Immobilizzazioni Immateriali

I beni immateriali devono essere contabilizzati nella voce “Immobilizzazioni Immateriali” in sede di bilancio. Includono asset come avviamento, brevetti, marchi, licenze, diritti d’autore e software. Questi beni hanno un valore economico, ma non hanno una forma fisica tangibile. Pertanto, vanno distinti dai beni materiali (come terreni, edifici, macchinari), che sono classificati in altre categorie di immobilizzazioni.

L’inserimento di beni immateriali nelle immobilizzazioni immateriali consente all’azienda di registrare e monitorare in modo adeguato il valore di tali asset nel corso del tempo. La contabilizzazione di questi beni in modo accurato è importante per riflettere correttamente la situazione finanziaria dell’azienda nel bilancio.

Le immobilizzazioni immateriali vanno ammortizzate nel corso del tempo, poiché perdono valore economico con il passare degli anni. L’ammortamento è la ripartizione sistematica del costo delle immobilizzazioni immateriali su una base temporale, riflettendo il consumo di valore durante il periodo utile dell’asset. Il metodo di ammortamento dipende dalla natura specifica dell’immobilizzazione immateriale e dalle normative contabili adottate dall’azienda.

Ecco alcuni dei metodi più comuni di ammortamento per le immobilizzazioni immateriali:

Ammortamento lineare: Si tratta del metodo più semplice. L’importo dell’ammortamento è costante per ogni periodo contabile. La formula per il calcolo dell’ammortamento lineare è:

Ammortamento lineare =                                                                                                                                    (Costo dell’immobilizzazione immateriale−Valore residuo)/(Periodo utile dell’immobilizzazione immateriale)

Ammortamento per quote fisse: In questo metodo, una percentuale fissa del costo originale viene ammortizzata ogni anno. La formula è simile a quella dell’ammortamento lineare, ma si applica a una percentuale fissa del costo.

Ammortamento per quote fisse =                                                                                                                       (Costo dell’immobilizzazione immateriale)×(Percentuale di ammortamento)/100

Ammortamento accelerato: Questo metodo prevede un ammortamento più rapido nelle prime fasi della vita utile dell’immobilizzazione immateriale. Ciò riflette il fatto che la maggior parte del valore economico viene consumato nei primi anni.

Ammortamento accelerato =                                                                                                                                Saldo iniziale×(Tasso di ammortamento accelerato)/100

La scelta del metodo di ammortamento dipende dalle politiche contabili adottate dall’azienda e dalle normative fiscali vigenti. È importante che l’azienda documenti chiaramente la politica di ammortamento utilizzata nel bilancio e che segua coerentemente tale politica nel tempo.

La contabilizzazione delle immobilizzazioni immateriali ha diversi effetti sul bilancio di un’azienda. Ecco come vengono riflesse nel bilancio:

Attivo immobilizzato: Le immobilizzazioni immateriali sono registrate come attivo immobilizzato nel bilancio. Rappresentano risorse a lungo termine che sono utilizzate nell’attività aziendale per generare reddito nel corso del tempo. L’importo registrato corrisponde al costo originale dell’immobilizzazione immateriale.

Ammortamento Accumulato: Nel corso del tempo, l’ammortamento accumulato aumenterà, riflettendo la parte del valore dell’immobilizzazione immateriale che è stata consumata nel corso degli anni. L’ammortamento riduce il valore contabile netto dell’immobilizzazione immateriale nel bilancio.

Valore Netto Contabile: Il valore netto contabile di un’immobilizzazione immateriale è dato dal suo costo originale meno l’ammortamento accumulato. Questo valore rappresenta il valore contabile residuo dell’immobilizzazione immateriale nel bilancio.

Impatto sui Profitti: L’ammortamento delle immobilizzazioni immateriali influisce direttamente sul calcolo del reddito netto. Poiché l’ammortamento è una spesa, riduce il reddito netto dell’azienda. Tuttavia, l’ammortamento è una spesa non monetaria, poiché rappresenta solo la riduzione del valore contabile dell’immobilizzazione immateriale nel bilancio.

Cash Flow e Liquidità: La contabilizzazione delle immobilizzazioni immateriali non influenza direttamente il flusso di cassa. Tuttavia, l’ammortamento può avere un impatto sui flussi di cassa imponibili, poiché l’ammortamento può essere dedotto fiscalmente.

Rispetto ai criteri di valutazione: Le immobilizzazioni immateriali devono essere valutate secondo i principi contabili in vigore nell’ambito delle norme contabili nazionali o internazionali (ad esempio, IFRS). La valutazione iniziale e la revisione periodica delle immobilizzazioni immateriali sono essenziali per riflettere accuratamente il loro valore nel bilancio.

La contabilizzazione delle immobilizzazioni immateriali impatta sull’attivo dell’azienda, sull’ammontare dei profitti dichiarati e sulla liquidità aziendale nel lungo termine. È importante gestire accuratamente questi elementi per garantire una rappresentazione precisa della situazione finanziaria dell’azienda nel bilancio.

Gli ammortamenti, sebbene rappresentino un modo appropriato per distribuire il costo degli asset lungo il tempo, possono avere alcuni effetti negativi o considerazioni da tenere in considerazione nei bilanci delle aziende.

Riduzione del Reddito Netto: Gli ammortamenti sono considerati spese non monetarie che riducono il reddito netto dell’azienda. Questo può influenzare negativamente la percezione degli investitori e degli analisti finanziari sulla redditività dell’azienda, specialmente se non vengono considerate le componenti non monetarie delle spese.

Impatto sui Ratio Finanziari: La riduzione del reddito netto a causa degli ammortamenti può influenzare diverse misure chiave delle prestazioni finanziarie, come il rapporto di copertura degli interessi e il margine di profitto netto. Questi parametri sono importanti per valutare la salute finanziaria di un’azienda, e una riduzione del reddito netto può influire negativamente su tali indicatori.

