Tag Archivio per: #riskmanagement

Inail e datore di lavoro, un difficile rapporto

È vero che l’INAIL ha il compito di tutelare i lavoratori in caso di infortuni sul lavoro, ma l’articolo 2049 del Codice Civile italiano e il principio della “culpa in vigilando” impongono anche una responsabilità agli amministratori e ai titolari delle aziende per garantire un ambiente di lavoro sicuro.

L’articolo 2049 del Codice Civile stabilisce che il datore di lavoro è responsabile dei danni causati ai dipendenti nell’esercizio dell’attività lavorativa, a meno che non provi di aver adottato tutte le misure necessarie per evitare il danno. Questo principio impone al datore di lavoro di adottare tutte le misure ragionevoli per prevenire infortuni sul lavoro e garantire un ambiente lavorativo sicuro.

La “culpa in vigilando” è un principio giuridico che implica che il datore di lavoro è responsabile per i danni causati ai dipendenti se non ha esercitato la dovuta diligenza nella sorveglianza e nel controllo delle attività lavorative. Ciò significa che il datore di lavoro deve essere vigile e prendere tutte le precauzioni ragionevoli per prevenire situazioni che potrebbero portare a incidenti sul lavoro.

Quando un lavoratore subisce un infortunio sul lavoro, l’INAIL fornisce una copertura assicurativa che comprende assistenza sanitaria, indennità giornaliere per l’assenza dal lavoro e, se necessario, una rendita in caso di invalidità permanente o di morte. Tuttavia, se viene accertato che l’infortunio è avvenuto a causa di una negligenza o di una mancanza di sicurezza da parte del datore di lavoro, l’INAIL ha il diritto di rivalersi sull’azienda per il pagamento delle indennità erogate al lavoratore.

Gli amministratori e i titolari delle aziende hanno quindi l’obbligo legale di adottare tutte le misure necessarie per garantire un ambiente di lavoro sicuro al fine di evitare infortuni e potenziali rivalse da parte dell’INAIL. Ciò include l’implementazione di protocolli di sicurezza, la fornitura di formazione adeguata ai dipendenti e la supervisione costante delle condizioni di lavoro.

Quando l’INAIL richiede una rivalsa basata sull’articolo 2049 del Codice Civile e invoca il principio della “culpa in vigilando”, il datore di lavoro ha la responsabilità di dimostrare di aver adottato tutte le misure ragionevoli per prevenire l’infortunio sul lavoro. Tuttavia, ci sono circostanze in cui il datore di lavoro può contestare la rivalsa e l’accusa di negligenza:

Adozione di misure preventive Il datore di lavoro può dimostrare di aver messo in atto tutte le misure preventive ragionevoli per garantire un ambiente di lavoro sicuro. Questo potrebbe includere l’implementazione di protocolli di sicurezza, la formazione dei dipendenti, la manutenzione regolare delle attrezzature e la supervisione costante delle attività lavorative.

Fattori al di fuori del controllo del datore di lavoro Se l’infortunio sul lavoro è stato causato da circostanze al di fuori del controllo del datore di lavoro, come eventi naturali imprevedibili o azioni di terzi, il datore di lavoro potrebbe essere esentato dalla responsabilità.

Manutenzione della prova Il datore di lavoro ha il compito di mantenere documentazione accurata e prove delle misure di sicurezza adottate e della formazione fornita ai dipendenti. Queste prove possono essere utilizzate per difendersi dall’accusa di negligenza.

Se il datore di lavoro non è in grado di dimostrare di aver adottato tutte le misure necessarie per prevenire l’infortunio sul lavoro, si vedrebbe tenuto a pagare la rivalsa richiesta dall’INAIL. Tuttavia, è importante consultare un avvocato specializzato in diritto del lavoro per valutare le specifiche circostanze del caso e determinare le migliori opzioni di difesa.

Il risk management è fondamentale per mitigare i rischi legati agli infortuni sul lavoro e per proteggere sia i dipendenti che l’azienda stessa. Come fare?

Valutazione dei rischi Identificare e valutare i potenziali rischi sul posto di lavoro è il primo passo per la gestione efficace del rischio. Ciò include analizzare le attività lavorative, individuare le potenziali fonti di pericolo e valutare le conseguenze degli incidenti.

Implementazione di misure preventive Basandosi sull’analisi dei rischi, il datore di lavoro dovrebbe adottare misure preventive adeguate per ridurre al minimo il rischio di infortuni sul lavoro. Ciò potrebbe includere l’implementazione di protocolli di sicurezza, la fornitura di attrezzature protettive, la formazione dei dipendenti e la supervisione costante delle attività lavorative.

Formazione e consapevolezza Assicurarsi che i dipendenti siano adeguatamente formati e consapevoli dei rischi sul posto di lavoro è essenziale per prevenire gli incidenti. La formazione dovrebbe includere procedure di sicurezza, uso corretto delle attrezzature e risposta agli incidenti.

Assicurazione Acquisire coperture assicurative adeguate, compresa la responsabilità civile per infortuni sul lavoro, può aiutare a mitigare il rischio finanziario associato agli incidenti sul posto di lavoro. Queste polizze assicurative possono fornire protezione finanziaria sia per i dipendenti che per l’azienda in caso di infortuni sul lavoro.

Monitoraggio e revisione Il risk management è un processo continuo che richiede monitoraggio costante e revisione delle politiche e delle procedure per garantire che siano efficaci nel mitigare i rischi. Ciò può includere audit periodici, analisi dei dati sugli incidenti e aggiornamenti delle politiche in base alle nuove informazioni o alle nuove normative.

Ricordati che, nonostante tutte le precauzioni, è impossibile eliminare completamente il rischio di infortuni sul lavoro. Tuttavia, adottare pratiche solide di risk management può ridurre significativamente la probabilità e le conseguenze degli incidenti sul posto di lavoro.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

30/01/2024

Antiriciclaggio e adeguata verifica a salvaguardia delle PMI

L’antiriciclaggio e l’adeguata verifica a salvaguardia delle PMI sono fondamentali per prevenire attività illecite e proteggere l’integrità del sistema finanziario. Vi sono enormi vantaggi associati a tali pratiche.

Prevenzione delle Attività Illecite Le normative antiriciclaggio aiutano a prevenire il riciclaggio di denaro e altre attività illecite, fornendo strumenti e procedure per identificare transazioni sospette.

