Corretta capitalizzazione in una impresa

La corretta capitalizzazione economica e finanziaria in un’impresa è un aspetto essenziale per garantire la stabilità finanziaria, la crescita e il successo a lungo termine dell’azienda. La capitalizzazione si riferisce al modo in cui un’impresa finanzia le sue attività attraverso il capitale proprio (patrimonio netto) e il capitale di terzi (debito). Una capitalizzazione equilibrata e ben gestita è fondamentale per mantenere l’equilibrio tra il rischio e il rendimento dell’impresa.

Ecco alcuni punti chiave da considerare per una corretta capitalizzazione economica e finanziaria:

Bilanciare il capitale proprio e il debito: L’azienda dovrebbe determinare la giusta proporzione tra capitale proprio e debito. Un eccesso di debito può portare a un aumento del rischio finanziario e della dipendenza da interessi, mentre troppo capitale proprio potrebbe non essere efficiente in termini di utilizzo delle risorse.

Adeguata liquidità: Assicurarsi che l’impresa abbia abbastanza liquidità per far fronte alle sue esigenze di breve termine. Ciò implica avere disponibilità finanziarie sufficienti per pagare fornitori, stipendi e altre spese correnti senza dover dipendere completamente dal debito a breve termine.

Valutare la redditività: La capitalizzazione dovrebbe essere valutata alla luce della redditività dell’impresa. La generazione di profitti adeguati è essenziale per sostenere il servizio del debito e finanziare la crescita dell’azienda.

Gestire il rischio: Considerare il profilo di rischio dell’impresa è cruciale nella determinazione della struttura di capitale. Settori o aziende con maggiore volatilità delle entrate potrebbero preferire una maggiore capitalizzazione finanziaria per proteggersi da eventuali difficoltà finanziarie.

Costo del capitale: Valutare il costo del capitale proprio e del debito. Il costo del debito è spesso inferiore rispetto al costo del capitale proprio, ma un eccesso di debito può aumentare il rischio per gli investitori e rendere più difficile l’accesso a nuovi finanziamenti.

Pianificazione finanziaria a lungo termine: Prevedere le esigenze finanziarie future dell’azienda è fondamentale per assicurare che la capitalizzazione sia adeguata per sostenere gli obiettivi di crescita e di investimento a lungo termine.

Monitoraggio e aggiustamenti: Monitorare costantemente la struttura di capitale dell’impresa e apportare eventuali aggiustamenti in base alle esigenze dell’azienda e alle condizioni di mercato in continua evoluzione.

Una capitalizzazione economica e finanziaria ben gestita richiede una valutazione equilibrata tra capitale proprio e debito, un’attenzione alla liquidità e alla redditività, nonché una pianificazione finanziaria a lungo termine. La gestione prudente della capitalizzazione aiuta l’impresa a sostenere le sue operazioni, a crescere in modo sostenibile e a ridurre i rischi finanziari.

Noi ci siamo, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

26/07/2023

L’importanza della pianificazione finanziaria in un piano industriale

Nel contesto di un’azienda, il piano industriale è uno strumento essenziale che definisce le strategie, gli obiettivi e le azioni necessarie per raggiungere il successo a lungo termine. Tra gli elementi fondamentali di un piano industriale, la pianificazione dei flussi finanziari riveste un ruolo di estrema importanza.

Garantisce liquidità. La pianificazione dei flussi finanziari aiuta a garantire che l’azienda abbia sufficiente liquidità per far fronte alle spese correnti e future. Ciò significa tenere sotto controllo gli ingressi e le uscite di denaro, prevedere eventuali picchi di spesa o periodi di incassi ridotti e adottare misure preventive per evitare situazioni di crisi finanziaria. Senza una gestione oculata dei flussi finanziari, l’azienda potrebbe trovarsi a corto di fondi quando ne ha più bisogno, mettendo a rischio la sua stessa esistenza.