Possibile Sottostima del Valore degli Asset: Poiché gli ammortamenti riducono il valore contabile degli asset nel bilancio, potrebbero sottostimare il valore effettivo degli asset dell’azienda nel caso in cui il loro valore di mercato sia superiore al valore contabile. Questo potrebbe non riflettere accuratamente la loro contribuzione alla creazione di valore per l’azienda.

Impatto sulla Distribuzione dei Dividendi: La riduzione del reddito netto a causa degli ammortamenti può influenzare la decisione della società di distribuire dividendi. Una riduzione dei profitti può portare a dividendi più bassi o a una decisione di non distribuirli affatto.

Debito Netto e Copertura degli Interessi: Una riduzione del reddito netto può influire sulla capacità di un’azienda di coprire i suoi interessi sul debito. Ciò può avere implicazioni sulla percezione della solvibilità e della stabilità finanziaria da parte degli investitori e dei creditori.

Effetti Fiscali: Mentre gli ammortamenti riducono il reddito contabile, possono anche influenzare positivamente la situazione fiscale dell’azienda. Tuttavia, è importante considerare che gli ammortamenti fiscali possono differire dagli ammortamenti contabili, e le differenze possono avere implicazioni sul pagamento delle tasse in futuro.

Pur essendo un aspetto contabile necessario, gli ammortamenti possono avere impatti negativi su vari aspetti del bilancio e delle valutazioni finanziarie dell’azienda. La chiave è bilanciare accuratamente la rappresentazione contabile degli ammortamenti con la comprensione del valore reale degli asset e degli impatti sulle prestazioni finanziarie.

Noi ci siamo, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

28/011/2023

L’Importanza delle Note Integrative al Bilancio

Le note integrative al bilancio sono una componente fondamentale di qualsiasi documento finanziario aziendale. Benché spesso trascurate dai meno esperti, queste annotazioni forniscono una panoramica dettagliata delle attività finanziarie di un’azienda, offrendo chiarezza e trasparenza. Svolgono un ruolo cruciale nel contesto della comunicazione finanziaria.

Spiegazione dei Principi Contabili: Le note integrative offrono un contesto essenziale per comprendere gli accordi contabili adottati dall’azienda. Queste spiegazioni dettagliate aiutano gli stakeholder a capire le scelte contabili effettuate e forniscono una base per valutare l’attendibilità dei dati presentati nel bilancio.

Dettagli sulle Politiche Contabili: Le note integrative forniscono informazioni approfondite sulle politiche contabili adottate dall’azienda. Ciò è cruciale per capire come vengono rilevati e valutati gli elementi nel bilancio, come ad esempio gli immobili, gli investimenti e gli ammortamenti. Senza queste informazioni, la comprensione accurata della situazione finanziaria dell’azienda sarebbe difficile.

Eventi Successivi alla Data di Bilancio: Le note integrative aggiornano gli stakeholder su eventi significativi che possono essere verificatisi dopo la data di chiusura del bilancio ma prima della sua pubblicazione. Queste informazioni forniscono una prospettiva aggiornata sulla situazione finanziaria dell’azienda e aiutano gli investitori a prendere decisioni informate.

Rivelazione dei Rischi e delle Incertezze: Le note integrative sono uno strumento essenziale per la rivelazione di rischi e incertezze che possono influenzare le operazioni future dell’azienda. Gli stakeholder possono valutare meglio la sostenibilità a lungo termine dell’azienda e prendere decisioni informate in merito agli investimenti.

Informazioni sul Capitale di Lavoro: Le note integrative forniscono dettagli sulla gestione del capitale di lavoro, inclusi dettagli sulle politiche di credito, le scadenze dei debiti e altre informazioni rilevanti. Queste informazioni sono cruciali per valutare la liquidità e la solidità finanziaria dell’azienda.

Dettagli sulle Parti Collegate: Le note integrative spesso rivelano transazioni con parti collegate, come le società affiliate o i dirigenti chiave. Queste informazioni sono importanti per identificare eventuali conflitti di interesse e garantire che le transazioni siano condotte in modo etico.

Le note integrative al bilancio sono un elemento essenziale per comprendere appieno la situazione finanziaria di un’azienda. Ignorarle significa perdere un’opportunità cruciale per ottenere una visione completa e dettagliata delle attività finanziarie e delle politiche contabili adottate. Gli investitori, analisti e altri stakeholder dovrebbero considerare attentamente queste annotazioni per prendere decisioni informate e sostenibili nel mondo finanziario sempre più complesso.

 

L’attenzione del mondo finanziario alle note integrative al bilancio sta crescendo, poiché gli investitori, gli analisti e gli altri attori del mercato riconoscono sempre più il valore di queste annotazioni dettagliate nel processo decisionale. Le note integrative offrono una visione approfondita della situazione finanziaria di un’azienda, andando oltre i dati numerici presentati nel bilancio. Evidenziamo l’importanza dell’attenzione dedicata a queste note:

Trasparenza e Chiarezza: Le note integrative contribuiscono a garantire la trasparenza e la chiarezza delle informazioni finanziarie. Investitori e analisti apprezzano aziende che forniscono dettagli chiari sulle loro politiche contabili, consentendo loro di valutare meglio la qualità e la sostenibilità dei risultati finanziari presentati.

Gestione dei Rischi: Nell’attuale ambiente finanziario, la gestione dei rischi è cruciale. Le note integrative rivelano informazioni dettagliate sui rischi e sulle incertezze che potrebbero influenzare l’andamento futuro dell’azienda. Gli investitori sono sempre più consapevoli della necessità di comprendere non solo i risultati passati, ma anche i potenziali ostacoli che potrebbero emergere.

Conformità Normativa e Standard Contabili Internazionali: Le note integrative sono spesso un punto chiave per dimostrare la conformità alle normative e agli standard contabili internazionali. Le aziende che forniscono informazioni complete e accurate attraverso le note integrative possono guadagnare fiducia da parte degli investitori internazionali e dimostrare un impegno verso le migliori pratiche contabili.