Integrità del Sistema Finanziario L’implementazione di misure antiriciclaggio contribuisce a mantenere l’integrità del sistema finanziario, garantendo che le risorse finanziarie non vengano utilizzate per scopi illegali o dannosi.

Protezione delle PMI Le piccole e medie imprese (PMI) possono trarre vantaggio da un ambiente finanziario sicuro. La verifica adeguata riduce il rischio di coinvolgimento involontario in transazioni illegali, proteggendo la reputazione e la stabilità finanziaria delle PMI.

Accesso a Finanziamenti Le imprese che seguono procedure di verifica rigorose e rispettano le normative antiriciclaggio possono godere di un maggiore accesso a finanziamenti e servizi bancari, poiché dimostrano affidabilità e conformità normativa.

Riduzione delle Sanzioni Il rispetto delle normative antiriciclaggio può evitare sanzioni legali e finanziarie che potrebbero colpire le imprese. Ciò contribuisce a mantenere la stabilità finanziaria e operativa delle PMI.

Coerenza con le Migliori Pratiche Internazionali L’implementazione di misure antiriciclaggio consente alle imprese di conformarsi alle migliori pratiche internazionali, favorendo la fiducia degli investitori, dei partner commerciali e degli enti di regolamentazione.

Sicurezza del Mercato La presenza di normative antiriciclaggio contribuisce a creare un ambiente economico sicuro e affidabile, aumentando la fiducia degli investitori e dei consumatori nel mercato.

Responsabilità Aziendale Adottare procedure di verifica adeguate dimostra un impegno verso la responsabilità aziendale, contribuendo a costruire una reputazione di integrità e conformità normativa.

L’antiriciclaggio e la verifica adeguata sono essenziali per promuovere un ambiente finanziario sicuro, proteggere le imprese da rischi legali e finanziari, e facilitare l’accesso a opportunità di crescita e finanziamenti per le PMI.

Il coinvolgimento involontario in transazioni illegali può avere conseguenze devastanti per la sopravvivenza di un’azienda. Ciò può rappresentare una grave minaccia.

Reputazione L’associazione con attività illegali danneggia gravemente la reputazione di un’azienda. La perdita di fiducia da parte dei clienti, partner commerciali e investitori può essere difficile da recuperare e potrebbe portare alla perdita di clientela e contratti.

Sanzioni Legali e Ammende L’azienda coinvolta in transazioni illegali può essere soggetta a sanzioni legali e ammende significative. Queste possono avere un impatto finanziario diretto e compromettere la redditività e la stabilità finanziaria dell’azienda.

Perdita di Opportunità di Business Le aziende coinvolte in attività illegali rischiano di essere escluse da opportunità di business, gare d’appalto e partnership. Molte organizzazioni e istituzioni sono riluttanti a fare affari con entità che non rispettano le normative e le leggi.

Perdita di Accesso ai Mercati Finanziari Le aziende coinvolte in attività illegali possono essere escluse dai mercati finanziari, rendendo difficile ottenere finanziamenti e capitali per supportare l’espansione o affrontare eventuali crisi finanziarie.

Intervento delle Autorità Regolatorie Il coinvolgimento in attività illegali attira l’attenzione delle autorità regolatorie, che possono avviare indagini e ispezioni approfondite. Ciò può comportare ulteriori sanzioni, perdite finanziarie e restrizioni operative.

Rischi Operativi Le attività illegali possono portare a interruzioni operative e perdite di efficienza. Le indagini e le azioni correttive richieste per risolvere la situazione possono richiedere risorse considerevoli e distrarre l’azienda dalle sue attività principali.

Difficoltà nel Riottenere la Conformità Dopo essere stata coinvolta in transazioni illegali, un’azienda potrebbe trovare difficile riottenere la conformità normativa e la fiducia degli enti regolatori.

Perdita di Personale Chiave Il coinvolgimento in attività illegali può portare a un clima aziendale tossico e alla perdita di talenti chiave. I dipendenti potrebbero sentirsi insicuri sul futuro dell’azienda e decidere di cercare opportunità altrove.

Per queste ragioni, è di fondamentale importanza che le aziende adottino misure rigorose per evitare il coinvolgimento involontario in transazioni illegali, implementando procedure di controllo interne e rispettando le normative antiriciclaggio e di conformità.

Noi siamo pronti e attrezzati, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

08/01/2024

La consulenza strategica: un ruolo cruciale.

La consulenza strategica mira a massimizzare l’efficienza fiscale, cercando di ridurre l’imposizione fiscale legittimamente attraverso piani fiscali efficaci. Questo può includere la scelta di regimi fiscali vantaggiosi o la pianificazione di investimenti in modo da massimizzare i benefici fiscali disponibili passando anche attraverso una strutturazione strategica di gruppo.

I consulenti strategici eseguono un’attenta analisi dei rischi finanziari e contabili. Ciò include la valutazione dei possibili impatti di eventi imprevisti sulle finanze aziendali. Tale valutazione consente di sviluppare strategie di mitigazione dei rischi e di prepararsi a eventuali scenari negativi.

La redazione di note integrative richiede una comunicazione chiara e trasparente con gli stakeholder. Un consulente strategico può aiutare a tradurre i dati finanziari complessi in informazioni comprensibili, fornendo una visione chiara della salute finanziaria dell’azienda.

La consulenza strategica si estende oltre la semplice compilazione di documenti contabili. Include anche la pianificazione finanziaria a lungo termine, aiutando l’azienda a sviluppare obiettivi finanziari sostenibili nel tempo e ad adottare strategie adeguate per raggiungerli.

Essa può essere fondamentale nella preparazione e presentazione del bilancio alle autorità di regolamentazione, agli investitori e ad altri stakeholder. La capacità di presentare in modo convincente le informazioni finanziarie contribuisce a creare fiducia nella gestione aziendale.

La consulenza strategica è essenziale per garantire che i bilanci e le note integrative siano redatti in modo accurato, in conformità con le leggi vigenti e in grado di comunicare in modo efficace la situazione finanziaria dell’azienda agli stakeholder.

 

Riveste un ruolo cruciale nell’ottimizzazione del rating aziendale e nella gestione degli approvvigionamenti finanziari.

Analisi approfondita della situazione finanziaria Un consulente strategico può condurre un’analisi dettagliata della situazione finanziaria dell’azienda. Questa valutazione comprende la revisione delle performance finanziarie passate, la struttura del capitale, l’indebitamento e altri indicatori chiave che influenzano il rating.