Consentire investimenti strategici. Un’azienda di successo deve essere in grado di investire in nuove tecnologie, infrastrutture, ricerca e sviluppo e altre iniziative strategiche. La pianificazione dei flussi finanziari permette di identificare le risorse disponibili e valutare la fattibilità di questi investimenti senza compromettere la stabilità finanziaria dell’azienda. Investimenti mirati possono aumentare l’efficienza produttiva, la qualità dei prodotti/servizi offerti e la competitività sul mercato.

Riduzione dei rischi finanziari. I rischi finanziari sono sempre presenti in un ambiente economico in continua evoluzione. La pianificazione dei flussi finanziari aiuta a identificare e mitigare i rischi finanziari, sia interni che esterni. Attraverso la gestione attiva dei flussi di cassa, l’azienda può reagire prontamente a cambiamenti imprevisti nel mercato, riducendo l’impatto di potenziali crisi finanziarie o rallentamenti economici.

Facilita la negoziazione con le parti interessate. Quando un’azienda ha una pianificazione finanziaria solida, diventa più attraente per gli investitori, le banche e altri soggetti interessati. La capacità di dimostrare una gestione finanziaria accurata e la prospettiva di flussi di cassa stabili nel tempo possono influenzare positivamente le decisioni degli investitori, migliorando così l’accesso a finanziamenti esterni o a nuove partnership strategiche.

Sostenibilità aziendale. Una buona pianificazione dei flussi finanziari consente di mantenere l’equilibrio tra le esigenze finanziarie dell’azienda e le sue capacità di generare reddito. Questo contribuisce a garantire la sostenibilità aziendale a lungo termine, evitando situazioni di sovraindebitamento o mancanza di liquidità. Un’azienda sana finanziariamente è più resistente alle sfide economiche e può affrontare con maggiore fiducia i cicli economici altalenanti.

La pianificazione dei flussi finanziari riveste un ruolo chiave all’interno di un piano industriale ben strutturato. Garantisce la stabilità finanziaria, facilita gli investimenti strategici, riduce i rischi e migliora le opportunità di negoziazione con le parti interessate. Senza una gestione attenta dei flussi di cassa, l’azienda potrebbe trovarsi in una posizione vulnerabile, incapace di affrontare le sfide del mercato o di cogliere le opportunità di crescita. Pertanto, la corretta pianificazione finanziaria dovrebbe essere una priorità per qualsiasi azienda impegnata a raggiungere il successo a lungo termine.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

19/07/2023

Differenze tra piano industriale e business plan

Un piano industriale e un business plan sono due strumenti di pianificazione aziendale che servono a delineare le strategie e gli obiettivi di un’azienda, ma si concentrano su aspetti leggermente diversi.

Scopo e focus:

Piano industriale: si concentra principalmente sulle attività operative dell’azienda. Esso definisce la strategia generale dell’azienda per raggiungere gli obiettivi di produzione, vendita e distribuzione dei prodotti o servizi. Il piano industriale fornisce un quadro di riferimento per la gestione delle risorse umane, finanziarie e tecniche necessarie per raggiungere gli obiettivi stabiliti.

Business plan: è un documento più ampio che riguarda l’intero spettro dell’attività aziendale. Oltre a concentrarsi sugli aspetti operativi, il business plan include anche una valutazione del mercato, analisi della concorrenza, definizione dei target di mercato, strategie di marketing, piani finanziari e proiezioni di redditività. Il business plan ha lo scopo di fornire una visione d’insieme completa dell’azienda e delle sue prospettive future per attrarre investitori, ottenere finanziamenti o guidare lo sviluppo interno dell’azienda.

Contenuti:

Piano industriale: può includere informazioni come la descrizione dei prodotti o servizi offerti, il processo di produzione, gli obiettivi di produzione, l’organizzazione aziendale, la struttura dei costi, le risorse necessarie, le previsioni di vendita, gli investimenti in attività operative e le strategie di crescita.

