modo univoco i titoli finanziari, inclusi i minibond. Avere un codice ISIN facilita la negoziazione dei minibond su piattaforme di trading e mercati dedicati, come il segmento ExtraMOT PRO di Borsa Italiana, specificamente pensato per i minibond delle PMI.

L’assegnazione di un codice ISIN aumenta la standardizzazione e la trasparenza del titolo, rendendolo più attraente per gli investitori istituzionali e facilitando la raccolta di capitali.

L’emissione di minibond e la quotazione di azioni su un mercato azionario come Euronext sono processi separati, con requisiti e finalità diversi. L’emissione di minibond serve a raccogliere debito, mentre la quotazione di azioni comporta l’offerta di quote di proprietà dell’azienda al pubblico o agli investitori.

Il successo di un’operazione di minibond può migliorare la reputazione e la visibilità dell’azienda tra gli investitori e all’interno del mercato finanziario. Questo può essere vantaggioso quando un’azienda decide di quotarsi in borsa, poiché una storia di finanziamenti gestiti con successo può aumentare la fiducia degli investitori.

Attraverso l’emissione di minibond, un’azienda può ottimizzare la propria struttura finanziaria e dimostrare una solida capacità di gestione del debito. Questi aspetti possono essere positivi nel contesto di una futura IPO (Initial Public Offering), rendendo l’azienda più attraente agli occhi degli investitori di mercato azionario.

Sebbene l’attribuzione del codice ISIN ai minibond non faciliti direttamente la quotazione di azioni su Euronext, le operazioni di successo e la gestione efficace del debito tramite minibond possono contribuire positivamente al percorso di un’azienda verso la quotazione in borsa, migliorandone la reputazione, la visibilità e la struttura finanziaria.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

12/03/2024

La finanza sana è carburante per la crescita

La finanza svolge un ruolo cruciale nel sostenere le attività economiche, inclusi sia il finanziamento del circolante che degli investimenti delle PMI (Piccole e Medie Imprese).

Le PMI spesso hanno bisogno di finanziamenti per gestire le loro attività quotidiane, come pagare fornitori, coprire costi operativi e gestire le fluttuazioni dei flussi di cassa. La finanza può fornire strumenti come linee di credito rotativo, factoring, anticipi su fatture e prestiti a breve termine per soddisfare queste esigenze di liquidità.

Le PMI possono avere bisogno di finanziamenti a lungo termine per espandersi, investire in nuove tecnologie, acquisire nuovi asset o avviare progetti di sviluppo. In questo caso, la finanza può offrire opzioni come prestiti a lungo termine, leasing finanziario, partecipazioni di capitale di rischio o finanziamenti tramite mercati dei capitali.

L’accesso a fonti di finanziamento adeguato può fare la differenza tra il successo e il fallimento per molte PMI. Tuttavia, è importante notare che il tipo di finanziamento più adatto dipende dalle esigenze specifiche dell’impresa, dal suo settore, dalle prospettive di crescita e dalla situazione finanziaria complessiva.

Inoltre, la disponibilità e le condizioni dei finanziamenti per le PMI possono variare a seconda del contesto economico, delle politiche pubbliche e delle caratteristiche del mercato finanziario. Pertanto, promuovere un ambiente finanziario favorevole e facilitare l’accesso al credito per le PMI sono obiettivi importanti per molti governi e istituzioni finanziarie.

Si prenda nota che utilizzare finanziamenti per coprire perdite può aumentare il rischio di default per diverse ragioni.

Utilizzare finanziamenti per coprire perdite comporta un aumento dell’indebitamento complessivo dell’impresa. Se l’impresa non è in grado di generare abbastanza reddito per coprire i costi del debito, potrebbe trovarsi in una situazione finanziaria precaria, aumentando il rischio di default.

I pagamenti degli interessi e del capitale su nuovi finanziamenti rappresentano ulteriori obblighi finanziari che possono mettere sotto pressione i flussi di cassa dell’impresa. Se l’impresa non è in grado di generare flussi di cassa sufficienti per coprire queste obbligazioni finanziarie, potrebbe non essere in grado di onorare i suoi impegni finanziari, aumentando il rischio di default.

Se le perdite persistono nel tempo e l’impresa continua a utilizzare finanziamenti per coprirle, la sua capacità di generare profitti e generare cassa potrebbe essere compromessa. Ciò può rendere sempre più difficile per l’impresa soddisfare i suoi obblighi finanziari, aumentando il rischio di default.

Utilizzare finanziamenti per coprire perdite può influenzare negativamente la percezione degli investitori e dei creditori sull’affidabilità e sulla solidità finanziaria dell’impresa. Questo potrebbe rendere più difficile per l’impresa ottenere finanziamenti futuri o negoziare condizioni favorevoli, aumentando ulteriormente il rischio di default.

In generale, è importante per le imprese gestire prontamente le perdite attraverso strategie di riduzione dei costi, miglioramento dell’efficienza operativa e, se necessario, ristrutturazione finanziaria. Utilizzare finanziamenti per coprire perdite dovrebbe essere considerato come una soluzione temporanea e non come una strategia a lungo termine per evitare il rischio di default.

Quando un’impresa si trova in difficoltà finanziarie, una ristrutturazione aziendale con un “u-turn” può essere una strategia efficace per invertire la situazione e ristabilire la sostenibilità finanziaria. Ecco alcuni passaggi tipici che potrebbero essere inclusi in una ristrutturazione aziendale di questo tipo.

Prima di tutto, è essenziale condurre un’analisi approfondita della situazione finanziaria dell’azienda per identificare le cause principali dei conti in rosso. Questo può includere un esame delle performance finanziarie, dell’analisi dei costi, delle entrate e delle uscite, nonché dei fattori esterni che influenzano l’azienda.