Pianificazione finanziaria a lungo termine La consulenza strategica è fondamentale nella definizione di una pianificazione finanziaria a lungo termine. Ciò include la definizione di obiettivi finanziari, la gestione della liquidità e la pianificazione degli investimenti, tutti fattori che impattano positivamente il rating aziendale.

Ottimizzazione della struttura finanziaria I consulenti strategici possono lavorare per ottimizzare la struttura finanziaria dell’azienda. Questo potrebbe coinvolgere la gestione del debito, la strutturazione di operazioni finanziarie vantaggiose e la valutazione delle opportunità per migliorare l’efficienza finanziaria complessiva.

Comunicazione efficace con le istituzioni finanziarie La consulenza strategica è essenziale per comunicare in modo chiaro e convincente con le istituzioni finanziarie. Una comprensione approfondita delle dinamiche finanziarie aziendali consente di presentare i dati in modo favorevole, migliorando le probabilità di ottenere un rating più alto.

Valutazione dei rischi finanziari I consulenti possono aiutare a identificare e mitigare i rischi finanziari che potrebbero influenzare negativamente il rating. Ciò include una valutazione approfondita dei rischi legati al settore, alla concorrenza e a fattori macroeconomici che possono impattare sulle prospettive finanziarie.

Gestione degli approvvigionamenti finanziari La consulenza strategica è fondamentale per la gestione efficiente degli approvvigionamenti finanziari. Ciò implica la pianificazione accurata delle fonti di finanziamento, la gestione delle relazioni con le istituzioni finanziarie e la negoziazione di condizioni favorevoli per i prestiti o altre forme di finanziamento.

In sintesi, è un elemento chiave per garantire un rating aziendale ottimale e una gestione finanziaria efficace. Attraverso un approccio strategico e una comprensione approfondita delle dinamiche finanziarie, i consulenti possono contribuire significativamente al successo finanziario a lungo termine delle imprese.

 

L’analogia tra la consulenza strategica e le sinapsi nei neuroni è interessante e può aiutare a illustrare il ruolo cruciale della consulenza strategica nelle informazioni finanziarie e fiscali.

Trasmissione di informazioni Le sinapsi nei neuroni sono i punti di connessione attraverso i quali le informazioni vengono trasmesse da un neurone all’altro. Allo stesso modo, la consulenza strategica agisce come un punto di connessione tra i dati finanziari e fiscali di un’azienda, facilitando la trasmissione di informazioni chiave.

Integrazione delle informazioni Nei neuroni, le sinapsi sono responsabili di integrare e processare le informazioni. Analogamente, la consulenza strategica integra dati finanziari e fiscali, analizzandoli in modo approfondito per fornire una comprensione chiara della situazione aziendale.

Velocità ed efficienza Le sinapsi permettono una trasmissione rapida e mirata delle informazioni tra neuroni. Nello stesso modo, la consulenza strategica lavora per garantire che le informazioni finanziarie e fiscali vengano trasmesse in modo efficiente e tempestivo, permettendo una presa di decisioni informata.

Adattabilità e apprendimento Le sinapsi sono fondamentali per l’apprendimento e l’adattabilità del sistema nervoso. La consulenza strategica, attraverso l’analisi continua dei dati finanziari e fiscali, contribuisce all’apprendimento aziendale, consentendo l’adattamento alle mutevoli condizioni del mercato e delle normative.

Trasmissione di segnali chiave Nelle sinapsi, i segnali vengono trasmessi in risposta a stimoli specifici. La consulenza strategica, simile a questo processo, identifica segnali chiave nei dati finanziari e fiscali, aiutando l’azienda a rispondere prontamente a opportunità o sfide.

Facilitazione della comunicazione Le sinapsi facilitano la comunicazione tra neuroni. Analogamente, la consulenza strategica facilita la comunicazione e la comprensione tra diverse parti interessate aziendali, traducendo dati complessi in informazioni comprensibili.

L’analogia tra la consulenza strategica e le sinapsi nei neuroni sottolinea il ruolo fondamentale che la consulenza svolge nel collegare, elaborare e trasmettere informazioni finanziarie e fiscali all’interno di un’organizzazione, consentendo un funzionamento sinergico e adattabile nel contesto aziendale.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

25/12/2023

La catena del valore nel B2B

La creazione di un network di lavoro tra aziende è un aspetto cruciale per lo sviluppo e il successo delle stesse. Le relazioni consolidate giocano un ruolo fondamentale in questo contesto, portando numerosi benefici.

Le relazioni consolidate favoriscono una comunicazione aperta e trasparente tra le aziende coinvolte. Questo contribuisce a una maggiore comprensione reciproca, consentendo una collaborazione più efficace e mirata.

La costruzione di relazioni consolidate comporta il consolidamento di fiducia reciproca nel tempo. Aziende che si fidano l’una dell’altra sono più propense a condividere risorse, informazioni e competenze, facilitando la crescita condivisa.

Le relazioni consolidate permettono uno scambio più agevole di risorse tra le aziende coinvolte. Questo può includere competenze, tecnologie, informazioni di settore e contatti, che contribuiscono al potenziamento delle capacità operative di entrambe le parti.

Lavorare all’interno di relazioni consolidate può portare a sinergie strategiche. Le aziende possono unire le proprie forze per affrontare sfide comuni, creare nuove opportunità di business e ottenere vantaggi competitivi sul mercato.

Le relazioni consolidate possono facilitare l’accesso a nuovi mercati attraverso partnership e collaborazioni strategiche. Condividere reti di contatti e risorse può ampliare la portata delle aziende coinvolte e facilitare l’espansione internazionale.

Lavorare con partner consolidati può ridurre i rischi associati a nuove iniziative o progetti. La conoscenza approfondita reciproca consente di valutare meglio le potenziali sfide e di adottare strategie preventive.

Le relazioni consolidate offrono un’opportunità di apprendimento reciproco. Le aziende possono beneficiare dalla condivisione di best practices, esperienze passate e conoscenze specifiche del settore, favorendo la crescita e lo sviluppo continuo.

Le relazioni consolidate sono un pilastro fondamentale per la creazione e il mantenimento di un network di lavoro tra aziende. Contribuiscono a un ambiente di lavoro collaborativo, favorendo la crescita sostenibile e la realizzazione di obiettivi comuni.