Business plan: plan solitamente contiene una sezione esecutiva, una descrizione dell’azienda, un’analisi di mercato e della concorrenza, una strategia di marketing e di vendita, una pianificazione finanziaria, una struttura organizzativa, proiezioni finanziarie, strategie di gestione dei rischi e un piano di azione dettagliato per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Pubblico di riferimento:

Piano industriale: è principalmente rivolto agli stakeholder interni dell’azienda, come i dirigenti, i responsabili delle risorse umane, i responsabili delle operazioni e i dipendenti. Esso serve come guida operativa interna per coordinare le attività aziendali e assicurare un flusso efficiente delle operazioni.

Business plan: è rivolto a un pubblico più ampio che può includere investitori, banche, finanziatori, potenziali partner commerciali o collaboratori. Esso è progettato per comunicare l’intera visione aziendale, le opportunità di mercato e il potenziale di crescita dell’azienda per attrarre finanziamenti o partnership commerciali.

In sintesi, mentre il piano industriale si concentra principalmente sulle operazioni e sulle strategie operative dell’azienda, il business plan fornisce una visione più ampia e completa dell’intera attività aziendale, includendo analisi di mercato, strategie di marketing e finanziamenti. Entrambi gli strumenti sono importanti per il successo di un’azienda e possono essere utilizzati in sinergia per guidare la pianificazione e l’implementazione delle strategie aziendali.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

11/07/2023

Influenza dei bias cognitivi nelle decisioni importanti

I bias cognitivi sono delle distorsioni o dei pregiudizi sistematici che influenzano la nostra capacità di ragionamento obiettivo. Essi possono portare a un processo decisionale distorto, limitando la nostra capacità di valutare correttamente le informazioni disponibili e di prendere decisioni razionali.

Ecco alcuni esempi di come i bias cognitivi possono influire sulle decisioni importanti:

Conferma delle aspettative: tendiamo ad accontentarci di informazioni che confermano le nostre convinzioni preesistenti e ignorare o sottovalutare le prove che le contraddicono. Questo può portare a decisioni basate su presupposti errati o incomplete.

Effetto ancoraggio: siamo influenzati da un punto di riferimento iniziale quando prendiamo decisioni. Se ci viene fornito un valore di riferimento, tendiamo ad ancorare la nostra valutazione su quel valore, anche se potrebbe non essere rilevante o corretto. Questo può portare a decisioni distorte o poco razionali.

Disponibilità eccessiva: tendiamo a sopravvalutare l’importanza delle informazioni che sono facili da ricordare o che sono immediatamente disponibili nella nostra mente. Ciò può portare a decisioni basate su eventi o esperienze salienti, anche se potrebbero non rappresentare accuratamente la situazione generale.

Sovrastima delle proprie abilità: spesso sovrastimiamo le nostre capacità o competenze rispetto alla realtà. Questo può portarci a prendere decisioni eccessivamente ottimistiche o a ignorare i rischi potenziali.

Effetto di gruppo: quando prendiamo decisioni in gruppo, siamo influenzati dalle opinioni e dalle preferenze degli altri membri. Questo può portare a conformarsi alle opinioni del gruppo, anche se potrebbero essere sbagliate o irrazionali.

Rischio evitabile: tendiamo a evitare il rischio, anche quando potrebbe essere razionale o vantaggioso assumerlo. Questo può portare a decisioni troppo conservative o a perdere opportunità.

Questi sono solo alcuni esempi di come i bias cognitivi possono influire sulle decisioni importanti. È essenziale essere consapevoli di tali bias e adottare strategie per mitigarli, come cercare informazioni diverse, valutare criticamente le proprie convinzioni e coinvolgere diverse prospettive nella fase decisionale. La consapevolezza dei bias cognitivi può aiutarci a prendere decisioni più razionali ed efficaci.

Ricorrere a una consulenza strategica può fare la differenza, un punto di vista esterno e qualificato è un investimento di valore, non solo economico ma anche patrimoniale.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

05/07/2023

Risk management: Prevenire Guai e Salvaguardare il Successo

Nel mondo degli affari, ogni azienda è esposta a una serie di rischi che potrebbero comprometterne la stabilità e il successo. Il risk management, o gestione del rischio, è un processo fondamentale per prevenire guai e proteggere l’azienda da potenziali perdite finanziarie, danni reputazionali e altri impatti negativi. In questo articolo, esploreremo l’importanza del risk management in azienda e forniremo alcune strategie chiave per gestire efficacemente i rischi.