Decisioni di Investimento Informate: Gli investitori professionali stanno prestando sempre più attenzione alle note integrative per ottenere una comprensione più approfondita delle opportunità e dei rischi legati a un’azienda. Queste informazioni dettagliate sono fondamentali per prendere decisioni di investimento informate e per gestire in modo efficace il proprio portafoglio.

Impatto sull’Immagine Aziendale: La qualità delle note integrative può influenzare l’immagine complessiva di un’azienda. Un’attenzione accurata a queste annotazioni indica un impegno per la trasparenza e una volontà di condividere informazioni rilevanti con gli stakeholder. Al contrario, una scarsa qualità delle note integrative potrebbe sollevare dubbi sulla gestione aziendale e sulla sua volontà di comunicare apertamente.

Auditing e Verifica: Le note integrative sono spesso il punto focale durante l’auditing dei bilanci. Gli auditor esaminano attentamente queste annotazioni per confermare la correttezza delle rappresentazioni contabili e identificare eventuali aree di potenziale rischio.

L’attenzione crescente del mondo finanziario alle note integrative al bilancio riflette la consapevolezza della loro importanza nell’analisi finanziaria. Le aziende che riconoscono questo fatto e investono nella qualità delle loro annotazioni stanno contribuendo a creare un ambiente finanziario più trasparente, affidabile e orientato alla gestione responsabile delle risorse.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

22/11/2023

Gestione della Tesoreria nelle PMI: Un Pilastro per il Successo

Le piccole e medie imprese (PMI) sono il motore dell’economia in molte parti del mondo. Tuttavia, molte di queste imprese si trovano spesso in situazioni finanziarie precarie, e la gestione della tesoreria è spesso trascurata. In questo articolo, esploreremo l’importanza della gestione della tesoreria nelle PMI e come questa può essere un pilastro fondamentale per il loro successo.

La gestione della tesoreria è il processo di monitoraggio, controllo e ottimizzazione dei flussi finanziari all’interno di un’azienda. Per le PMI, questo è cruciale, in quanto una cattiva gestione della tesoreria può portare a problemi finanziari seri e mettere a rischio la sopravvivenza stessa dell’impresa.

La tesoreria è il cuore pulsante delle PMI, poiché influisce su molteplici aspetti cruciali.

La liquidità è essenziale per qualsiasi azienda, ma per le PMI è ancora più critica. La mancanza di liquidità può portare a difficoltà nel pagare fornitori, salari e altre spese operative, mettendo in pericolo il normale funzionamento dell’azienda.

La gestione della tesoreria coinvolge il monitoraggio dei crediti concessi ai clienti. Le PMI devono trovare un equilibrio tra offrire termini di pagamento favorevoli per attirare clienti e garantire che i crediti non rimangano in sospeso troppo a lungo.

Una corretta gestione della tesoreria aiuta le PMI a pianificare in anticipo le proprie esigenze finanziarie. Questo include la pianificazione degli investimenti, la gestione delle spese e la previsione delle entrate.

Un’efficace gestione della tesoreria consente alle PMI di minimizzare i costi legati a prestiti e finanziamenti. Questo può aumentare la redditività e la competitività dell’impresa.

La gestione della tesoreria aiuta a identificare e mitigare i rischi finanziari. Ad esempio, le fluttuazioni dei tassi di cambio o dei tassi di interesse possono avere un impatto significativo sulle finanze di un’impresa.

Per gestire con successo la tesoreria, le PMI possono adottare diverse strategie e strumenti.

  1. Pianificazione del flusso di cassa: La creazione di previsioni accurate del flusso di cassa è fondamentale. Queste previsioni consentono di pianificare quando e quanto denaro sarà disponibile.
  2. Gestione dei pagamenti e delle scadenze: Monitorare da vicino le scadenze dei pagamenti in entrata e in uscita è essenziale per evitare ritardi e penalizzazioni.
  3. Ottimizzazione delle politiche di credito: Stabilire politiche di credito chiare e monitorare da vicino i crediti concessi ai clienti può migliorare il ciclo di riscossione.
  4. Diversificazione delle fonti di finanziamento: Le PMI dovrebbero considerare una gamma di opzioni di finanziamento, tra cui prestiti bancari, finanziamenti partecipativi o investitori privati.
  5. Tecnologie finanziarie: L’uso di software di gestione della tesoreria può semplificare il monitoraggio dei flussi finanziari e migliorare la precisione delle previsioni.

La gestione della tesoreria è cruciale per il successo delle PMI. Una buona gestione della tesoreria può migliorare la liquidità, ridurre i costi finanziari, prevenire crisi finanziarie e consentire una pianificazione finanziaria più efficace. Pertanto, le PMI dovrebbero dare la giusta attenzione alla gestione della tesoreria e investire nelle competenze e negli strumenti necessari per farlo. Questo può essere il pilastro che consente alle PMI di prosperare e crescere, svolgendo un ruolo vitale nell’economia globale.

La gestione della tesoreria svolge un ruolo cruciale come “scudo” contro le conseguenze della nuova legge sulla crisi di insolvenza (L. 155), che spesso può avere un impatto significativo sulle imprese, in particolare sulle PMI. Una solida gestione della tesoreria può aiutare a proteggere le imprese per alcuni fondamentali motivi.