 

La creazione di relazioni fiduciarie consolidate tra aziende richiede un approccio strategico e un impegno a lungo termine.

Comprendere i Valori Comuni:

  • Identificare i valori comuni tra le aziende coinvolte.
  • Assicurarsi che ci sia allineamento nelle missioni, visioni e principi etici.

Comunicazione Aperta e Trasparente:

  • Fornire un ambiente di comunicazione aperto e trasparente.
  • Favorire una cultura in cui le informazioni vengono condivise in modo onesto e tempestivo.

Definire Obiettivi Chiari:

  • Stabilire obiettivi chiari e comuni per la collaborazione.
  • Assicurarsi che gli obiettivi siano misurabili e che entrambe le aziende ne comprendano l’importanza.

Sviluppare un Piano di Collaborazione:

  • Creare un piano dettagliato che delinei come le aziende lavoreranno insieme.
  • Includere responsabilità, aspettative, scadenze e risorse necessarie.

Costruire la Fiducia Gradualmente:

  • Iniziare con progetti o iniziative di piccola scala per costruire fiducia iniziale.
  • Aumentare gradualmente la complessità delle collaborazioni man mano che la fiducia cresce.

Condividere Risorse in Modo Reciproco:

  • Esplorare opportunità di condivisione di risorse, come competenze, tecnologie o infrastrutture.
  • Garantire che ci sia un equilibrio equo nei benefici derivati dalla collaborazione.

Instaurare Relazioni Personali:

  • Favorire lo sviluppo di relazioni personali tra i professionisti delle aziende coinvolte.
  • Organizzare incontri informali e attività sociali per rinforzare i legami personali.

Affrontare le Sfide in Modo Costruttivo:

  • Affrontare le sfide e i conflitti in modo costruttivo.
  • Imparare dalle difficoltà e apportare miglioramenti continuativi ai processi collaborativi.

Stabilire Meccanismi di Risoluzione dei Conflitti:

  • Definire chiaramente i meccanismi di risoluzione dei conflitti nel caso in cui si verifichino dispute.
  • Garantire che ci siano procedure per affrontare eventuali malintesi o divergenze di opinione.

Valutare e Adattarsi Continuamente:

  • Periodicamente valutare le relazioni consolidate e apportare eventuali aggiustamenti.
  • Essere disposti a adattarsi ai cambiamenti nel contesto aziendale o nell’ambiente di mercato.

Celebrare i Successi Comuni:

Riconoscere e celebrare i successi comuni.Questo rafforza il senso di realizzazione condivisa e incentiva la continuazione della collaborazione.

Seguendo questi passi, le aziende possono costruire relazioni fiduciarie consolidate che portano a una collaborazione proficua e sostenibile nel lungo termine.

 

Il rapporto tra fornitori, produttori e clienti nel contesto B2B (Business-to-Business) può essere considerato come un triangolo interconnesso in cui ciascun lato rappresenta un elemento chiave del processo commerciale. Vediamo come questi tre attori si influenzano a vicenda.

Fornitori I fornitori forniscono materie prime, componenti o servizi essenziali per il processo produttivo. La qualità, la tempestività e il costo delle forniture influenzano direttamente la produzione e la competitività dell’azienda.

Produttori I produttori trasformano le materie prime fornite in prodotti o servizi finiti. La capacità produttiva, l’efficienza operativa e la qualità del prodotto influenzano la soddisfazione del cliente e la reputazione dell’azienda.

Clienti I clienti sono coloro che acquistano i prodotti o servizi finali dall’azienda. Le esigenze e le aspettative dei clienti guidano la produzione e influenzano le decisioni su cosa e come produrre.

Vediamo alcune dinamiche chiave all’interno di questo triangolo.

Gestione della catena di approvvigionamento: I fornitori e i produttori devono lavorare in stretta collaborazione per garantire una gestione efficiente della catena di approvvigionamento. Ciò implica il monitoraggio delle scorte, la gestione delle consegne e la sincronizzazione delle attività per evitare ritardi o interruzioni nella produzione.

Collaborazione e partnership: La collaborazione tra fornitori e produttori può portare a partnership strategiche che beneficiano entrambe le parti. Questa collaborazione può includere la condivisione di informazioni, lo sviluppo congiunto di prodotti o servizi, e la ricerca di soluzioni innovative.

Qualità e controllo: I produttori devono garantire che le materie prime fornite dai fornitori soddisfino gli standard di qualità richiesti. Allo stesso modo, i prodotti finiti devono rispettare gli standard di qualità stabiliti dai clienti.

Comunicazione efficiente: La comunicazione tra tutti e tre gli attori è fondamentale. I fornitori devono essere informati sulle esigenze di produzione, i produttori devono comprendere le aspettative dei clienti, e i feedback devono fluire lungo tutta la catena per consentire un miglioramento continuo.

Gestione della domanda: La gestione della domanda è essenziale per garantire che la produzione si allinei con la domanda del mercato. I produttori devono comunicare in modo efficace con i fornitori per evitare eccessi o carenze di inventario.

Servizio post-vendita: La relazione tra produttori e clienti non si conclude con la vendita. I produttori devono fornire un supporto post-vendita efficace, gestendo reclami, offrendo servizi di manutenzione e lavorando per migliorare costantemente la soddisfazione del cliente.

Il triangolo tra fornitori, produttori e clienti nel contesto B2B è un sistema interconnesso in cui la collaborazione, la comunicazione e la gestione efficace sono fondamentali per il successo complessivo della catena del valore.

Le fideiussioni soci nelle società di capitali

Le fideiussioni soci sono un tipo di garanzia personale fornita da uno o più soci per sostenere gli obblighi finanziari della società di capitali. Questa pratica può essere pericolosa per diversi motivi.

Quando un socio fornisce una fideiussione, si espone a una responsabilità personale illimitata per gli obblighi finanziari della società. Ciò significa che, se la società non è in grado di adempiere ai suoi debiti, il socio è tenuto a coprire la differenza con il proprio patrimonio personale.

La fideiussione espone il socio a un rischio finanziario significativo. Se la società fallisce o incontra difficoltà finanziarie, il socio potrebbe dover coprire debiti considerevoli, mettendo a rischio il proprio patrimonio personale.

I soci che forniscono fideiussioni potrebbero essere riluttanti a prendere rischi o a sostenere decisioni aziendali che potrebbero compromettere il loro patrimonio personale. Ciò potrebbe influenzare negativamente la dinamica decisionale all’interno della società.