Basandosi sull’analisi, l’azienda dovrebbe sviluppare un piano finanziario dettagliato per ridurre i costi non essenziali, migliorare l’efficienza operativa e massimizzare le entrate. Ciò potrebbe implicare la riduzione delle spese superflue, la negoziazione di condizioni più favorevoli con fornitori e creditori, nonché l’ottimizzazione delle operazioni aziendali.

Se necessario, l’azienda potrebbe dover cercare finanziamenti aggiuntivi per supportare l’attuazione del piano di ristrutturazione. Questo potrebbe coinvolgere la ricerca di investitori, l’ottenimento di prestiti o linee di credito aggiuntive, o la rinegoziazione dei termini del debito esistente per renderli più sostenibili.

In alcuni casi, potrebbe essere necessario riorientare la strategia aziendale per concentrarsi su aree di attività più redditizie o adattare il modello di business per rispondere alle mutevoli condizioni di mercato. Ciò potrebbe implicare l’uscita da segmenti non redditizi del mercato, l’espansione in nuovi settori o la diversificazione delle fonti di reddito.

Durante il processo di ristrutturazione, è fondamentale coinvolgere attivamente gli stakeholder chiave, come dipendenti, clienti, fornitori, creditori e investitori, per garantire il loro sostegno e collaborazione nel perseguire gli obiettivi di ristrutturazione.

Una ristrutturazione aziendale con un “u-turn” richiede solitamente tempo, risorse e impegno da parte della leadership aziendale, ma può essere un passo cruciale per riportare l’azienda sulla via della sostenibilità finanziaria e del successo a lungo termine.

Lo “agire pro viribus”, ovvero “agire secondo le proprie forze” o “fare del meglio con ciò che si ha a disposizione”, è una raccomandazione chiave in molti contesti, inclusi quelli legati alla gestione finanziaria e aziendale. Questo principio riflette l’importanza di massimizzare le risorse disponibili e di adottare un approccio pragmatico e realistico nel perseguire gli obiettivi.

Nel contesto aziendale e finanziario, “agire pro viribus” può significare diversi aspetti.

Le aziende dovrebbero concentrarsi sull’utilizzo efficiente delle risorse a loro disposizione, sia finanziarie che non finanziarie. Ciò implica la gestione oculata dei budget, l’ottimizzazione dei processi operativi e la massimizzazione del valore derivato da ogni investimento e iniziativa.

Le aziende devono essere in grado di adattarsi alle mutevoli condizioni di mercato e alle sfide finanziarie. Questo potrebbe significare modificare strategie, ridimensionare operazioni non redditizie o rinegoziare accordi finanziari per rispondere alle esigenze del momento.

Concentrarsi sulle capacità distintive e sulle aree di competenza dell’azienda può aiutare a massimizzare il valore generato. Piuttosto che tentare di essere tutto per tutti, le aziende dovrebbero giocare sulle proprie forze e competenze per differenziarsi sul mercato e ottenere vantaggio competitivo.

È importante pianificare in modo realistico e prudente, considerando sia le opportunità che le sfide che l’azienda potrebbe affrontare nel percorso verso i propri obiettivi. Questo implica stabilire obiettivi raggiungibili, valutare attentamente i rischi e adottare misure di mitigazione appropriate.

Lo “agire pro viribus” promuove un approccio responsabile e pragmatico alla gestione aziendale e finanziaria, evidenziando l’importanza di utilizzare le risorse in modo efficiente e di adattarsi alle circostanze in continua evoluzione.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

27/02/2024

Microcredito, Finanza Agevolata e PNRR una caccia al tesoro

Le PMI spesso hanno difficoltà ad ottenere finanziamenti tramite canali tradizionali come le banche, a causa della mancanza di storico creditizio o delle dimensioni limitate dell’azienda. Il microcredito offre loro l’opportunità di ottenere piccoli prestiti senza dover fornire garanzie impegnative o avere un alto punteggio di credito.

Con il supporto finanziario fornito dal microcredito, le PMI possono investire in attività cruciali per lo sviluppo del loro business, come l’acquisto di attrezzature, l’espansione dei locali, lo sviluppo di nuovi prodotti o servizi, o la formazione del personale. Questo può contribuire alla crescita dell’azienda e alla creazione di nuovi posti di lavoro.

L’accesso alla finanza agevolata può consentire alle PMI di investire in innovazione e ricerca e sviluppo, aumentando così la loro competitività sul mercato. Questi fondi possono essere utilizzati per sviluppare nuove tecnologie, migliorare i processi produttivi o creare nuovi prodotti che soddisfino le esigenze dei clienti in modo più efficace.

Molte fonti di finanziamento agevolato promuovono la sostenibilità ambientale e sociale. Le PMI che investono in progetti sostenibili possono beneficiare di finanziamenti agevolati o incentivi fiscali, incoraggiando così pratiche commerciali responsabili e contribuendo alla tutela dell’ambiente e alla responsabilità sociale d’impresa.

Attraverso il microcredito e la finanza agevolata, le PMI possono diversificare le loro fonti di finanziamento e ridurre il rischio finanziario. Questo può rendere l’azienda più resilienti alle fluttuazioni economiche e alle crisi finanziarie.

Oltre al finanziamento, molte istituzioni che forniscono microcredito offrono anche supporto tecnico e consulenza alle imprese. Questo può essere prezioso per le PMI che necessitano di orientamento su come gestire le loro finanze, migliorare l’efficienza operativa o sviluppare strategie di marketing.