  1. Mantenimento della liquidità: La legge sulla crisi di insolvenza può comportare un aumento delle pressioni finanziarie sulle imprese, come il pagamento di debiti arretrati o la negoziazione con creditori. Una solida gestione della tesoreria consente alle imprese di disporre di riserve di liquidità per far fronte a tali obblighi finanziari senza dover ricorrere a misure estreme come la vendita di asset o il licenziamento di dipendenti.
  2. Flessibilità finanziaria: Una gestione efficace della tesoreria offre alle imprese una maggiore flessibilità finanziaria per adattarsi alle nuove circostanze. Possono ridurre le spese non essenziali, rinegoziare contratti, cercare nuove fonti di finanziamento o ristrutturare i debiti in modo più vantaggioso.
  3. Gestione del rischio: La gestione della tesoreria può aiutare a identificare e mitigare i rischi finanziari che potrebbero portare a una crisi di insolvenza. Ad esempio, la diversificazione delle fonti di finanziamento può ridurre il rischio di dipendenza da un singolo creditore.
  4. Pianificazione a lungo termine: Una buona gestione della tesoreria non si concentra solo sulla gestione delle esigenze finanziarie immediate, ma anche sulla pianificazione a lungo termine. Questo permette alle imprese di prendere decisioni strategiche che le proteggono dagli impatti a lungo termine della crisi di insolvenza.
  5. Preparazione per il cambiamento: La legge sulla crisi di insolvenza può comportare cambiamenti nelle procedure di gestione delle crisi e nelle modalità di negoziazione con creditori. Una solida gestione della tesoreria può aiutare le imprese a prepararsi per queste nuove normative, garantendo che siano pronte ad affrontare situazioni di difficoltà finanziaria in modo più efficace.

La gestione della tesoreria, quindi, agisce come uno “scudo” proteggendo le imprese contro le conseguenze della legge sulla crisi di insolvenza. Una gestione finanziaria oculata offre alle imprese la stabilità finanziaria, la flessibilità e la capacità di adattamento necessarie per affrontare le sfide finanziarie in modo più efficace, riducendo il rischio di insolvenza e consentendo loro di mantenere la loro attività in tempi difficili.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi 07/11/2023

Quotarsi su Euronext conviene a chi punta in alto

Quotarsi su Euronext è un’opzione interessante per molte piccole e medie imprese (PMI) italiane che cercano di accedere ai mercati finanziari per raccogliere capitale e crescere. Euronext è una delle principali borse europee ed è presente in diverse città europee, tra cui Parigi, Amsterdam, Dublino, Bruxelles, e Milano. La quotazione su Euronext può offrire diversi vantaggi alle PMI, tra cui l’accesso al capitale, la visibilità, l’opportunità di crescere e diversificare le fonti di finanziamento.

Di seguito alcuni passi che le PMI dovrebbero considerare se desiderano quotarsi su Euronext.

Valutazione: La prima cosa da fare è valutare se la quotazione su Euronext è la scelta giusta per la vostra azienda. È importante considerare i costi e i benefici associati a questa mossa.

Preparazione: Le PMI devono preparare accuratamente le loro informazioni finanziarie, inclusi i bilanci, i piani di business, e altre documentazioni richieste.

Scelta del mercato: Euronext offre diverse piazze di negoziazione; quindi, dovreste decidere in quale mercato quotarvi. Questo può dipendere dalla vostra posizione geografica e dalle esigenze specifiche della vostra azienda.

Scelta dell’intermediario finanziario: Le PMI di solito necessitano di un intermediario finanziario per aiutarle nel processo di quotazione su Euronext. Questi intermediari possono essere banche o società di servizi finanziari.

Adempimento normativo: Le PMI devono rispettare le regole e i regolamenti del mercato e soddisfare i requisiti di quotazione stabiliti da Euronext.

Documentazione: Le PMI dovranno preparare una documentazione dettagliata, tra cui un documento informativo, che fornisce informazioni sui loro affari e sulle prospettive future.

Roadshow e collocamento: potrebbe essere necessario promuovere la vostra azienda tra gli investitori attraverso un roadshow. Potrebbe essere necessario collocare azioni presso gli investitori.

Monitoraggio del mercato: Una volta quotate, le PMI dovrebbero monitorare costantemente le condizioni di mercato e comunicare in modo trasparente con gli investitori.

Governance aziendale: Le PMI dovrebbero avere a disposizione una solida struttura di governance aziendale per garantire la fiducia degli investitori.

Crescita e sviluppo: Dopo la quotazione, le PMI dovrebbero utilizzare i capitali raccolti per finanziare la crescita e lo sviluppo del loro business.

È importante consultare esperti finanziari e legali esperti di mercati finanziari per guidarvi attraverso il processo di quotazione su Euronext, poiché può essere complesso e regolamentato. Inoltre, dovreste considerare attentamente se la quotazione su Euronext è la scelta giusta per il vostro business, in base ai vostri obiettivi di crescita e finanziamento.

Un advisor (consulente) svolge un ruolo chiave nella preparazione e nell’assistenza di un’azienda alla quotazione su una borsa valori, compresa Euronext. Vanno verificati i principali requisiti e considerazioni di un advisor che si prepara per una quotazione.

Un advisor deve avere una profonda conoscenza del mercato in cui l’azienda intende quotarsi, compreso il funzionamento specifico di Euronext. Questo include la comprensione delle regole di quotazione, dei regolamenti di mercato e dei requisiti normativi.

L’advisor dovrebbe essere in grado di analizzare le informazioni finanziarie dell’azienda, preparare bilanci e piani finanziari solidi e valutare il potenziale di crescita.

L’esperienza nell’assistere le aziende nelle operazioni di mercato, come IPO (Initial Public Offering), fusioni e acquisizioni, e altre transazioni di capitale, è essenziale. Questa esperienza aiuta a pianificare e condurre con successo la quotazione.

Gli aspetti legali della quotazione sono complessi, quindi è importante che l’advisor abbia accesso a consulenti legali esperti in diritto societario, regolamentazione finanziaria e altri aspetti legali.

L’advisor dovrebbe avere capacità di pianificazione strategica per aiutare l’azienda a determinare il momento migliore per la quotazione, a sviluppare una strategia di marketing e a identificare gli obiettivi a lungo termine.

L’advisor dovrebbe avere accesso a banche d’investimento e altri intermediari finanziari che possono assistere nell’emissione di azioni o di altre forme di titoli.

La comunicazione con gli investitori è un elemento fondamentale della quotazione. L’advisor dovrebbe aiutare l’azienda a sviluppare piani di comunicazione efficaci e trasparenti.