La presenza di fideiussioni soci può scoraggiare potenziali nuovi soci dall’aderire alla società, poiché potrebbero essere riluttanti ad assumersi responsabilità finanziarie illimitate.

La presenza di fideiussioni può complicare la governance aziendale. I soci che forniscono fideiussioni potrebbero essere inclini a esercitare un controllo più stretto sulle decisioni aziendali per proteggere i propri interessi finanziari, creando tensioni all’interno della società.

Per mitigare questi rischi, è importante che le società di capitali definiscano chiaramente le condizioni delle fideiussioni, stabiliscano limiti alla responsabilità personale dei soci e mettano in atto meccanismi di gestione dei rischi. Inoltre, è consigliabile consultare professionisti legali e finanziari per valutare attentamente gli impatti delle fideiussioni sulla struttura e sulla gestione aziendale.

 

La separazione del patrimonio personale da quello aziendale è fondamentale per diverse ragioni, e questa pratica è alla base del concetto di “persona giuridica separata”. Vi sono alcune importanti ragioni per cui è importante mantenere una netta separazione tra il patrimonio personale e quello aziendale.

Una delle principali ragioni è la limitazione della responsabilità. In una struttura aziendale correttamente organizzata, gli individui coinvolti nell’azienda non sono personalmente responsabili per i debiti e gli obblighi finanziari della società. In caso di fallimento o problemi finanziari, il patrimonio personale dei proprietari o dei soci non è a rischio.

Gli investitori e i finanziatori sono più propensi a fornire risorse finanziarie a un’azienda quando il loro rischio è limitato all’investimento effettuato nella società. La separazione del patrimonio personale contribuisce a rendere l’azienda più attraente per chi fornisce capitale esterno.

La separazione del patrimonio personale e aziendale semplifica la gestione finanziaria. Consente di tenere traccia in modo più chiaro delle entrate e delle uscite aziendali, facilitando la compilazione delle dichiarazioni fiscali e il monitoraggio delle prestazioni finanziarie dell’azienda.

La separazione riduce il rischio che eventuali problemi finanziari o contenziosi aziendali influenzino il patrimonio personale degli individui coinvolti. Questo è particolarmente importante in contesti come il fallimento o situazioni legali in cui la responsabilità personale potrebbe altrimenti essere coinvolta.

La separazione del patrimonio personale e aziendale semplifica anche la successione aziendale. Quando il patrimonio aziendale è ben definito e separato, è più facile trasferire la proprietà o la gestione a nuovi proprietari o membri della famiglia senza influenzare direttamente il patrimonio personale.

Alcune norme legali e fiscali richiedono la separazione del patrimonio personale e aziendale per garantire la conformità alle normative. Non rispettare questa separazione potrebbe comportare rischi legali e fiscali.

Mantenere una distinzione chiara tra il patrimonio personale e quello aziendale è fondamentale per garantire la stabilità finanziaria, limitare la responsabilità personale e facilitare la gestione e la crescita delle aziende.

 

La eliminazione delle fideiussioni può essere un processo complesso e dipende dalle circostanze specifiche e dai contratti esistenti. Esploriamo insieme alcune possibilità.

In molti casi, è possibile rinegoziare i termini del contratto originale in modo da eliminare la necessità della fideiussione. Questo richiede la cooperazione di tutte le parti coinvolte e può implicare la modifica di clausole contrattuali o l’accettazione di nuove condizioni.

Se la fideiussione fosse stata richiesta da un creditore, potrebbe essere possibile trovare alternative per garantire l’adempimento degli obblighi finanziari. Ad esempio, potrebbe essere possibile fornire garanzie reali, come ipoteche o pegni su determinati beni, anziché impegnarsi in una fideiussione personale.

La fideiussione potrebbe essere legata a un debito specifico. In tal caso, l’estinzione anticipata o il pagamento completo del debito possono eliminare la necessità della fideiussione.

In alcuni casi, potrebbe essere possibile richiedere la revoca della fideiussione. Tuttavia, ciò di solito richiede la cooperazione del creditore e potrebbe essere basato su un cambiamento nelle circostanze che giustifica la revoca.

È consigliabile consultare un avvocato specializzato in diritto contrattuale e finanziario per esaminare la documentazione relativa alla fideiussione e valutare le opzioni disponibili. Un professionista può fornire consigli legali personalizzati in base alla situazione specifica.

A seconda delle leggi vigenti e delle normative contrattuali, potrebbe essere possibile eliminare o ridurre l’impegno di fideiussione. Le leggi sulla fideiussione possono variare notevolmente e molti contratti sono di fatto impugnabili.

È importante notare che la procedura per eliminare le fideiussioni dipende dalla natura specifica del contratto e dalle leggi vigenti. La consulenza legale è spesso essenziale per affrontare questa questione in modo adeguato e garantire che tutte le parti coinvolte siano d’accordo sulle modifiche contrattuali.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

15/11/2023

Gestione della Tesoreria nelle PMI: Un Pilastro per il Successo

Le piccole e medie imprese (PMI) sono il motore dell’economia in molte parti del mondo. Tuttavia, molte di queste imprese si trovano spesso in situazioni finanziarie precarie, e la gestione della tesoreria è spesso trascurata. In questo articolo, esploreremo l’importanza della gestione della tesoreria nelle PMI e come questa può essere un pilastro fondamentale per il loro successo.

La gestione della tesoreria è il processo di monitoraggio, controllo e ottimizzazione dei flussi finanziari all’interno di un’azienda. Per le PMI, questo è cruciale, in quanto una cattiva gestione della tesoreria può portare a problemi finanziari seri e mettere a rischio la sopravvivenza stessa dell’impresa.

La tesoreria è il cuore pulsante delle PMI, poiché influisce su molteplici aspetti cruciali.

La liquidità è essenziale per qualsiasi azienda, ma per le PMI è ancora più critica. La mancanza di liquidità può portare a difficoltà nel pagare fornitori, salari e altre spese operative, mettendo in pericolo il normale funzionamento dell’azienda.

La gestione della tesoreria coinvolge il monitoraggio dei crediti concessi ai clienti. Le PMI devono trovare un equilibrio tra offrire termini di pagamento favorevoli per attirare clienti e garantire che i crediti non rimangano in sospeso troppo a lungo.

Una corretta gestione della tesoreria aiuta le PMI a pianificare in anticipo le proprie esigenze finanziarie. Questo include la pianificazione degli investimenti, la gestione delle spese e la previsione delle entrate.