L’accesso al microcredito e alla finanza agevolata può essere un catalizzatore per lo sviluppo e il successo delle PMI, consentendo loro di superare le sfide finanziarie e di investire nelle opportunità di crescita e innovazione.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) può rappresentare un’importante fonte di opportunità per le piccole e medie imprese (PMI) in Italia. Il PNRR potrebbe aprire nuove prospettive per le PMI.

Finanziamenti Agevolati Il PNRR prevede investimenti significativi in diversi settori chiave dell’economia italiana, come la digitalizzazione, la transizione ecologica, l’innovazione e la formazione. Le PMI potrebbero beneficiare di finanziamenti agevolati per progetti mirati a migliorare la loro competitività e sostenibilità, ad esempio attraverso l’adozione di tecnologie digitali, la riduzione dell’impatto ambientale o l’implementazione di soluzioni innovative.

Programmi di Sostegno Il PNRR potrebbe includere programmi specifici per sostenere le PMI attraverso consulenza, formazione, mentoring e accesso a reti di imprese. Questi programmi potrebbero aiutare le PMI a sviluppare competenze chiave, adottare pratiche innovative e accedere a nuove opportunità di mercato.

Incentivi alla Ricerca e all’Innovazione Il PNRR potrebbe prevedere incentivi e agevolazioni fiscali per le PMI che investono in ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica e sostenibilità. Questo potrebbe incoraggiare le PMI a sviluppare nuovi prodotti, processi e servizi, migliorando così la loro competitività sul mercato internazionale.

Progetti di Infrastruttura e Logistica Il PNRR potrebbe prevedere investimenti in progetti di infrastruttura e logistica che potrebbero beneficiare direttamente le PMI, ad esempio attraverso la creazione di nuove infrastrutture di trasporto e di comunicazione che facilitano l’accesso ai mercati nazionali e internazionali.

Promozione dell’Imprenditorialità e dell’Innovazione Il PNRR potrebbe promuovere l’impresa e l’innovazione attraverso la creazione di ecosistemi imprenditoriali e l’incubazione di startup e PMI ad alto potenziale. Ciò potrebbe favorire la nascita di nuove imprese innovative e la crescita di quelle esistenti, contribuendo a dinamizzare l’economia italiana.

Il PNRR rappresenta un’opportunità unica per le PMI italiane di accedere a risorse e supporto per affrontare le sfide economiche e promuovere lo sviluppo sostenibile e resiliente. La partecipazione attiva delle PMI alla pianificazione e all’implementazione delle misure del PNRR è fondamentale per massimizzare i benefici derivanti da questo importante strumento di ripresa economica.

Per molte PMI, l’accesso al microcredito, alla finanza agevolata e alle opportunità offerte dal PNRR può essere un compito impegnativo e complesso. Il supporto professionale può fare la differenza.

Consulenza Finanziaria Un consulente finanziario esperto può aiutare le PMI a valutare le loro esigenze finanziarie e a identificare le migliori opzioni di finanziamento disponibili, inclusi il microcredito e le fonti di finanziamento agevolato. Questo può includere la valutazione dei requisiti di credito, la preparazione della documentazione necessaria e la pianificazione finanziaria a breve e lungo termine.

Assistenza Tecnica Le PMI potrebbero avere bisogno di assistenza tecnica per comprendere e navigare le complesse procedure e le normative relative all’accesso al microcredito, alla finanza agevolata e alle opportunità offerte dal PNRR. Un supporto professionale può aiutare le PMI a superare gli ostacoli amministrativi e a garantire il rispetto delle regole e dei requisiti stabiliti.

Networking e Collaborazioni I professionisti del settore finanziario e delle politiche pubbliche possono mettere in contatto le PMI con le istituzioni finanziarie, le agenzie governative e le altre organizzazioni che offrono sostegno finanziario e opportunità di finanziamento. Queste connessioni possono facilitare l’accesso alle risorse e agli strumenti disponibili e fornire alle PMI l’opportunità di stabilire partnership strategiche.

Formazione e Capacitazione La formazione e la capacitazione (capacità e competenze) possono essere essenziali per consentire alle PMI di sviluppare competenze finanziarie e gestionali necessarie per gestire con successo i finanziamenti ottenuti e sfruttare al meglio le opportunità offerte dal PNRR. I professionisti possono offrire programmi di formazione su temi come la gestione finanziaria, la pianificazione strategica e l’innovazione.

Il supporto professionale può svolgere un ruolo fondamentale nell’aiutare le PMI ad accedere al microcredito, alla finanza agevolata e alle opportunità offerte dal PNRR. Investire in consulenza finanziaria, assistenza tecnica, networking e formazione può aiutare le PMI a superare le sfide e a capitalizzare le opportunità per lo sviluppo e la crescita del loro business.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

08/02/2024

Cassa e investimenti, l’equilibrio del funambolo

La pianificazione degli investimenti produttivi basata sulla gestione della tesoreria è un elemento cruciale per il successo e la sostenibilità delle aziende. Questo approccio consente alle imprese di allocare in modo efficiente le risorse finanziarie disponibili, garantendo la continuità delle operazioni e facilitando la crescita a lungo termine.

La gestione della tesoreria è un aspetto chiave della salute finanziaria di un’azienda, influenzando direttamente la capacità di investire in nuove attività produttive. La pianificazione degli investimenti produttivi dovrebbe essere un processo strategico e ben strutturato che considera diversi fattori.

Prima di intraprendere qualsiasi investimento, è essenziale condurre un’approfondita analisi della situazione finanziaria. Questa analisi dovrebbe includere la valutazione delle entrate, delle spese correnti e dei flussi di cassa previsti. La chiara comprensione di questi parametri aiuta a determinare la quantità di risorse finanziarie disponibili per gli investimenti.