L’advisor dovrebbe essere in grado di gestire l’intero processo di quotazione, dalla preparazione iniziale all’offerta pubblica e alla successiva negoziazione sul mercato.

L’advisor dovrebbe essere in grado di determinare il valore dell’azienda e stabilire il prezzo delle azioni da offrire al pubblico.

L’advisor deve garantire che l’azienda sia in piena conformità con le leggi e i regolamenti di mercato, inclusi quelli specifici di Euronext.

È fondamentale che l’advisor abbia una buona comprensione delle esigenze e degli obiettivi dell’azienda e che possa lavorare in stretta collaborazione con il management per raggiungere una quotazione di successo. È buona norma cercare un advisor con una comprovata esperienza nella quotazione di aziende simili e con una rete di contatti nel settore finanziario per facilitare il processo di quotazione.

 

Il crowdfunding e la quotazione su Euronext sono due opzioni di finanziamento molto diverse, ognuna con le proprie caratteristiche, vantaggi e svantaggi. Ecco un confronto tra le due opzioni:

Tipo di finanziamento:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding è un metodo di raccolta di fondi in cui un’azienda o un individuo cerca di raccogliere fondi da una vasta rete di persone, spesso attraverso piattaforme online. Si tratta di una forma di finanziamento basata su donazioni, ricompense, equity o prestiti.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext è una forma di finanziamento in cui un’azienda offre le proprie azioni al pubblico su una borsa valori europea. Gli investitori acquistano azioni dell’azienda in cambio di capitale.

Capitale raccolto:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding è spesso utilizzato per raccogliere somme relativamente piccole da un gran numero di investitori, sebbene esistano piattaforme di equity crowdfunding che consentono alle imprese di raccogliere capitale più significativo.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext può consentire di raccogliere capitali significativi attraverso la vendita di azioni a investitori istituzionali e al pubblico in generale.

Regolamentazione:

    • Crowdfunding: Le campagne di crowdfunding sono soggette a normative che variano da paese a paese, ma spesso implicano meno regolamentazione rispetto alla quotazione su una borsa valori.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext è un processo altamente regolamentato che richiede il rispetto di norme e regolamenti finanziari rigorosi.

Controllo azionario:

    • Crowdfunding: Nelle campagne di crowdfunding di equity, l’azienda può cedere una parte della proprietà agli investitori, ma di solito mantiene un certo grado di controllo.
    • Quotazione su Euronext: Una volta quotata, l’azienda concede una parte significativa del controllo agli azionisti, poiché il consiglio di amministrazione e la gestione aziendale devono rispondere agli azionisti.

Visibilità e reputazione:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding può aumentare la visibilità dell’azienda e rafforzare il rapporto con i sostenitori, ma potrebbe non portare alla stessa visibilità di una quotazione su una borsa valori.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su una borsa valori come Euronext offre un alto grado di visibilità e può migliorare la reputazione dell’azienda, ma comporta anche una maggiore esposizione e pressione dai mercati finanziari.

Costi e complessità:

    • Crowdfunding: Il crowdfunding può essere meno costoso e richiedere meno tempo rispetto alla quotazione su una borsa valori. Tuttavia, ci sono comunque costi associati alle piattaforme di crowdfunding e al rispetto delle normative.
    • Quotazione su Euronext: La quotazione su Euronext può essere un processo costoso e complesso, con oneri legali, amministrativi e regolatori significativi.

La scelta tra crowdfunding e quotazione su Euronext dipenderà dalle esigenze finanziarie e dagli obiettivi dell’azienda. Il crowdfunding è una scelta più accessibile per le piccole imprese o startup che cercano capitale iniziale, mentre la quotazione su Euronext è più adatta a imprese più consolidate che cercano un finanziamento su larga scala e vogliono beneficiare della visibilità e della liquidità offerte dai mercati azionari.

Passaggio generazionale

Lo Studio è anni che si occupa del passaggio generazionale, tutt’ora sta affrontando tale percorso in diverse aziende anche di grandi dimensioni.

E’ un processo delicato che richiede diversi anni di lavoro.

Il passaggio generazionale nelle PMI e Grandi aziende è un processo cruciale che coinvolge il passaggio di leadership e controllo dall’attuale proprietario o fondatore a una nuova generazione di gestori, spesso i figli o altri membri della famiglia. Questo processo può essere complesso e richiedere una pianificazione accurata. Ecco alcuni punti chiave.

Pianificazione anticipata Iniziare a pianificare il passaggio generazionale con largo anticipo è essenziale. Consigliamo di iniziare almeno 5-10 anni prima del momento previsto per il passaggio.

Identificazione dei successori Determinare chi sarà il successore è una decisione fondamentale. Potrebbe trattarsi di un membro della famiglia o di un Manager fidato. È importante valutare le competenze, la motivazione e la preparazione del successore.

Valutazione dell’azienda Valutare l’azienda è importante per stabilire il suo valore finanziario e patrimoniale. Questo può aiutare a determinare una quota equa per il successore o stabilire il prezzo di vendita nel caso in cui si scelga di vendere l’azienda.

Pianificazione fiscale e immobiliare La pianificazione fiscale è essenziale per minimizzare l’impatto delle tasse sul passaggio generazionale. È importante considerare le implicazioni fiscali sia per il donante che per il ricevente.

Documentazione legale Preparare documenti legali chiari, come accordi di successione, accordi di azionariato o accordi familiari, può aiutare a definire le regole del passaggio e a evitare futuri conflitti.

Formazione e mentoring Preparare il successore richiede spesso un periodo di formazione e mentoring. L’attuale proprietario dovrebbe condividere la sua conoscenza, esperienza e competenze con il successore in modo che possa gestire con successo l’azienda.

Comunicazione e coinvolgimento dei dipendenti Informare i dipendenti sul passaggio generazionale è importante per ridurre l’incertezza e il disagio. Coinvolgere i dipendenti nel processo può anche aiutare a mantenere la continuità operativa.