Un’efficace gestione della tesoreria consente alle PMI di minimizzare i costi legati a prestiti e finanziamenti. Questo può aumentare la redditività e la competitività dell’impresa.

La gestione della tesoreria aiuta a identificare e mitigare i rischi finanziari. Ad esempio, le fluttuazioni dei tassi di cambio o dei tassi di interesse possono avere un impatto significativo sulle finanze di un’impresa.

Per gestire con successo la tesoreria, le PMI possono adottare diverse strategie e strumenti.

  1. Pianificazione del flusso di cassa: La creazione di previsioni accurate del flusso di cassa è fondamentale. Queste previsioni consentono di pianificare quando e quanto denaro sarà disponibile.
  2. Gestione dei pagamenti e delle scadenze: Monitorare da vicino le scadenze dei pagamenti in entrata e in uscita è essenziale per evitare ritardi e penalizzazioni.
  3. Ottimizzazione delle politiche di credito: Stabilire politiche di credito chiare e monitorare da vicino i crediti concessi ai clienti può migliorare il ciclo di riscossione.
  4. Diversificazione delle fonti di finanziamento: Le PMI dovrebbero considerare una gamma di opzioni di finanziamento, tra cui prestiti bancari, finanziamenti partecipativi o investitori privati.
  5. Tecnologie finanziarie: L’uso di software di gestione della tesoreria può semplificare il monitoraggio dei flussi finanziari e migliorare la precisione delle previsioni.

La gestione della tesoreria è cruciale per il successo delle PMI. Una buona gestione della tesoreria può migliorare la liquidità, ridurre i costi finanziari, prevenire crisi finanziarie e consentire una pianificazione finanziaria più efficace. Pertanto, le PMI dovrebbero dare la giusta attenzione alla gestione della tesoreria e investire nelle competenze e negli strumenti necessari per farlo. Questo può essere il pilastro che consente alle PMI di prosperare e crescere, svolgendo un ruolo vitale nell’economia globale.

La gestione della tesoreria svolge un ruolo cruciale come “scudo” contro le conseguenze della nuova legge sulla crisi di insolvenza (L. 155), che spesso può avere un impatto significativo sulle imprese, in particolare sulle PMI. Una solida gestione della tesoreria può aiutare a proteggere le imprese per alcuni fondamentali motivi.

  1. Mantenimento della liquidità: La legge sulla crisi di insolvenza può comportare un aumento delle pressioni finanziarie sulle imprese, come il pagamento di debiti arretrati o la negoziazione con creditori. Una solida gestione della tesoreria consente alle imprese di disporre di riserve di liquidità per far fronte a tali obblighi finanziari senza dover ricorrere a misure estreme come la vendita di asset o il licenziamento di dipendenti.
  2. Flessibilità finanziaria: Una gestione efficace della tesoreria offre alle imprese una maggiore flessibilità finanziaria per adattarsi alle nuove circostanze. Possono ridurre le spese non essenziali, rinegoziare contratti, cercare nuove fonti di finanziamento o ristrutturare i debiti in modo più vantaggioso.
  3. Gestione del rischio: La gestione della tesoreria può aiutare a identificare e mitigare i rischi finanziari che potrebbero portare a una crisi di insolvenza. Ad esempio, la diversificazione delle fonti di finanziamento può ridurre il rischio di dipendenza da un singolo creditore.
  4. Pianificazione a lungo termine: Una buona gestione della tesoreria non si concentra solo sulla gestione delle esigenze finanziarie immediate, ma anche sulla pianificazione a lungo termine. Questo permette alle imprese di prendere decisioni strategiche che le proteggono dagli impatti a lungo termine della crisi di insolvenza.
  5. Preparazione per il cambiamento: La legge sulla crisi di insolvenza può comportare cambiamenti nelle procedure di gestione delle crisi e nelle modalità di negoziazione con creditori. Una solida gestione della tesoreria può aiutare le imprese a prepararsi per queste nuove normative, garantendo che siano pronte ad affrontare situazioni di difficoltà finanziaria in modo più efficace.

La gestione della tesoreria, quindi, agisce come uno “scudo” proteggendo le imprese contro le conseguenze della legge sulla crisi di insolvenza. Una gestione finanziaria oculata offre alle imprese la stabilità finanziaria, la flessibilità e la capacità di adattamento necessarie per affrontare le sfide finanziarie in modo più efficace, riducendo il rischio di insolvenza e consentendo loro di mantenere la loro attività in tempi difficili.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi 07/11/2023

Responsabilità civile e penale del CdA

I membri di un consiglio di amministrazione hanno il dovere di diligenza, dovere di lealtà e dovere di obbedienza nei confronti dell’organizzazione in cui prestano servizio. Se violano questi doveri e causano danni o perdite finanziarie alla società o ai suoi stakeholder, possono essere ritenuti civilmente responsabili. La responsabilità civile comporta tipicamente un risarcimento monetario per risarcire la società o le parti interessate per i danni subiti a causa della violazione del dovere.

Gli scenari comuni che potrebbero comportare responsabilità civile includono varie fattispecie.

Negligenza, mancato esercizio di ragionevole cura e diligenza nello svolgimento dei propri compiti, con conseguenti perdite finanziarie o danni alla società o alle parti interessate.

Violazione del dovere fiduciario, agire in un modo che è in conflitto con i migliori interessi della società o dei suoi stakeholder.

Uso improprio di beni o informazioni aziendali, uso inappropriato o divulgazione non autorizzata di beni aziendali, informazioni riservate o segreti commerciali per guadagno personale.

Mancato rispetto di leggi e regolamenti, trascurare gli obblighi legali e la conformità normativa, con conseguenti conseguenze legali o perdite finanziarie.

La responsabilità penale implica violazioni di leggi e regolamenti considerati reati penali. Se un membro del consiglio intraprendesse azioni illegali, potrebbe dover affrontare accuse penali, che possono comportare multe, reclusione o altre sanzioni. Gli scenari comuni che potrebbero portare a responsabilità penale includono:

Frode, inganno intenzionale o falsa rappresentazione dei fatti per ingannare gli altri per guadagno personale o per causare danni finanziari all’azienda o ai suoi stakeholder.

Appropriazione indebita, appropriazione illegale o appropriazione indebita di fondi o beni della società per uso o guadagno personale.