La prima fase del risk management consiste nell’identificare i potenziali rischi a cui l’azienda potrebbe essere esposta. Questo può includere rischi finanziari, rischi operativi, rischi legali e regolamentari, rischi legati alla reputazione e molto altro. È essenziale condurre una valutazione approfondita per individuare e comprendere tutti i possibili scenari di rischio che potrebbero influire sull’azienda.

Una volta identificati i rischi, è necessario valutare e analizzare la loro gravità e probabilità di manifestarsi. Questa valutazione aiuta a prioritizzare i rischi in base al loro impatto potenziale sull’azienda. La valutazione dei rischi può essere condotta utilizzando strumenti come la matrice di rischio, che classifica i rischi in base alla loro probabilità e impatto, consentendo così di concentrare le risorse sulle aree di maggiore rilevanza.

Una volta compresa la natura dei rischi e la loro importanza relativa, è necessario sviluppare strategie per mitigarli. Queste strategie possono includere l’adozione di politiche e procedure specifiche, l’implementazione di controlli interni, l’assicurazione contro rischi specifici e la diversificazione delle attività. L’obiettivo principale è ridurre la probabilità che i rischi si verifichino e mitigare gli eventuali impatti negativi nel caso in cui si verifichino.

Il risk management è un processo continuo che richiede un monitoraggio costante dei rischi identificati e delle strategie di mitigazione implementate. Le condizioni aziendali possono cambiare nel tempo, così come i rischi a cui l’azienda è esposta. È importante tenere traccia di questi cambiamenti e apportare eventuali modifiche alle strategie di mitigazione dei rischi di conseguenza.

Il successo del risk management dipende dall’impegno e dalla collaborazione di tutti gli attori chiave all’interno dell’azienda. Questo include il coinvolgimento della direzione aziendale, dei dipendenti e di altri stakeholder rilevanti. L’adozione di una cultura del risk management, in cui tutti comprendono l’importanza della gestione dei rischi e agiscono di conseguenza, è fondamentale per prevenire guai e garantire il successo a lungo termine dell’azienda.

La gestione del rischio è un elemento cruciale per l’azienda moderna. Attraverso l’identificazione, la valutazione, la mitigazione e il monitoraggio costante dei rischi, le aziende possono prevenire guai e salvaguardare il loro successo. Investire nella gestione del rischio permette di ridurre le perdite finanziarie, proteggere la reputazione aziendale e garantire la continuità delle operazioni. Non trascurare l’importanza del risk management nella tua azienda: è una strategia fondamentale per affrontare gli imprevisti e per prosperare nel mondo degli affari.

Noi siamo pronti, voi?

Articolo di Marco Simontacchi

28/06/2023

 

Cessione crediti pro soluto: Impatti positivi su bilancio e rating

La cessione dei crediti pro soluto è una pratica finanziaria che consente alle imprese di trasferire i propri crediti verso terzi, sollevandosi così dall’onere di gestire il recupero dei crediti in modo autonomo. Questa operazione può avere numerosi impatti positivi sul bilancio e sul rating dell’azienda, fornendo vantaggi finanziari e migliorando la sua posizione creditizia complessiva.

Impatto positivo sul bilancio: La cessione dei crediti pro soluto comporta l’inserimento di un flusso di cassa immediato nell’azienda che cede i crediti. Questo può avere un impatto significativo sul bilancio, consentendo di migliorare la liquidità dell’azienda e di ridurre il debito pendente. L’ingresso di nuove risorse finanziarie può essere utilizzato per investimenti, per il pagamento di fornitori o per altre necessità aziendali, contribuendo a una gestione finanziaria più efficiente.

Inoltre, la cessione dei crediti pro soluto può consentire all’azienda di eliminare i crediti inesigibili o di difficile recupero dal proprio bilancio. Ciò può portare a una riduzione dei costi di gestione dei crediti e a una migliore valutazione degli asset dell’azienda. La pulizia del bilancio da crediti problematici può fornire una visione più accurata della salute finanziaria complessiva dell’azienda e può aumentare la fiducia degli investitori e dei creditori.