La definizione chiara degli obiettivi di investimento è fondamentale. Questi obiettivi dovrebbero essere allineati con la strategia aziendale generale e mirare a migliorare l’efficienza operativa, aumentare la capacità produttiva o penetrare nuovi mercati. La chiarezza degli obiettivi aiuta a guidare le decisioni di investimento e a valutare il successo nel lungo periodo.

Ogni investimento comporta un certo grado di rischio. La valutazione accurata dei rischi associati a ciascun progetto aiuta a mitigare le potenziali perdite finanziarie. Questa valutazione dovrebbe considerare fattori come la volatilità del mercato, le condizioni economiche globali e i rischi specifici del settore.

La pianificazione degli investimenti produttivi deve essere integrata nella pianificazione finanziaria a lungo termine dell’azienda. Ciò implica la creazione di proiezioni finanziarie realistiche che comprendano i flussi di cassa futuri, i pagamenti dei debiti e le possibili sfide economiche. La coerenza tra la pianificazione finanziaria a breve e lungo termine contribuisce a mantenere la stabilità finanziaria dell’azienda.

La gestione della tesoreria deve mirare a un utilizzo ottimale delle risorse finanziarie disponibili. Ciò potrebbe implicare l’esplorazione di opzioni di finanziamento, l’ottimizzazione del ciclo di cassa e la riduzione degli sprechi. Un approccio oculato alla gestione finanziaria consente di massimizzare gli investimenti produttivi e di conseguenza migliorare la competitività aziendale.

La pianificazione degli investimenti produttivi basata sulla gestione della tesoreria richiede una combinazione di analisi finanziaria, definizione degli obiettivi, valutazione dei rischi e pianificazione a lungo termine. Un approccio strutturato e basato su dati contribuisce a garantire che gli investimenti siano ben ponderati, sostenibili e allineati con la visione a lungo termine dell’azienda.

Certamente, la gestione della tesoreria è intrinsecamente collegata a un efficace business plan. La tesoreria gioca un ruolo fondamentale nella realizzazione degli obiettivi aziendali delineati nel business plan, in quanto influisce direttamente sulla capacità dell’azienda di finanziare le operazioni quotidiane e di implementare strategie a lungo termine.

Ecco come la gestione della tesoreria e il business plan sono interconnessi.

Stima delle Entrate e delle Uscite. Nel business plan, si stimano le entrate e le uscite future. La gestione della tesoreria si basa su queste previsioni finanziarie per garantire che ci siano risorse sufficienti per coprire i costi operativi.

Budget a Lungo Termine. La pianificazione finanziaria nel business plan fornisce una visione a lungo termine degli obiettivi finanziari dell’azienda. La gestione della tesoreria si allinea a questi obiettivi, assicurando che le risorse finanziarie siano allocate in modo strategico per raggiungere gli obiettivi stabiliti.

Esecuzione del Business Plan

Finanziamento delle Attività Correnti: La gestione della tesoreria si concentra sulla copertura delle spese quotidiane dell’azienda. Un efficace business plan fornisce la struttura finanziaria necessaria per garantire che ci siano fondi sufficienti per le attività correnti.

Investimenti ed Espansioni. Se il business plan prevede investimenti o espansioni, la gestione della tesoreria è cruciale per identificare come finanziare tali iniziative. Questo potrebbe coinvolgere l’ottenimento di finanziamenti esterni o la generazione di risorse interne attraverso una gestione efficiente del flusso di cassa.

Monitoraggio e Adeguamento

Controllo delle Variazioni. La gestione della tesoreria monitora le variazioni tra le previsioni finanziarie del business plan e la realtà operativa. Questo processo aiuta a identificare eventuali scostamenti e a prendere misure correttive tempestive.

Aggiornamenti del Business Plan. In base alle condizioni di mercato, alle variazioni nei flussi di cassa e ad altri fattori, il business plan potrebbe richiedere aggiornamenti periodici. La gestione della tesoreria fornisce dati critici per questi aggiornamenti, assicurando che il business plan sia sempre allineato alla realtà finanziaria dell’azienda.

Risposta alle Sfide Finanziarie

Gestione delle Crisi. Un business plan ben strutturato include strategie per affrontare eventuali crisi finanziarie. La gestione della tesoreria è responsabile di implementare tali strategie in modo efficiente, garantendo la continuità operativa durante periodi difficili.

La gestione della tesoreria e l’efficacia del business plan sono interdipendenti. Un business plan solido fornisce la guida strategica, mentre la gestione della tesoreria si occupa dell’implementazione pratica delle decisioni finanziarie per tradurre il piano in azione concreta.

Gli investimenti fatti “di pancia” senza una pianificazione o valutazione accurata possono comportare rischi significativi per la stabilità finanziaria di un’azienda. Mentre cogliere opportunità al volo può sembrare attraente, è fondamentale bilanciare l’entusiasmo con un’analisi razionale dei potenziali impatti finanziari. Ecco alcune ragioni per cui gli investimenti impulsivi possono mettere a rischio i conti aziendali.

Mancanza di Analisi Approfondita

Rischio di Perdite. Investire senza un’adeguata analisi può portare a decisioni sbagliate e a perdite finanziarie. L’assenza di una valutazione accurata dei rischi e delle opportunità può compromettere la redditività dell’investimento.

Impatto sulla Liquidità

Tensione sulla Tesoreria. Gli investimenti impulsivi possono esercitare pressioni sulla tesoreria, specialmente se richiedono un’immediata allocazione di risorse finanziarie. La mancanza di liquidità può ostacolare le operazioni quotidiane e minare la stabilità finanziaria.