Concussione e corruzione, offrire o accettare tangenti o intraprendere pratiche di corruzione che possono compromettere l’integrità e le operazioni dell’azienda.

Riciclaggio di denaro, coinvolgimento in attività volte a mascherare l’origine dei fondi ottenuti illegalmente, spesso per farli apparire legittimi.

Violazioni antitrust, coinvolgimento in pratiche anticoncorrenziali che violano le leggi antitrust, come la fissazione dei prezzi o l’allocazione del mercato.

È importante che i membri del consiglio siano consapevoli delle proprie responsabilità legali, agiscano nel migliore interesse dell’azienda e chiedano consulenza legale quando prendono decisioni importanti per mitigare il rischio di responsabilità civile e penale. Inoltre, gli amministratori possono essere tutelati anche da un’assicurazione di indennizzo e responsabilità civile prestata dalla società, nei limiti delle leggi applicabili e dello statuto sociale.

Il Consiglio di Amministrazione sottolineamo ha la responsabilità diretta sulla conformità alle norme di sicurezza all’interno dell’azienda. Questa responsabilità deriva dalla sua funzione di governance aziendale, che include il monitoraggio e l’orientamento strategico dell’azienda per garantire il rispetto delle leggi, dei regolamenti e degli standard di sicurezza.

Le norme di sicurezza possono riguardare diversi aspetti, come la sicurezza sul lavoro, la protezione dei dati, la conformità ambientale, la sicurezza informatica e molto altro. Il CdA deve garantire che l’azienda sviluppi e implementi politiche e procedure atte a rispettare queste norme, minimizzando i rischi e garantendo la sicurezza di dipendenti, clienti, fornitori e altre parti interessate.

Le responsabilità dirette del CdA sulla conformità alle norme di sicurezza possono includere diversi aspetti.

Definizione della strategia e delle politiche, deve stabilire la strategia generale dell’azienda per la gestione della sicurezza e sviluppare politiche adeguate che garantiscano la conformità alle norme di sicurezza pertinenti.

Assegnazione delle risorse, deve garantire che siano allocate risorse adeguate per implementare le politiche e i programmi di sicurezza in tutta l’organizzazione.

Monitoraggio e valutazione del rispetto delle norme di sicurezza, è responsabile del monitoraggio continuo per assicurare che l’azienda rispetti le norme di sicurezza e valutare l’efficacia delle misure adottate.

Gestione dei rischi, deve supervisionare l’identificazione, l’analisi e la mitigazione dei rischi legati alla non conformità alle norme di sicurezza e garantire che siano attuate azioni correttive adeguate.

Rendicontazione e trasparenza, deve garantire la trasparenza riguardo alla conformità alle norme di sicurezza, comunicando in modo chiaro e accurato ai portatori di interessi esterni, come gli investitori e gli organismi regolatori.

Formazione e sensibilizzazione,  deve promuovere la formazione e la sensibilizzazione riguardo alle norme di sicurezza in tutta l’organizzazione, assicurandosi che i dipendenti siano informati e formati in modo adeguato.

Adesione alle leggi e ai regolamenti, deve garantire che l’azienda rispetti tutte le leggi e i regolamenti relativi alla sicurezza, assicurandosi che vengano apportate modifiche alle politiche e alle procedure aziendali in risposta a cambiamenti normativi.

In sintesi, il CdA ha un ruolo cruciale nell’assicurare che l’organizzazione rispetti le norme di sicurezza e che le questioni di sicurezza siano integrate nell’agenda strategica e operativa dell’azienda e in tale veste ne risponde civilmente e penalmente.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

27/09/2023

Bilanci mensili SP e CE per la governance aziendale

La governance aziendale è un aspetto fondamentale per il successo e la sostenibilità di qualsiasi impresa. Una corretta governance assicura che le attività dell’azienda siano gestite in modo responsabile, etico ed efficiente, garantendo al contempo la trasparenza e l’accountability nei confronti degli stakeholder. In questo contesto, i bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati rivestono un ruolo cruciale.

Monitoraggio Finanziario Tempestivo. I bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati forniscono una panoramica accurata e tempestiva delle finanze aziendali. Consentono ai decisori aziendali di monitorare l’andamento finanziario in tempo reale, individuando rapidamente eventuali deviazioni o problemi. Questo è particolarmente importante per prendere decisioni correttive immediate e mitigare potenziali rischi.

Pianificazione e Budgeting. I bilanci mensili e i documenti finanziari dettagliati sono essenziali per la pianificazione finanziaria e la creazione di budget realistici. Gli obiettivi finanziari a breve e lungo termine possono essere stabiliti in base ai dati presenti in questi documenti. Le performance aziendali possono essere confrontate con le previsioni, consentendo ai responsabili di apportare modifiche alla strategia, se necessario.

Tracciabilità delle Performance. I bilanci mensili consentono di seguire da vicino le performance aziendali nel corso del tempo. Questo tracciamento aiuta a identificare tendenze, riconoscere stagionalità e comprendere come le decisioni passate abbiano influenzato l’andamento finanziario. Una maggiore consapevolezza delle dinamiche finanziarie può guidare l’azienda verso scelte più informate.

Comunicazione con gli Stakeholder. La trasparenza finanziaria è cruciale per mantenere la fiducia degli stakeholder, inclusi investitori, creditori, dipendenti e clienti. I bilanci mensili e i documenti finanziari dettagliati forniscono informazioni chiare e affidabili sulla salute finanziaria dell’azienda. Ciò rafforza la comunicazione con gli stakeholder e dimostra un impegno verso la responsabilità aziendale.

Identificazione delle Opportunità di Miglioramento. I dettagli contenuti nei bilanci mensili e nei documenti finanziari possono rivelare aree in cui l’azienda potrebbe migliorare l’efficienza operativa o ridurre i costi. L’analisi dettagliata dei costi e delle entrate può portare a decisioni informate sulla riduzione degli sprechi e sull’ottimizzazione delle risorse.

Conformità Regolamentare. La recente Legge 155 richiede alle imprese di redigere rapporti finanziari regolari per prevenire l’insorgere di eventuali crisi di insolvenza. La preparazione accurata di bilanci mensili, stato patrimoniale e conto economico dettagliati garantisce che l’azienda sia in linea con le richieste regolamentari e riduce il rischio di sanzioni o azioni legali, quali la responsabilità solidale degli organi amministrativi.