Impatto positivo sul rating: La cessione dei crediti pro soluto può anche avere un impatto positivo sul rating dell’azienda. Le agenzie di rating tengono conto di diversi fattori per valutare la solidità finanziaria di un’azienda, e la gestione efficace dei crediti è uno di questi fattori chiave. Trasferire i crediti problematici o a rischio può ridurre il livello di rischio per l’azienda e migliorare la sua valutazione da parte delle agenzie di rating.

Inoltre, la cessione dei crediti può migliorare l’indicatore di liquidità dell’azienda. Con un maggiore flusso di cassa derivante dalla cessione dei crediti, l’azienda può migliorare la sua capacità di far fronte agli obblighi finanziari e di pagare i creditori in modo tempestivo. Questo può essere considerato positivamente dalle agenzie di rating, che valutano la capacità di un’azienda di gestire il proprio debito e di mantenere una solida posizione finanziaria.

La cessione dei crediti pro soluto può apportare impatti positivi significativi sul bilancio e sul rating di un’azienda. Attraverso l’ottenimento di liquidità immediata, la riduzione dei crediti inesigibili e il miglioramento della gestione finanziaria complessiva, l’azienda può rafforzare la propria posizione finanziaria e aumentare la fiducia degli investitori e dei creditori. Tuttavia, è importante valutare attentamente i costi e i benefici associati alla cessione dei crediti e considerare gli effetti

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

20/06/2023

Minibond quotati, vantaggi per le PMI

Le piccole e medie imprese (PMI) sono spesso considerate il motore dell’economia, generando occupazione e stimolando la crescita economica. Tuttavia, molte PMI si trovano di fronte a sfide nell’accesso al finanziamento necessario per espandere le proprie attività. In questo contesto, l’emissione di minibond quotati in borsa si presenta come una soluzione promettente per le PMI, offrendo opportunità e vantaggi significativi.

Accesso a finanziamenti a costi vantaggiosi: Accedere ai mercati dei capitali consente alle PMI di diversificare le fonti di finanziamento al di là dei tradizionali prestiti bancari. L’emissione di minibond consente alle imprese di ottenere finanziamenti direttamente dai mercati finanziari, consentendo loro di raccogliere capitali da un’ampia base di investitori. Questo può tradursi in condizioni di finanziamento più vantaggiose, come tassi di interesse competitivi e termini di rimborso flessibili. Se l’emissione viene certificata ESG, inoltre, vi è uno sconto sul tasso cedolare.

Crescita ed espansione aziendale: L’accesso ai mercati dei capitali può fornire alle PMI il capitale necessario per sostenere la crescita e l’espansione aziendale. I fondi raccolti attraverso l’emissione di minibond possono essere utilizzati per investire in nuove tecnologie, acquisire attività complementari, espandere la presenza di mercato o sostenere progetti di ricerca e sviluppo. Questo apre nuove opportunità di crescita che potrebbero essere altrimenti limitate dalla mancanza di finanziamenti adeguati.

Aumento della visibilità e della reputazione aziendale: L’emissione di minibond quotati in borsa porta le PMI ad entrare nel radar degli investitori istituzionali e del pubblico in generale. Questo aumento di visibilità può migliorare la reputazione aziendale e conferire un maggiore grado di fiducia e credibilità tra i potenziali clienti, fornitori e partner commerciali. Inoltre, il fatto di essere quotati in borsa implica una maggiore trasparenza e responsabilità aziendale, che può contribuire a rafforzare la fiducia degli stakeholder.

Possibilità di successivi accessi al mercato dei capitali: L’emissione di minibond quotati in borsa può aprire la strada per futuri accessi al mercato dei capitali. Una volta stabilita una presenza sul mercato finanziario, le PMI possono godere di maggiore flessibilità nel reperire finanziamenti aggiuntivi quando necessario. Ciò può essere particolarmente vantaggioso durante periodi di crescita accelerata o in occasione di nuove opportunità di investimento.