Incompatibilità con la Strategia Aziendale

Divergenza dagli Obiettivi. Investimenti fatti “di pancia” potrebbero non essere in linea con gli obiettivi strategici a lungo termine dell’azienda. Ciò potrebbe portare a una dispersione delle risorse invece di concentrarle su iniziative che contribuiscono al successo a lungo termine.

Mancanza di Pianificazione Finanziaria

Assenza di Pianificazione. Gli investimenti impulsivi spesso avvengono senza una pianificazione finanziaria adeguata. La mancanza di un piano dettagliato può rendere difficile il monitoraggio e il controllo delle risorse allocate, aumentando il rischio di inefficienze finanziarie.

Variazioni Impreviste

Imprevisti del Mercato. Gli investimenti impulsivi possono essere particolarmente vulnerabili alle variazioni del mercato. Senza una preparazione adeguata, l’azienda potrebbe trovarsi impreparata a fronteggiare cambiamenti economici o settoriali improvvisi.

Consigli per una Gestione Responsabile

Analisi Prima dell’Azione. Prima di effettuare un investimento, è essenziale condurre un’analisi completa dei costi, dei benefici e dei rischi associati. Questo dovrebbe essere in linea con la strategia aziendale e il piano finanziario.

Pianificazione Finanziaria Adeguata. Integrare gli investimenti nella pianificazione finanziaria a lungo termine dell’azienda. Assicurarsi che ci siano risorse finanziarie sufficienti per coprire gli investimenti senza compromettere la liquidità.

Valutazione dei Rischi. Identificare e valutare attentamente i rischi associati a ciascun investimento. Prepararsi a gestire eventuali imprevisti attraverso la diversificazione degli investimenti e l’implementazione di strategie di mitigazione del rischio.

Consulenza Esperta. In caso di incertezza, cercare la consulenza di esperti finanziari o consulenti aziendali per ottenere una prospettiva obiettiva e professionale.

La gestione finanziaria responsabile richiede una combinazione di pianificazione, analisi e disciplina nelle decisioni di investimento. Gli investimenti dovrebbero essere allineati con la strategia aziendale complessiva, e la prudenza finanziaria è essenziale per evitare potenziali problemi di stabilità finanziaria.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

24/01/2024

Gestione della Tesoreria nelle PMI: Un Pilastro per il Successo

Le piccole e medie imprese (PMI) sono il motore dell’economia in molte parti del mondo. Tuttavia, molte di queste imprese si trovano spesso in situazioni finanziarie precarie, e la gestione della tesoreria è spesso trascurata. In questo articolo, esploreremo l’importanza della gestione della tesoreria nelle PMI e come questa può essere un pilastro fondamentale per il loro successo.

La gestione della tesoreria è il processo di monitoraggio, controllo e ottimizzazione dei flussi finanziari all’interno di un’azienda. Per le PMI, questo è cruciale, in quanto una cattiva gestione della tesoreria può portare a problemi finanziari seri e mettere a rischio la sopravvivenza stessa dell’impresa.

La tesoreria è il cuore pulsante delle PMI, poiché influisce su molteplici aspetti cruciali.

La liquidità è essenziale per qualsiasi azienda, ma per le PMI è ancora più critica. La mancanza di liquidità può portare a difficoltà nel pagare fornitori, salari e altre spese operative, mettendo in pericolo il normale funzionamento dell’azienda.

La gestione della tesoreria coinvolge il monitoraggio dei crediti concessi ai clienti. Le PMI devono trovare un equilibrio tra offrire termini di pagamento favorevoli per attirare clienti e garantire che i crediti non rimangano in sospeso troppo a lungo.

Una corretta gestione della tesoreria aiuta le PMI a pianificare in anticipo le proprie esigenze finanziarie. Questo include la pianificazione degli investimenti, la gestione delle spese e la previsione delle entrate.

Un’efficace gestione della tesoreria consente alle PMI di minimizzare i costi legati a prestiti e finanziamenti. Questo può aumentare la redditività e la competitività dell’impresa.

La gestione della tesoreria aiuta a identificare e mitigare i rischi finanziari. Ad esempio, le fluttuazioni dei tassi di cambio o dei tassi di interesse possono avere un impatto significativo sulle finanze di un’impresa.

Per gestire con successo la tesoreria, le PMI possono adottare diverse strategie e strumenti.

  1. Pianificazione del flusso di cassa: La creazione di previsioni accurate del flusso di cassa è fondamentale. Queste previsioni consentono di pianificare quando e quanto denaro sarà disponibile.
  2. Gestione dei pagamenti e delle scadenze: Monitorare da vicino le scadenze dei pagamenti in entrata e in uscita è essenziale per evitare ritardi e penalizzazioni.
  3. Ottimizzazione delle politiche di credito: Stabilire politiche di credito chiare e monitorare da vicino i crediti concessi ai clienti può migliorare il ciclo di riscossione.
  4. Diversificazione delle fonti di finanziamento: Le PMI dovrebbero considerare una gamma di opzioni di finanziamento, tra cui prestiti bancari, finanziamenti partecipativi o investitori privati.
  5. Tecnologie finanziarie: L’uso di software di gestione della tesoreria può semplificare il monitoraggio dei flussi finanziari e migliorare la precisione delle previsioni.

La gestione della tesoreria è cruciale per il successo delle PMI. Una buona gestione della tesoreria può migliorare la liquidità, ridurre i costi finanziari, prevenire crisi finanziarie e consentire una pianificazione finanziaria più efficace. Pertanto, le PMI dovrebbero dare la giusta attenzione alla gestione della tesoreria e investire nelle competenze e negli strumenti necessari per farlo. Questo può essere il pilastro che consente alle PMI di prosperare e crescere, svolgendo un ruolo vitale nell’economia globale.