In sintesi, i bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati sono strumenti essenziali per la governance aziendale efficace. Forniscono informazioni critiche per il monitoraggio finanziario, la pianificazione strategica, la comunicazione con gli stakeholder e l’identificazione di opportunità di miglioramento. La creazione e l’analisi accurata di questi documenti contribuiscono a guidare l’azienda verso un successo a lungo termine. Va anche acquisita e sviluppata la capacità di leggere e interpretare i dati sapendo come declinarli e le eventuali ricadute, in bene o in male, su tutti gli interessati.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

30/08/2023

Importanza del capitale circolante netto e della posizione finanziaria netta

Il capitale circolante netto (CCN) e la posizione finanziaria netta (PFN) sono due importanti indicatori finanziari utilizzati per valutare la salute finanziaria di un’azienda. Entrambi forniscono informazioni cruciali sulla liquidità e la capacità dell’azienda di far fronte alle sue obbligazioni a breve termine.

Il Capitale circolante netto (CCN) rappresenta la differenza tra le attività correnti (risorse liquide e attività che possono essere convertite in denaro entro un anno) e le passività correnti (obbligazioni a breve termine e passività che devono essere pagate entro un anno). La formula del CCN è:

CCN = Attività correnti – Passività correnti

L’importanza del CCN risiede nel fatto che misura la disponibilità di risorse liquide dell’azienda per sostenere le sue operazioni quotidiane e coprire i debiti a breve termine. Un CCN positivo indica che l’azienda ha più attività correnti rispetto alle passività correnti, il che suggerisce una buona capacità di gestire gli obblighi finanziari imminenti. D’altra parte, un CCN negativo può indicare una possibile difficoltà nel far fronte alle passività a breve termine, potendo portare a situazioni di liquidità problematica o a una maggiore dipendenza da finanziamenti esterni.

La Posizione finanziaria netta (PFN) rappresenta la differenza tra le attività finanziarie correnti e le passività finanziarie correnti. Le attività finanziarie correnti includono disponibilità in contanti, equivalenti di cassa e altre attività finanziarie a breve termine, mentre le passività finanziarie correnti comprendono i debiti a breve termine.

La formula della PFN è:

PFN = Attività finanziarie correnti – Passività finanziarie correnti

La PFN fornisce una misura più specifica della liquidità finanziaria dell’azienda, concentrandosi sulle risorse finanziarie a breve termine e sugli impegni di pagamento. Una PFN positiva indica che l’azienda ha più risorse finanziarie correnti delle sue passività finanziarie correnti, suggerendo una buona posizione di liquidità. Al contrario, una PFN negativa indica che le passività finanziarie correnti superano le risorse finanziarie correnti, suggerendo una possibile necessità di finanziamenti esterni per far fronte agli impegni finanziari.

Sia il capitale circolante netto (CCN) che la posizione finanziaria netta (PFN) sono indicatori chiave per valutare la stabilità finanziaria di un’azienda. Una gestione adeguata del CCN e della PFN è fondamentale per garantire che l’azienda abbia sufficienti risorse liquide per affrontare le sue obbligazioni finanziarie a breve termine e mantenga una solida posizione finanziaria complessiva. Una sana gestione del capitale circolante e una posizione finanziaria equilibrata possono contribuire alla crescita e al successo a lungo termine dell’azienda.

Sono parametri vitali sempre sotto attento esame da parte di qualsivoglia istituzione finanziaria e sono un dato importante per decidere la finanziabilità di una impresa.

Noi siamo pronti, Voi

Articolo di Marco Simontacchi

31/07/2023

Corretta capitalizzazione in una impresa

La corretta capitalizzazione economica e finanziaria in un’impresa è un aspetto essenziale per garantire la stabilità finanziaria, la crescita e il successo a lungo termine dell’azienda. La capitalizzazione si riferisce al modo in cui un’impresa finanzia le sue attività attraverso il capitale proprio (patrimonio netto) e il capitale di terzi (debito). Una capitalizzazione equilibrata e ben gestita è fondamentale per mantenere l’equilibrio tra il rischio e il rendimento dell’impresa.

Ecco alcuni punti chiave da considerare per una corretta capitalizzazione economica e finanziaria:

Bilanciare il capitale proprio e il debito: L’azienda dovrebbe determinare la giusta proporzione tra capitale proprio e debito. Un eccesso di debito può portare a un aumento del rischio finanziario e della dipendenza da interessi, mentre troppo capitale proprio potrebbe non essere efficiente in termini di utilizzo delle risorse.

Adeguata liquidità: Assicurarsi che l’impresa abbia abbastanza liquidità per far fronte alle sue esigenze di breve termine. Ciò implica avere disponibilità finanziarie sufficienti per pagare fornitori, stipendi e altre spese correnti senza dover dipendere completamente dal debito a breve termine.

Valutare la redditività: La capitalizzazione dovrebbe essere valutata alla luce della redditività dell’impresa. La generazione di profitti adeguati è essenziale per sostenere il servizio del debito e finanziare la crescita dell’azienda.

Gestire il rischio: Considerare il profilo di rischio dell’impresa è cruciale nella determinazione della struttura di capitale. Settori o aziende con maggiore volatilità delle entrate potrebbero preferire una maggiore capitalizzazione finanziaria per proteggersi da eventuali difficoltà finanziarie.

Costo del capitale: Valutare il costo del capitale proprio e del debito. Il costo del debito è spesso inferiore rispetto al costo del capitale proprio, ma un eccesso di debito può aumentare il rischio per gli investitori e rendere più difficile l’accesso a nuovi finanziamenti.

Pianificazione finanziaria a lungo termine: Prevedere le esigenze finanziarie future dell’azienda è fondamentale per assicurare che la capitalizzazione sia adeguata per sostenere gli obiettivi di crescita e di investimento a lungo termine.

Monitoraggio e aggiustamenti: Monitorare costantemente la struttura di capitale dell’impresa e apportare eventuali aggiustamenti in base alle esigenze dell’azienda e alle condizioni di mercato in continua evoluzione.

Una capitalizzazione economica e finanziaria ben gestita richiede una valutazione equilibrata tra capitale proprio e debito, un’attenzione alla liquidità e alla redditività, nonché una pianificazione finanziaria a lungo termine. La gestione prudente della capitalizzazione aiuta l’impresa a sostenere le sue operazioni, a crescere in modo sostenibile e a ridurre i rischi finanziari.

Noi ci siamo, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

26/07/2023