Gestione dei conflitti familiari Le dinamiche familiari possono complicare il passaggio generazionale. È importante affrontare eventuali conflitti in modo aperto e cercare soluzioni equilibrate.

Monitoraggio e adattamento Una volta completato il passaggio generazionale, è importante monitorare la situazione e apportare eventuali adattamenti se necessario. Le condizioni economiche e aziendali possono cambiare nel tempo.

Consulenza esterna Coinvolgere consulenti esterni, come avvocati, consulenti finanziari o consulenti fiscali, può essere utile per ottenere consigli obiettivi e competenze specializzate durante il processo di passaggio generazionale. Ognuno avrà il proprio ambito e andranno coordinati, compito che assolviamo in qualità di supervisori.

Il passaggio generazionale è un processo complesso che richiede una pianificazione approfondita, una comunicazione efficace e una gestione attenta per garantire il successo a lungo termine dell’azienda. Ogni situazione è unica, quindi è importante adattare queste considerazioni alle specifiche circostanze dell’impresa e della famiglia coinvolte.

Noi siamo Pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

03/10/2023

Simulazione SP e CE post money fattore di successo nei finanziamenti

Nel mondo degli affari, ottenere finanziamenti è spesso una fase fondamentale per la crescita e lo sviluppo di un’azienda. Presentare un’offerta convincente ai potenziali finanziatori richiede un approccio strategico e professionale. Tra i documenti chiave da presentare, lo stato patrimoniale e il business plan giocano un ruolo centrale. Tuttavia, nel contesto di una proposta di finanziamento solida e completa, è diventato sempre più cruciale includere una simulazione delle variazioni sugli indicatori finanziari chiave, in particolare quelli legati a SP (Situazione Patrimoniale) e CE (Conto Economico), dei debiti a medio-lungo termine dopo l’ottenimento del finanziamento. Fondamentale il valore che apporta al processo di presentazione ai finanziatori.

Presentare una simulazione delle variazioni su SP e CE dei debiti a medio-lungo termine dopo il finanziamento dimostra che l’azienda ha una prospettiva chiara e ben definita per il futuro. I finanziatori sono interessati non solo alle proiezioni a breve termine, ma anche alla capacità dell’azienda di gestire gli impegni finanziari nel medio e lungo periodo. Questa dimostrazione di pianificazione a lungo termine aumenta la fiducia dei finanziatori nell’azienda e nella sua capacità di rimanere stabile e redditizia nel corso del tempo.

La simulazione delle variazioni sui debiti a medio-lungo termine consente di valutare l’effetto sull’andamento della liquidità e sulla solidità finanziaria dell’azienda. Questi due fattori sono di cruciale importanza per i finanziatori, poiché influenzano la capacità dell’azienda di onorare gli impegni finanziari, sostenere l’espansione e affrontare eventuali sfide impreviste. Presentare dati accurati e dettagliati sulle variazioni previste aiuta i finanziatori a comprendere meglio come l’azienda intende gestire il flusso di cassa nel corso del tempo.

La simulazione delle variazioni sui debiti a medio-lungo termine consente anche di identificare potenziali rischi e di mettere in atto strategie di mitigazione. Questo dimostra ai finanziatori che l’azienda è consapevole dei potenziali ostacoli e ha un piano per affrontarli in modo proattivo. La capacità di valutare i rischi e di adottare misure per gestirli può fare la differenza nell’ottenere il sostegno dei finanziatori.

La presentazione di una simulazione accurata e dettagliata delle variazioni sui debiti a medio-lungo termine evidenzia la trasparenza e la credibilità dell’azienda. I finanziatori apprezzano la completezza delle informazioni e la precisione nell’analisi finanziaria. Questo livello di dettaglio comunica che l’azienda è seria nella sua richiesta di finanziamento ed è disposta a condividere dati realistici e pertinenti.

Presentare uno stato patrimoniale e un business plan aggiornati, insieme a una simulazione delle variazioni sui debiti a medio-lungo termine dopo il finanziamento, è un passo essenziale nel processo di ottenimento di finanziamenti. Questa pratica dimostra la capacità di pianificazione a lungo termine, la gestione responsabile delle risorse finanziarie e la trasparenza dell’azienda. Nel mondo competitivo degli affari, un’offerta di finanziamento completa e ben strutturata può fare la differenza nel garantire il sostegno dei finanziatori e il successo continuato dell’azienda.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

08/09/2023

Bilanci mensili SP e CE per la governance aziendale

La governance aziendale è un aspetto fondamentale per il successo e la sostenibilità di qualsiasi impresa. Una corretta governance assicura che le attività dell’azienda siano gestite in modo responsabile, etico ed efficiente, garantendo al contempo la trasparenza e l’accountability nei confronti degli stakeholder. In questo contesto, i bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati rivestono un ruolo cruciale.

Monitoraggio Finanziario Tempestivo. I bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati forniscono una panoramica accurata e tempestiva delle finanze aziendali. Consentono ai decisori aziendali di monitorare l’andamento finanziario in tempo reale, individuando rapidamente eventuali deviazioni o problemi. Questo è particolarmente importante per prendere decisioni correttive immediate e mitigare potenziali rischi.

Pianificazione e Budgeting. I bilanci mensili e i documenti finanziari dettagliati sono essenziali per la pianificazione finanziaria e la creazione di budget realistici. Gli obiettivi finanziari a breve e lungo termine possono essere stabiliti in base ai dati presenti in questi documenti. Le performance aziendali possono essere confrontate con le previsioni, consentendo ai responsabili di apportare modifiche alla strategia, se necessario.

Tracciabilità delle Performance. I bilanci mensili consentono di seguire da vicino le performance aziendali nel corso del tempo. Questo tracciamento aiuta a identificare tendenze, riconoscere stagionalità e comprendere come le decisioni passate abbiano influenzato l’andamento finanziario. Una maggiore consapevolezza delle dinamiche finanziarie può guidare l’azienda verso scelte più informate.