La gestione della tesoreria svolge un ruolo cruciale come “scudo” contro le conseguenze della nuova legge sulla crisi di insolvenza (L. 155), che spesso può avere un impatto significativo sulle imprese, in particolare sulle PMI. Una solida gestione della tesoreria può aiutare a proteggere le imprese per alcuni fondamentali motivi.

  1. Mantenimento della liquidità: La legge sulla crisi di insolvenza può comportare un aumento delle pressioni finanziarie sulle imprese, come il pagamento di debiti arretrati o la negoziazione con creditori. Una solida gestione della tesoreria consente alle imprese di disporre di riserve di liquidità per far fronte a tali obblighi finanziari senza dover ricorrere a misure estreme come la vendita di asset o il licenziamento di dipendenti.
  2. Flessibilità finanziaria: Una gestione efficace della tesoreria offre alle imprese una maggiore flessibilità finanziaria per adattarsi alle nuove circostanze. Possono ridurre le spese non essenziali, rinegoziare contratti, cercare nuove fonti di finanziamento o ristrutturare i debiti in modo più vantaggioso.
  3. Gestione del rischio: La gestione della tesoreria può aiutare a identificare e mitigare i rischi finanziari che potrebbero portare a una crisi di insolvenza. Ad esempio, la diversificazione delle fonti di finanziamento può ridurre il rischio di dipendenza da un singolo creditore.
  4. Pianificazione a lungo termine: Una buona gestione della tesoreria non si concentra solo sulla gestione delle esigenze finanziarie immediate, ma anche sulla pianificazione a lungo termine. Questo permette alle imprese di prendere decisioni strategiche che le proteggono dagli impatti a lungo termine della crisi di insolvenza.
  5. Preparazione per il cambiamento: La legge sulla crisi di insolvenza può comportare cambiamenti nelle procedure di gestione delle crisi e nelle modalità di negoziazione con creditori. Una solida gestione della tesoreria può aiutare le imprese a prepararsi per queste nuove normative, garantendo che siano pronte ad affrontare situazioni di difficoltà finanziaria in modo più efficace.

La gestione della tesoreria, quindi, agisce come uno “scudo” proteggendo le imprese contro le conseguenze della legge sulla crisi di insolvenza. Una gestione finanziaria oculata offre alle imprese la stabilità finanziaria, la flessibilità e la capacità di adattamento necessarie per affrontare le sfide finanziarie in modo più efficace, riducendo il rischio di insolvenza e consentendo loro di mantenere la loro attività in tempi difficili.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi 07/11/2023

Quotarsi su Euronext conviene a chi punta in alto

Quotarsi su Euronext è un’opzione interessante per molte piccole e medie imprese (PMI) italiane che cercano di accedere ai mercati finanziari per raccogliere capitale e crescere. Euronext è una delle principali borse europee ed è presente in diverse città europee, tra cui Parigi, Amsterdam, Dublino, Bruxelles, e Milano. La quotazione su Euronext può offrire diversi vantaggi alle PMI, tra cui l’accesso al capitale, la visibilità, l’opportunità di crescere e diversificare le fonti di finanziamento.

Di seguito alcuni passi che le PMI dovrebbero considerare se desiderano quotarsi su Euronext.

Valutazione: La prima cosa da fare è valutare se la quotazione su Euronext è la scelta giusta per la vostra azienda. È importante considerare i costi e i benefici associati a questa mossa.

Preparazione: Le PMI devono preparare accuratamente le loro informazioni finanziarie, inclusi i bilanci, i piani di business, e altre documentazioni richieste.

Scelta del mercato: Euronext offre diverse piazze di negoziazione; quindi, dovreste decidere in quale mercato quotarvi. Questo può dipendere dalla vostra posizione geografica e dalle esigenze specifiche della vostra azienda.

Scelta dell’intermediario finanziario: Le PMI di solito necessitano di un intermediario finanziario per aiutarle nel processo di quotazione su Euronext. Questi intermediari possono essere banche o società di servizi finanziari.

Adempimento normativo: Le PMI devono rispettare le regole e i regolamenti del mercato e soddisfare i requisiti di quotazione stabiliti da Euronext.

Documentazione: Le PMI dovranno preparare una documentazione dettagliata, tra cui un documento informativo, che fornisce informazioni sui loro affari e sulle prospettive future.

Roadshow e collocamento: potrebbe essere necessario promuovere la vostra azienda tra gli investitori attraverso un roadshow. Potrebbe essere necessario collocare azioni presso gli investitori.

Monitoraggio del mercato: Una volta quotate, le PMI dovrebbero monitorare costantemente le condizioni di mercato e comunicare in modo trasparente con gli investitori.

Governance aziendale: Le PMI dovrebbero avere a disposizione una solida struttura di governance aziendale per garantire la fiducia degli investitori.

Crescita e sviluppo: Dopo la quotazione, le PMI dovrebbero utilizzare i capitali raccolti per finanziare la crescita e lo sviluppo del loro business.

È importante consultare esperti finanziari e legali esperti di mercati finanziari per guidarvi attraverso il processo di quotazione su Euronext, poiché può essere complesso e regolamentato. Inoltre, dovreste considerare attentamente se la quotazione su Euronext è la scelta giusta per il vostro business, in base ai vostri obiettivi di crescita e finanziamento.

Un advisor (consulente) svolge un ruolo chiave nella preparazione e nell’assistenza di un’azienda alla quotazione su una borsa valori, compresa Euronext. Vanno verificati i principali requisiti e considerazioni di un advisor che si prepara per una quotazione.

Un advisor deve avere una profonda conoscenza del mercato in cui l’azienda intende quotarsi, compreso il funzionamento specifico di Euronext. Questo include la comprensione delle regole di quotazione, dei regolamenti di mercato e dei requisiti normativi.