Le PMI che scelgono di accedere ai mercati dei capitali attraverso l’emissione di minibond quotati in borsa possono beneficiare di opportunità significative e vantaggi finanziari. L’accesso a finanziamenti a costi vantaggiosi, la possibilità di sostenere la crescita aziendale, l’aumento della visibilità e della reputazione aziendale e la prospettiva di futuri accessi al mercato dei capitali sono solo alcune delle ragioni per cui le PMI dovrebbero considerare questa opzione. Tuttavia, è importante valutare attentamente i requisiti, i costi e gli obblighi associati a tale processo per garantire una gestione adeguata delle risorse finanziarie e il rispetto delle normative di borsa.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

05/06/2023

Il pugno di ferro: L’inaspettata relazione tra la boxe e la crisi di impresa

La boxe è uno sport che richiede disciplina, determinazione e una strategia ben pianificata. I pugili si allenano duramente per sviluppare la forza fisica e mentale necessaria per affrontare avversari potenti e resistere alle situazioni più difficili sul ring. Ma cosa c’entra la boxe con il mondo degli affari e la crisi di impresa? Sorprendentemente, esiste una connessione tra le due realtà. In questo articolo, esploreremo come i principi della boxe possono essere applicati al contesto aziendale e come la mentalità di un pugile può aiutare le aziende a superare momenti di crisi.

La preparazione come chiave del successo:

La preparazione è fondamentale sia nella boxe che nelle imprese. Un pugile trascorre innumerevoli ore ad allenarsi per migliorare le proprie abilità e perfezionare le strategie di combattimento. Allo stesso modo, le aziende devono dedicare tempo ed energie per comprendere il mercato, analizzare la concorrenza e identificare le opportunità di crescita. Una scarsa preparazione può portare a decisioni affrettate e a una gestione inefficace delle crisi aziendali.

La resilienza come arma segreta:

La resilienza è un tratto fondamentale sia per i pugili che per gli imprenditori. Sul ring, i pugili devono essere in grado di sopportare colpi duri e reagire positivamente alle avversità. Nelle imprese, la resilienza è necessaria per affrontare le sfide e superare le difficoltà. La capacità di rimanere concentrati, adattarsi alle situazioni mutevoli e continuare a lottare nonostante le sconfitte temporanee può fare la differenza tra il fallimento e il successo.

L’importanza della strategia:

Nella boxe, la strategia è essenziale per ottenere la vittoria. Un pugile deve studiare attentamente il proprio avversario, identificarne i punti deboli e sfruttarli a proprio vantaggio. Nelle imprese, la strategia svolge un ruolo cruciale durante le crisi. È necessario analizzare la situazione, individuare i fattori chiave che hanno portato alla crisi e pianificare le azioni necessarie per superarla. Una strategia ben strutturata può aiutare le aziende a rimettersi in piedi e a rafforzarsi nonostante le difficoltà.

L’importanza del supporto:

Nella boxe, un pugile ha un team di allenatori, manager e compagni di squadra che lo sostiene e lo guida lungo il percorso. Nelle imprese, avere un solido supporto è altrettanto importante. Durante una crisi, le aziende possono beneficiare del supporto di consulenti esperti, mentor o gruppi di imprenditori con esperienze simili. Queste figure possono offrire prospettive esterne, consigli pratici e incoraggiamento emotivo per aiutare le aziende a navigare con successo attraverso tempi difficili.

Nonostante possano sembrare mondi distanti, la boxe e il mondo degli affari condividono alcuni principi chiave che possono essere applicati in entrambe le sfere. La preparazione, la resilienza, la strategia e il supporto sono elementi fondamentali per affrontare le crisi sia nel ring che nelle imprese. Guardando oltre le apparenze, possiamo trarre ispirazione dalla mentalità dei pugili per superare le difficoltà aziendali e ritornare alla vittoria.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

30/05/2023

Credit crunch e rating aziendale

Credit crunch” si riferisce a una situazione di restrizione nell’erogazione del credito da parte delle istituzioni finanziarie. Durante un credit crunch, le banche e altre istituzioni finanziarie diventano più caute nel concedere prestiti e potrebbero richiedere garanzie aggiuntive o alzare i tassi di interesse. Ciò può avere un impatto significativo sulle aziende che dipendono dal finanziamento per le loro operazioni quotidiane o per investimenti a lungo termine.