Comunicazione con gli Stakeholder. La trasparenza finanziaria è cruciale per mantenere la fiducia degli stakeholder, inclusi investitori, creditori, dipendenti e clienti. I bilanci mensili e i documenti finanziari dettagliati forniscono informazioni chiare e affidabili sulla salute finanziaria dell’azienda. Ciò rafforza la comunicazione con gli stakeholder e dimostra un impegno verso la responsabilità aziendale.

Identificazione delle Opportunità di Miglioramento. I dettagli contenuti nei bilanci mensili e nei documenti finanziari possono rivelare aree in cui l’azienda potrebbe migliorare l’efficienza operativa o ridurre i costi. L’analisi dettagliata dei costi e delle entrate può portare a decisioni informate sulla riduzione degli sprechi e sull’ottimizzazione delle risorse.

Conformità Regolamentare. La recente Legge 155 richiede alle imprese di redigere rapporti finanziari regolari per prevenire l’insorgere di eventuali crisi di insolvenza. La preparazione accurata di bilanci mensili, stato patrimoniale e conto economico dettagliati garantisce che l’azienda sia in linea con le richieste regolamentari e riduce il rischio di sanzioni o azioni legali, quali la responsabilità solidale degli organi amministrativi.

In sintesi, i bilanci mensili, lo stato patrimoniale e il conto economico dettagliati sono strumenti essenziali per la governance aziendale efficace. Forniscono informazioni critiche per il monitoraggio finanziario, la pianificazione strategica, la comunicazione con gli stakeholder e l’identificazione di opportunità di miglioramento. La creazione e l’analisi accurata di questi documenti contribuiscono a guidare l’azienda verso un successo a lungo termine. Va anche acquisita e sviluppata la capacità di leggere e interpretare i dati sapendo come declinarli e le eventuali ricadute, in bene o in male, su tutti gli interessati.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

30/08/2023

Bias Cognitivi e loro effetti sulla Leadership

I bias cognitivi sono deviazioni sistematiche dalla razionalità nella valutazione delle informazioni e nella presa di decisioni. Sono il risultato di processi mentali automatici che influenzano la nostra percezione, giudizio e interpretazione della realtà. Nel contesto della leadership, i bias cognitivi possono avere un impatto significativo sulle decisioni prese dai leader e sulla loro capacità di guidare efficacemente.

I bias cognitivi sono errori sistematici nel modo in cui elaboriamo le informazioni. Sono spesso il risultato di semplificazioni mentali e meccanismi di ragionamento accelerato, che possono portare a distorsioni nella percezione della realtà. Alcuni esempi comuni di bias cognitivi includono:

Conferma dei Bias: La tendenza a cercare, interpretare e ricordare informazioni in modo da confermare le proprie convinzioni preesistenti. Questo può portare i leader a ignorare dati contrari alle loro opinioni o a sovrastimare l’importanza di prove che supportano le loro idee.

Bias dell’Attribuzione: L’attribuzione di successi a caratteristiche interne e personali, mentre si attribuiscono i fallimenti a fattori esterni. Questo può influenzare il modo in cui i leader valutano le prestazioni dei membri del loro team e possono non riconoscere l’importanza degli elementi ambientali.

Bias dell’Ottimismo: La tendenza a sovrastimare le probabilità di risultati positivi e a sottovalutare i rischi. I leader ottimisti potrebbero essere inclini a prendere decisioni rischiose senza considerare attentamente le possibili conseguenze negative.

Bias della Disponibilità: Basare le decisioni sulla facilità con cui si ricorda un certo tipo di informazione, piuttosto che sulla sua rilevanza statistica. Questo può portare a decisioni errate poiché le informazioni più facilmente accessibili non sono necessariamente le più accurate.

I bias cognitivi possono avere impatti significativi sulla leadership in diversi modi:

Processi Decisionali Distorti: I leader influenzati dai bias cognitivi possono prendere decisioni basate su informazioni incomplete o errate, portando a risultati negativi per l’organizzazione.

Carenza di Diversità: I bias cognitivi possono portare i leader a preferire persone simili a loro stessi, limitando la diversità nel team e ostacolando l’innovazione e la creatività.

Mancanza di Adattabilità: I leader influenzati dai bias potrebbero resistere al cambiamento o ignorare nuove idee che non si allineano con le loro prospettive preesistenti.

Sviluppo delle Relazioni Interpersonali: I bias cognitivi possono influenzare la percezione dei leader nei confronti dei loro collaboratori, portando a un trattamento iniquo e alla mancanza di fiducia.

Affrontare i Bias Cognitivi nella Leadership richiede:

Consapevolezza: Il primo passo per affrontare i bias cognitivi è riconoscerne l’esistenza. I leader devono essere consapevoli dei tipi di bias che possono influenzare le loro decisioni e prese di posizione.

Raccolta di Dati Obiettivi: Raccogliere dati oggettivi e affidabili può aiutare i leader a basare le loro decisioni su fatti concreti, piuttosto che su percezioni distorte.

Prospettive Diverse: Promuovere la diversità nel team può aiutare a mitigare i bias cognitivi, poiché le prospettive diverse possono portare a decisioni più informate e bilanciate.

Processi Decisionali Strutturati: Implementare processi decisionali strutturati, come l’analisi costi-benefici o l’approccio “dell’avvocato del diavolo”, può aiutare a ridurre l’influenza dei bias.

I bias cognitivi sono fenomeni intrinseci alla mente umana che possono influenzare profondamente il modo in cui i leader prendono decisioni e guidano le loro organizzazioni. Comprendere i diversi tipi di bias cognitivi e sviluppare strategie per affrontarli è fondamentale per coltivare una leadership più efficace e orientata ai risultati. Prendere decisioni informate, basate su dati obiettivi e considerando prospettive diverse può aiutare i leader a superare gli ostacoli posti dai bias cognitivi e guidare con successo le loro squadre verso il progresso e l’innovazione.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

22/08/2023

Corrispondenza tra business plan e piano dei conti

La corrispondenza tra il business plan e il piano dei conti è fondamentale per la rendicontazione accurata e coerente delle attività aziendali. Questi due strumenti sono interconnessi e si influenzano a vicenda in quanto si occupano di aspetti differenti ma complementari della gestione aziendale.