L’advisor dovrebbe essere in grado di analizzare le informazioni finanziarie dell’azienda, preparare bilanci e piani finanziari solidi e valutare il potenziale di crescita.

L’esperienza nell’assistere le aziende nelle operazioni di mercato, come IPO (Initial Public Offering), fusioni e acquisizioni, e altre transazioni di capitale, è essenziale. Questa esperienza aiuta a pianificare e condurre con successo la quotazione.

Gli aspetti legali della quotazione sono complessi, quindi è importante che l’advisor abbia accesso a consulenti legali esperti in diritto societario, regolamentazione finanziaria e altri aspetti legali.

L’advisor dovrebbe avere capacità di pianificazione strategica per aiutare l’azienda a determinare il momento migliore per la quotazione, a sviluppare una strategia di marketing e a identificare gli obiettivi a lungo termine.

L’advisor dovrebbe avere accesso a banche d’investimento e altri intermediari finanziari che possono assistere nell’emissione di azioni o di altre forme di titoli.

La comunicazione con gli investitori è un elemento fondamentale della quotazione. L’advisor dovrebbe aiutare l’azienda a sviluppare piani di comunicazione efficaci e trasparenti.

L’advisor dovrebbe essere in grado di gestire l’intero processo di quotazione, dalla preparazione iniziale all’offerta pubblica e alla successiva negoziazione sul mercato.

L’advisor dovrebbe essere in grado di determinare il valore dell’azienda e stabilire il prezzo delle azioni da offrire al pubblico.

L’advisor deve garantire che l’azienda sia in piena conformità con le leggi e i regolamenti di mercato, inclusi quelli specifici di Euronext.

È fondamentale che l’advisor abbia una buona comprensione delle esigenze e degli obiettivi dell’azienda e che possa lavorare in stretta collaborazione con il management per raggiungere una quotazione di successo. È buona norma cercare un advisor con una comprovata esperienza nella quotazione di aziende simili e con una rete di contatti nel settore finanziario per facilitare il processo di quotazione.

 

Il crowdfunding e la quotazione su Euronext sono due opzioni di finanziamento molto diverse, ognuna con le proprie caratteristiche, vantaggi e svantaggi. Ecco un confronto tra le due opzioni:

Tipo di finanziamento:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding è un metodo di raccolta di fondi in cui un’azienda o un individuo cerca di raccogliere fondi da una vasta rete di persone, spesso attraverso piattaforme online. Si tratta di una forma di finanziamento basata su donazioni, ricompense, equity o prestiti.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext è una forma di finanziamento in cui un’azienda offre le proprie azioni al pubblico su una borsa valori europea. Gli investitori acquistano azioni dell’azienda in cambio di capitale.

Capitale raccolto:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding è spesso utilizzato per raccogliere somme relativamente piccole da un gran numero di investitori, sebbene esistano piattaforme di equity crowdfunding che consentono alle imprese di raccogliere capitale più significativo.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext può consentire di raccogliere capitali significativi attraverso la vendita di azioni a investitori istituzionali e al pubblico in generale.

Regolamentazione:

    • Crowdfunding: Le campagne di crowdfunding sono soggette a normative che variano da paese a paese, ma spesso implicano meno regolamentazione rispetto alla quotazione su una borsa valori.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext è un processo altamente regolamentato che richiede il rispetto di norme e regolamenti finanziari rigorosi.

Controllo azionario:

    • Crowdfunding: Nelle campagne di crowdfunding di equity, l’azienda può cedere una parte della proprietà agli investitori, ma di solito mantiene un certo grado di controllo.
    • Quotazione su Euronext: Una volta quotata, l’azienda concede una parte significativa del controllo agli azionisti, poiché il consiglio di amministrazione e la gestione aziendale devono rispondere agli azionisti.

Visibilità e reputazione:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding può aumentare la visibilità dell’azienda e rafforzare il rapporto con i sostenitori, ma potrebbe non portare alla stessa visibilità di una quotazione su una borsa valori.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su una borsa valori come Euronext offre un alto grado di visibilità e può migliorare la reputazione dell’azienda, ma comporta anche una maggiore esposizione e pressione dai mercati finanziari.

Costi e complessità:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding può essere meno costoso e richiedere meno tempo rispetto alla quotazione su una borsa valori. Tuttavia, ci sono comunque costi associati alle piattaforme di crowdfunding e al rispetto delle normative.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext può essere un processo costoso e complesso, con oneri legali, amministrativi e regolatori significativi.

La scelta tra crowdfunding e quotazione su Euronext dipenderà dalle esigenze finanziarie e dagli obiettivi dell’azienda. Il crowdfunding è una scelta più accessibile per le piccole imprese o startup che cercano capitale iniziale, mentre la quotazione su Euronext è più adatta a imprese più consolidate che cercano un finanziamento su larga scala e vogliono beneficiare della visibilità e della liquidità offerte dai mercati azionari.

Importanza del capitale circolante netto e della posizione finanziaria netta

Il capitale circolante netto (CCN) e la posizione finanziaria netta (PFN) sono due importanti indicatori finanziari utilizzati per valutare la salute finanziaria di un’azienda. Entrambi forniscono informazioni cruciali sulla liquidità e la capacità dell’azienda di far fronte alle sue obbligazioni a breve termine.