Il rating aziendale fa riferimento alla valutazione del rischio creditizio di un’azienda: si valutano le capacità di un’azienda di onorare i propri debiti e si emette un rating che riflette il livello di rischio associato al credito dell’azienda. Questi rating vengono utilizzati dagli investitori e dalle istituzioni finanziarie per valutare la solvibilità e l’affidabilità di un’azienda come debitore.

Durante un credit crunch, le istituzioni finanziarie potrebbero rivedere al ribasso i rating delle aziende a causa delle maggiori difficoltà nel reperire finanziamenti e nel soddisfare gli obblighi di pagamento. Un downgrade del rating può rendere a sua volta più difficile per un’azienda ottenere prestiti a tassi di interesse favorevoli o accedere a finanziamenti necessari per la crescita aziendale. Ciò può causare una stretta creditizia ancora maggiore per l’azienda e influenzare negativamente la sua capacità di operare efficacemente, in un circolo vizioso.

In sintesi, durante un credit crunch, le aziende possono affrontare maggiori sfide nell’ottenere finanziamenti e potrebbero vedere i loro rating aziendali abbassati dalle istituzioni finanziarie, il che può peggiorare ulteriormente la loro situazione finanziaria.

In questi casi intervenire in situazione acuta è molto difficile e richiede tempo, vale sempre la legge che prevenire è meglio che curare e ciò si può fare costruendo i propri bilanci e un equilibrio economico finanziario e patrimoniale giorno per giorno.

Noi ci siamo, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

16/05/2023

PMI: brivido da rialzo dei tassi

L’aumento dei tassi di interesse ha un impatto significativo sui bilanci delle PMI. Questo perché le PMI spesso dipendono da prestiti e finanziamenti per sostenere le loro attività e un aumento dei tassi di interesse influisce sui costi dei finanziamenti, aumentandone il costo di approvvigionamento quindiriducendo la redditività dell’impresa.

Quando le banche centrali aumentano i tassi di interesse, le banche commerciali seguono l’esempio aumentando a loro volta i tassi sui prestiti. Questo aumento dei tassi di interesse può influire sulla capacità stessa delle PMI di ottenere finanziamenti, poiché il costo del debito aumenta, influendo negativamente sulla redditività dell’impresa e sulla sua capacità di investire in nuovi progetti o espandersi e peggiorando i parametri del rating.

Inoltre, le PMI che hanno già sottoscritto prestiti a tassi di interesse variabili accusano un aumento dei costi di finanziamento, influendo sulla capacità dell’impresa di rispettare i propri impegni finanziari e di mantenere la liquidità come da business plan.

L’aumento dei tassi di interesse può anche influire sulla domanda di prodotti e servizi delle PMI. Se i consumatori e le aziende riducono le loro spese a causa dell’aumento, le PMI possono a cascata subire una riduzione delle entrate e dei profitti.

In generale, l’impatto dell’aumento dei tassi di interesse sui bilanci delle PMI dipenderà dalla situazione finanziaria dell’impresa, dal tipo di prestiti che ha sottoscritto e dalle condizioni del mercato in cui opera. Tuttavia, è importante che le PMI siano consapevoli dell’effetto dei tassi di interesse sui loro bilanci e che considerino le strategie di gestione del rischio finanziario per mitigare gli effetti negativi dell’aumento dei tassi stessi.

Ciò potrebbe includere la diversificazione delle fonti di finanziamento e l’uso di strumenti finanziari come i contratti di swap per gestire il rischio di tassi di interesse o approcciare direttamente il mercato dei capitali utilizzando nuovi strumenti di approvvigionamento finanziario.

Noi siamo pronti, Voi?

Articolo di Marco Simontacchi

11/05/2023