Ecco perché la corrispondenza tra business plan e piano dei conti è così importante per la rendicontazione:

Coerenza strategica: Il business plan rappresenta la visione strategica dell’azienda, delineando gli obiettivi, le strategie e le azioni necessarie per raggiungerli. Se il piano dei conti, che rappresenta la struttura contabile dell’azienda, è allineato con il business plan, le spese e le entrate saranno categorizzate in modo da rispecchiare correttamente gli obiettivi e le priorità strategiche dell’azienda.

Pianificazione finanziaria: La corrispondenza tra business plan e piano dei conti consente una pianificazione finanziaria più accurata. Le voci di spesa e di entrata definite nel business plan possono essere direttamente collegate alle categorie del piano dei conti, semplificando la previsione delle risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi.

Monitoraggio delle performance: Tenere traccia dei risultati aziendali e valutare se si stanno raggiungendo gli obiettivi prefissati richiede una chiara connessione tra i dati finanziari reali e le aspettative delineate nel business plan. Se le due fonti sono allineate, è più semplice identificare i successi e gli ostacoli nel percorso verso il raggiungimento degli obiettivi.

Comunicazione interna ed esterna: La coerenza tra business plan e piano dei conti è cruciale per la comunicazione sia interna che esterna. Gli stakeholder interni, come i dipendenti, hanno bisogno di comprenderne il collegamento per lavorare efficacemente verso gli obiettivi aziendali. Gli stakeholder esterni, come investitori e finanziatori, vogliono vedere un allineamento tra la strategia aziendale e la gestione finanziaria.

Processi decisionali: Quando il business plan e il piano dei conti sono in armonia, le decisioni aziendali diventano più informate e basate su dati concreti. L’azienda può capire meglio come le scelte operative influenzeranno le finanze e, viceversa, come le risorse finanziarie influenzeranno la capacità di implementare il piano strategico.

Audit e trasparenza: La coerenza tra i dati presentati nel business plan e quelli riflessi nel piano dei conti rende il processo di audit più agevole e riduce il rischio di discrepanze o incongruenze nei dati finanziari. Questo è particolarmente importante per dimostrare la trasparenza e la correttezza nella gestione finanziaria dell’azienda.

La corrispondenza tra business plan e piano dei conti è fondamentale per garantire che le azioni aziendali siano allineate agli obiettivi strategici e che le decisioni finanziarie siano basate su informazioni accurate. Questo allineamento facilita la pianificazione, il monitoraggio, la comunicazione e il successo generale dell’azienda. Viceversa sarebbe come avere Direzione Generale e resto dell’azienda che parlano due lingue diverse con al seguito sempre un traduttore e un mediatore culturale: che fatica e quante incomprensioni!

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

10/08/2023

Importanza del capitale circolante netto e della posizione finanziaria netta

Il capitale circolante netto (CCN) e la posizione finanziaria netta (PFN) sono due importanti indicatori finanziari utilizzati per valutare la salute finanziaria di un’azienda. Entrambi forniscono informazioni cruciali sulla liquidità e la capacità dell’azienda di far fronte alle sue obbligazioni a breve termine.

Il Capitale circolante netto (CCN) rappresenta la differenza tra le attività correnti (risorse liquide e attività che possono essere convertite in denaro entro un anno) e le passività correnti (obbligazioni a breve termine e passività che devono essere pagate entro un anno). La formula del CCN è:

CCN = Attività correnti – Passività correnti

L’importanza del CCN risiede nel fatto che misura la disponibilità di risorse liquide dell’azienda per sostenere le sue operazioni quotidiane e coprire i debiti a breve termine. Un CCN positivo indica che l’azienda ha più attività correnti rispetto alle passività correnti, il che suggerisce una buona capacità di gestire gli obblighi finanziari imminenti. D’altra parte, un CCN negativo può indicare una possibile difficoltà nel far fronte alle passività a breve termine, potendo portare a situazioni di liquidità problematica o a una maggiore dipendenza da finanziamenti esterni.

La Posizione finanziaria netta (PFN) rappresenta la differenza tra le attività finanziarie correnti e le passività finanziarie correnti. Le attività finanziarie correnti includono disponibilità in contanti, equivalenti di cassa e altre attività finanziarie a breve termine, mentre le passività finanziarie correnti comprendono i debiti a breve termine.

La formula della PFN è:

PFN = Attività finanziarie correnti – Passività finanziarie correnti

La PFN fornisce una misura più specifica della liquidità finanziaria dell’azienda, concentrandosi sulle risorse finanziarie a breve termine e sugli impegni di pagamento. Una PFN positiva indica che l’azienda ha più risorse finanziarie correnti delle sue passività finanziarie correnti, suggerendo una buona posizione di liquidità. Al contrario, una PFN negativa indica che le passività finanziarie correnti superano le risorse finanziarie correnti, suggerendo una possibile necessità di finanziamenti esterni per far fronte agli impegni finanziari.

Sia il capitale circolante netto (CCN) che la posizione finanziaria netta (PFN) sono indicatori chiave per valutare la stabilità finanziaria di un’azienda. Una gestione adeguata del CCN e della PFN è fondamentale per garantire che l’azienda abbia sufficienti risorse liquide per affrontare le sue obbligazioni finanziarie a breve termine e mantenga una solida posizione finanziaria complessiva. Una sana gestione del capitale circolante e una posizione finanziaria equilibrata possono contribuire alla crescita e al successo a lungo termine dell’azienda.

Sono parametri vitali sempre sotto attento esame da parte di qualsivoglia istituzione finanziaria e sono un dato importante per decidere la finanziabilità di una impresa.

Noi siamo pronti, Voi

Articolo di Marco Simontacchi

31/07/2023