Il Capitale circolante netto (CCN) rappresenta la differenza tra le attività correnti (risorse liquide e attività che possono essere convertite in denaro entro un anno) e le passività correnti (obbligazioni a breve termine e passività che devono essere pagate entro un anno). La formula del CCN è:

CCN = Attività correnti – Passività correnti

L’importanza del CCN risiede nel fatto che misura la disponibilità di risorse liquide dell’azienda per sostenere le sue operazioni quotidiane e coprire i debiti a breve termine. Un CCN positivo indica che l’azienda ha più attività correnti rispetto alle passività correnti, il che suggerisce una buona capacità di gestire gli obblighi finanziari imminenti. D’altra parte, un CCN negativo può indicare una possibile difficoltà nel far fronte alle passività a breve termine, potendo portare a situazioni di liquidità problematica o a una maggiore dipendenza da finanziamenti esterni.

La Posizione finanziaria netta (PFN) rappresenta la differenza tra le attività finanziarie correnti e le passività finanziarie correnti. Le attività finanziarie correnti includono disponibilità in contanti, equivalenti di cassa e altre attività finanziarie a breve termine, mentre le passività finanziarie correnti comprendono i debiti a breve termine.

La formula della PFN è:

PFN = Attività finanziarie correnti – Passività finanziarie correnti

La PFN fornisce una misura più specifica della liquidità finanziaria dell’azienda, concentrandosi sulle risorse finanziarie a breve termine e sugli impegni di pagamento. Una PFN positiva indica che l’azienda ha più risorse finanziarie correnti delle sue passività finanziarie correnti, suggerendo una buona posizione di liquidità. Al contrario, una PFN negativa indica che le passività finanziarie correnti superano le risorse finanziarie correnti, suggerendo una possibile necessità di finanziamenti esterni per far fronte agli impegni finanziari.

Sia il capitale circolante netto (CCN) che la posizione finanziaria netta (PFN) sono indicatori chiave per valutare la stabilità finanziaria di un’azienda. Una gestione adeguata del CCN e della PFN è fondamentale per garantire che l’azienda abbia sufficienti risorse liquide per affrontare le sue obbligazioni finanziarie a breve termine e mantenga una solida posizione finanziaria complessiva. Una sana gestione del capitale circolante e una posizione finanziaria equilibrata possono contribuire alla crescita e al successo a lungo termine dell’azienda.

Sono parametri vitali sempre sotto attento esame da parte di qualsivoglia istituzione finanziaria e sono un dato importante per decidere la finanziabilità di una impresa.

Noi siamo pronti, Voi

Articolo di Marco Simontacchi

31/07/2023

L’importanza della pianificazione finanziaria in un piano industriale

Nel contesto di un’azienda, il piano industriale è uno strumento essenziale che definisce le strategie, gli obiettivi e le azioni necessarie per raggiungere il successo a lungo termine. Tra gli elementi fondamentali di un piano industriale, la pianificazione dei flussi finanziari riveste un ruolo di estrema importanza.

Garantisce liquidità. La pianificazione dei flussi finanziari aiuta a garantire che l’azienda abbia sufficiente liquidità per far fronte alle spese correnti e future. Ciò significa tenere sotto controllo gli ingressi e le uscite di denaro, prevedere eventuali picchi di spesa o periodi di incassi ridotti e adottare misure preventive per evitare situazioni di crisi finanziaria. Senza una gestione oculata dei flussi finanziari, l’azienda potrebbe trovarsi a corto di fondi quando ne ha più bisogno, mettendo a rischio la sua stessa esistenza.

Consentire investimenti strategici. Un’azienda di successo deve essere in grado di investire in nuove tecnologie, infrastrutture, ricerca e sviluppo e altre iniziative strategiche. La pianificazione dei flussi finanziari permette di identificare le risorse disponibili e valutare la fattibilità di questi investimenti senza compromettere la stabilità finanziaria dell’azienda. Investimenti mirati possono aumentare l’efficienza produttiva, la qualità dei prodotti/servizi offerti e la competitività sul mercato.

Riduzione dei rischi finanziari. I rischi finanziari sono sempre presenti in un ambiente economico in continua evoluzione. La pianificazione dei flussi finanziari aiuta a identificare e mitigare i rischi finanziari, sia interni che esterni. Attraverso la gestione attiva dei flussi di cassa, l’azienda può reagire prontamente a cambiamenti imprevisti nel mercato, riducendo l’impatto di potenziali crisi finanziarie o rallentamenti economici.

Facilita la negoziazione con le parti interessate. Quando un’azienda ha una pianificazione finanziaria solida, diventa più attraente per gli investitori, le banche e altri soggetti interessati. La capacità di dimostrare una gestione finanziaria accurata e la prospettiva di flussi di cassa stabili nel tempo possono influenzare positivamente le decisioni degli investitori, migliorando così l’accesso a finanziamenti esterni o a nuove partnership strategiche.

Sostenibilità aziendale. Una buona pianificazione dei flussi finanziari consente di mantenere l’equilibrio tra le esigenze finanziarie dell’azienda e le sue capacità di generare reddito. Questo contribuisce a garantire la sostenibilità aziendale a lungo termine, evitando situazioni di sovraindebitamento o mancanza di liquidità. Un’azienda sana finanziariamente è più resistente alle sfide economiche e può affrontare con maggiore fiducia i cicli economici altalenanti.

La pianificazione dei flussi finanziari riveste un ruolo chiave all’interno di un piano industriale ben strutturato. Garantisce la stabilità finanziaria, facilita gli investimenti strategici, riduce i rischi e migliora le opportunità di negoziazione con le parti interessate. Senza una gestione attenta dei flussi di cassa, l’azienda potrebbe trovarsi in una posizione vulnerabile, incapace di affrontare le sfide del mercato o di cogliere le opportunità di crescita. Pertanto, la corretta pianificazione finanziaria dovrebbe essere una priorità per qualsiasi azienda impegnata a raggiungere il successo a lungo termine.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

19/07/2023